IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 del senato, regolamenti statuti e così via

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Camilla_melissa

avatar

Femminile
Numero di messaggi : 1119
Data d'iscrizione : 03.11.15

MessaggioTitolo: del senato, regolamenti statuti e così via Mar 2 Ago - 7:33:55

In senato c'è nuovamente richiesta per lo statuto cad, come al solito quando c'è da ratificare un nuovo statuto c'è confusione, ognuno fa come gli pare e non c'è nessuna legge che ne specifica l'iter.

Le cose confuse non mi piacciono e vorrei proporre al parlamento l'inserimento di una legge in merito a questa questione, in 8 mesi sono andata al manicomio a rileggermi archivi e così via e non intendo passarne altri 8 così, ho promesso chiarezza e così sarà.

Attendo proposte in merito ad un iter giusto per tutti da vagliare e passare al senato.


_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Ciridonio
Sua Maestà il Re
Sua Maestà il Re
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 2191
Località : Castello di Pescosansonesco
Data d'iscrizione : 15.10.11

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Mar 2 Ago - 8:59:10

E' davvero necessario che passi per il parlamento?
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.iregni.com/FichePersonnage.php?login=ciridonio
Camilla_melissa

avatar

Femminile
Numero di messaggi : 1119
Data d'iscrizione : 03.11.15

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Mar 2 Ago - 9:58:49

e come facciamo a decidere una prassi definitiva?

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Ciridonio
Sua Maestà il Re
Sua Maestà il Re
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 2191
Località : Castello di Pescosansonesco
Data d'iscrizione : 15.10.11

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Mar 2 Ago - 10:08:10

Se non ricordo male, lo statuto CAD non è mai passato per il parlamento, ma è come altri qualcosa di diverso, direttamente convenuto tra il Sovrano ed il presidente/ministro competente.

Altri esempi sono il regolamento della Corte Reale e della Cavalleria.
Personalmente lascerei la cosa così.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.iregni.com/FichePersonnage.php?login=ciridonio
Camilla_melissa

avatar

Femminile
Numero di messaggi : 1119
Data d'iscrizione : 03.11.15

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Mar 2 Ago - 10:53:19

Ma io non voglio far passare per il parlamento, voglio che la prassi di approvazione diventi una legge senza che ogni 10 giorni ci troviamo parlamento e organi in contrasto

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Telfusa
Segretario Personale
Segretario Personale
avatar

Femminile
Numero di messaggi : 1752
Data d'iscrizione : 14.01.13

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Mer 3 Ago - 4:47:07

Io faccio mie le parole del Duca. Il senato ha molti membri ma per non far pasticci, essendo la CAD un organo voluto dagli altissimi, tutti e dico tutti quelli che ne discutere vero dovrebbero conoscere i contenuti della carta del Giudici.
Avevo preparato una relazione per Ayla e se la leggete vi renderete conto che solo una volta si cercò di farlo passare dal senato ma come decreto (scritto da Sua Maestà e dal Presidente) da far approvare al parlamento. Questo significava che non potevano ne discuterlo ne modificarlo. Io potrei per questa scelta se proprio si vuole far passare lo statuto cad da lì. Ma discuterlo i senatori, bhe no! Non ci sono le competenze, e non a causa loro, a causa del fatto che non necessariamente sono senatori giuristi e giudici, quindi esperti sul tema è conoscitori della cdg.

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Nephti

avatar

Femminile
Numero di messaggi : 2253
Località : Tagliacozzo
Data d'iscrizione : 12.11.15

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Mer 3 Ago - 9:04:51

Allur prima di intervenire oltre a leggermi per l'ennesima volta tutto il corpo di leggi del Regno, ho anche guardato oltre i nostri confini, precisamente ai nostri diretti vicini.

Impero

Citazione :
CAPI

Magna Charta, c'è un punto sulle Corti d'Appello
Citazione :
IV. Potere Giudiziario

Articolo 8 - Giustizia

(1) Il potere giudiziario dello S.R.I.N.G. è costituito da due livelli, i Tribunali provinciali di primo grado e le Corti di appello. Nei territori dove sia assente una Corte d'Appello locale, entrerà in azione la Corte d'Appello Imperiale. La Corte d'Appello Imperiale è responsabile per i seguenti crimini:
- Alto Tradimento contro l'Impero o l'Imperatore;
- Violazioni della Magna Charta o di qualunque altra Legge Imperiale;
- Ricorso contro una sentenza di un tribunale provinciale, qualora non esista un tribunale di seconda istanza locale (quando è presente tale Corte d'Appello locale, la sentenza di questa è definitiva);
Dopo una sentenza di un Tribunale provinciale, Corte d'Appello o Corte d'Appello Imperiale, l'Imperatore può concedere la grazia. Egli non può tuttavia giudicare, solo concedere il perdono.

(2) L'interpretazione della Magna Charta e delle leggi dell'Impero, spettano alla Corte Imperiale.

(3) Ulteriori dettagli sono regolamentati nella Legge Imperiale di Giustizia.

- Il Regolamento CAPI è ratificato dall'Imperatore, che ne è a capo.
Dallo Statuto della CAPI:
Citazione :
§ 35 I cambiamenti a questo statuto possono essere decisi dall'Imperatore o dal Ministro Imperiale per la Giustizia, in rappresentanza dell'Imperatore, sentito in via preventiva il parere del Presidente della Corte d'Appello.
Ai reggenti è permesso fare proposte di modifica nella Camera dei Principi della Dieta Imperiale.

Anche se totalmente diversa da noi, riporto per conoscenza anche quelle della Serenissima.


Citazione :
Serenissima
- Dal Corpus Iuris Veneticum
Citazione :
Articolo Diciannove-Della Serenissima Corte d'Appello
Nell'interesse del popolo veneziano a mantenere un secondo grado di giudizio, e per la salvaguardia dell'indipendenza della SCA da pressioni o interessi politici minoritari, ogni futura decisione riguardante la soppressione o la modifica unilaterale delle condizioni di operatività della SCA, dovrà essere approvata con una maggioranza di otto consiglieri più il Doge.
- Il Doge non è un membro.
"Sarà fatto divieto per un Doge Serenissimo essere allo stesso tempo Presidente o membro a qualsiasi titolo dall SCA."

Ciò detto passo alla proposta.

Fare una modifica al Codice Penale Regio, ovvero

Citazione :
LIBRO IV - DEL GIUDIZIO DI APPELLO

Art. 45 - Appello
Il Regno delle Due Sicilie riconosce a tutti coloro che sono stati condannati con sentenza emessa da uno dei Tribunali del Regno il diritto di proporre appello contro quest'ultima alla Corte d’Appello DuoSiciliana.
L'appello può essere proposto una sola volta.
Il giudizio d'appello è regolato da apposita legge regia.
La decisione della Corte d'Appello è vincolante per tutte le istituzioni regie, provinciali e comunali, che debbono darvi esecuzione. Chiunque ne faccia parte e non vi dia esecuzione essendone richiesto commette il reato di omissione di atti d'ufficio.

In questo punto inserire che la CAD si regola attraverso uno Statuto interno deciso

- O dal Sovrano, unitamente al Ministro di Grazia e Giustizia e al Presidente Cad (che è portavoce dei membri della Corte)

- O dal Sovrano e dal Concilio ristretto.

Una volta deciso, aggiungere la cosa anche all'interno dello Statuto della CAD (So che è stato scritto da poco, ma ritengo sia un'aggiunta importante), così come è presente nello Statuto del Corpo Diplomatico:

Citazione :

Articolo 6 : Dall'entrata in vigore
Il Seguente statuto entra in vigore il giorno 04 Marzo 1464 e resta in vigore fino a successiva modifica approvata dal Sovrano.

Oppure ancora

Citazione :
Legge del Regno n°4/1458 – Corte Reale delle Due Sicilie
Una volta riunitasi, la Corte dovrà redigere un proprio regolamento entro la fine di questo mandato.
La proposta sarà sottoposta al vaglio del Concilio Ristretto della Corona ed eventualmente approvata con o senza modifiche da Sua Maestà la regina.

A parte il fatto che aggiungerei il punto sugli Statuti interni e la loro modifica in ogni Regolamento, tendenzialmente preferisco la prima, più semplice "Il seguente Statuto entra in vigore il giorno bla bla. Resta in vigore fino a successiva modifica approvata dal Sovrano, dal Ministro di Grazia e di Giustizia e dal Presidente CAD/ e dal Concilio Ristretto"
Se vogliamo vedere qualcosa di nostro, altrimenti trovo molto completo quello dell'Impero che unito al nostro verrebbe
"Il seguente Statuto entra in vigore il giorno bla bla.
I cambiamenti a questo Statuto possono essere decisi dal Sovrano o dal Ministro di Grazia e Giustizia, in rappresentanza del Sovrano, sentito il parere del Presidente della Corte d'Appello. "



_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Camilla_melissa

avatar

Femminile
Numero di messaggi : 1119
Data d'iscrizione : 03.11.15

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Mer 3 Ago - 9:45:34

Grazie Ginevra,

chiedo cortesemente prima di prendere una decisione in merito di visionare i riferimenti della carta dei giudici dove si dice che un giudice cad deve essere stato in precedenza già giudice o qualsiasi limitazione nel ricoprire questa carica.

Inoltre Nephti potresti trovarmi anche i punti sulle candidature a giudice negli altri statuti per favore?

Infine vi esprimo il mio pensiero, ritengo che ogni organo debba essere libero di decidersi lo statuto con l'avallo del re, perchè chi ci lavora sa bene cosa occorre, ma abbiamo un buco su questa faccenda nella costituzione, non si parla proprio di iter per riconoscere statuti e regolamenti, ma questi vengono annoverati nelle leggi, e su questo che io voglio far chiarezza prima di decidere se è lecito intervenire o meno in senato.

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Telfusa
Segretario Personale
Segretario Personale
avatar

Femminile
Numero di messaggi : 1752
Data d'iscrizione : 14.01.13

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Mer 3 Ago - 10:58:28

Allora, premetto che nn vi è scritto "dev'essere Giudice un ex Giudice" perchè, scusate se lo dico bruscamente è ovvio che in una corte d'appello ci lavorino come Giudici dei Giudici. Chi dovrebbe lavorarci? E' un organo di massima importanza ed è ovvio chegli Amministratori richiedano conoscenza.
Il tutto, potrà non piacere ma è sottinteso.
Nella versione italiana:


Citazione :
IL SILENZIO DELLA LEGGE

In mancanza di una legge specifica, il giudice deve esercitare la giustizia basandosi solo sul suo buon senso giuridico. Il sistema giuridico dei "Regni Rinascimentali" è piuttosto quello di un diritto consuedutinario, più che un diritto scritto e il lavoro degli attori del sistema giudiziario consiste nel fare rispettare un minimo d'ordine (senza nuocere al piacere di tutti i giocatori, tra cui i criminali stessi).

Se un giudice si trova nella situazione di dover esercitare la giustizia malgrado il silenzio o l'assenza della legge, gli si consiglia di consultare la giurisprudenza di altri Ducati, o di ascoltare i giudizi anziani del suo Ducato o di rifarsi ai principi della giurisprudenza della Corte d’Appello. Il giudice troverà ugualmente spunti di riflessione per non essere sottoposto solo alla propria soggettività interrogando gli avvocati e i procuratori della Cancelleria che lo orienteranno al meglio verso eminenti colleghi.

Eminenti colleghi sono dei Giudici e sinceramente io non toglierei questo requisito.

Ora comunque vedo la versione francese e inglese perchè erano leggermente differenti.

Lo Sring prevede gli stessi requisiti all'art. 22 del loro statuto:


Citazione :
22. Tutti i giudici della Corte d'Appello devono aver presieduto un tribunale provinciale per un tempo minimo corrispondente alla durata di un mandato completo.


Concordo con il Ministro degli Esteri, quella legge del cpr va modificata anche perchè si riferisce a una legge del '58.

Se proprio si vuole far una via di mezzo, vada per l'avvallo del Concilio, ma il parlamento non lo trovo competente ne veloce come per garantire modifiche o contenuti adeguati alla Cdg-


_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Nephti

avatar

Femminile
Numero di messaggi : 2253
Località : Tagliacozzo
Data d'iscrizione : 12.11.15

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Mer 3 Ago - 22:27:09

Dunque mi son letta la CdG in inglese e non c'è in nessun punto un riferimento ai requisiti che devono avere i Giudici della Corte d'Appello, però è anche vero che fin dall'inizio è specificata l'importanza di un Giudice in questo mondo (" The judge wields an astonishing power over the thousands of players within Renaissance Kingdoms; a power which goes together with a high level of responsibility towards the other players, the game in general and the creators.") e che debba avere una conoscenza della Carta e delle Leggi, per non incorrere in errore.

A parer mio, vien da sé che se un Giudice di Principato deve avere tali requisiti, ancor di più devono averli i membri della Corte d'Appello, ai quali ad esempio un Giudice può rivolgersi per chiedere un parere. La conoscenza non viene solo dallo studio, ma anche dalla pratica quindi è bene che abbiano ricoperto tale carica in passato.

Detto ciò, lascio alla Viscontessa le varie CdG e riporto il punto sui vari statuti.

Premetto che ho preferito per completezza non solo riportare i requisiti per i Giudici ma anche per tutti i ruoli, così da avere una migliore visione d'insieme.


Citazione :
CAPI

- Imperatore
- Presidente (viene nominato e confermato dall'Imperatore. La scelta dell'Imperatore si basa unicamente sul merito.) -> Suppongo che qui per merito s'intenda comprovata esperienza in campo giuridico.
- Vice Presidente (viene nominato dal Presidente tra tutti i membri della Corte d'Appello.)

- Giudici
Citazione :
Paragrafo VII - Dei Giudici e delle loro funzioni

Art.1 - I Giudici della Corte d'Appello devono aver presieduto un Tribunale di una qualsiasi Provincia, salvo controindicazioni Imperiali, per un tempo minimo corrispondente alla durata di un mandato consiliare.
Hanno il compito di presiedere i processi loro affidati e, al termine degli stessi, in base alle prove presentate, alla Carta dei Giudici, alle Leggi Provinciali ed Imperiali, emettere il verdetto.
Nel momento in cui viene loro affidato un procedimento, qualora conoscessero personalmente l'imputato, sono tenuti a comunicarlo al Presidente, affinché possa provvedere alla sostituzione prima dell'inizio del procedimento stesso.

Art. 1.1 - La figura del Giudice è incompatibile con qualsiasi altro incarico giuridico.

Art.2 - I Giudici della Corte d'Appello devono prestare solenne giuramento nella sala preposta della sezione pubblica della CAPI, secondo le modalità previste dall'allegato 2 del presente statuto.

Art.2.1 - I Giudici della Corte d'Appello devono firmare il contratto secondo le modalità previste dall'allegato 2/bis del presente statuto.*

Art.3. Qualsiasi Giudice CAPI può esprimere parere consultivo, se richiestogli dal Giudice di I grado, senza incombere in sanzione alcuna.

*Riporto per completezza
Spoiler:
 

- Procuratori (Art.2 - I Procuratori della Corte d'Appello Imperiale devono aver presieduto per almeno due mesi un incarico giuridico, sia esso di tipo elettivo o di nomina civile, militare e/o religiosa.)
- Cancellieri ( Art 2 - I Cancellieri vengono nominati, previo pubblico bando, su criteri di merito e discrezionalità, osservatone il curriculum)


La cosa che mi piace della CAPI è che inserisce la possibilità per l'Imperatore di dare la grazia, dopo che la Corte ha emesso la sentenza (Dalla Magna Charta: "Dopo una sentenza di un Tribunale provinciale, Corte d'Appello o Corte d'Appello Imperiale, l'Imperatore può concedere la grazia. Egli non può tuttavia giudicare, solo concedere il perdono." e dallo statuto CAPI: "ha potere assoluto su questa istituzione. Egli ha, quindi, la piena facoltà di perdonare ogni persona perseguita dalla Corte.") oppure di far ripetere nuovamente un processo ("Se una persona non è soddisfatta dal verdetto può rivolgersi solo all'Imperatore affinché si prenda personalmente carico del caso. L'Imperatore è libero di accettare o rifiutare il caso o ancora di confermare direttamente il verdetto della CAPI")

Citazione :
SCA

* 1 Presidente
Il Presidente SCA dovrà soddisfare tali requisiti:
- aver ricoperto il ruolo di Giudice e PM, o in alternativa il ruolo di Doge e Giudice o Doge e PM.
- ogni incarico deve esser stato ricoperto per la durata totale di un mandato consigliare almeno 45 giorni
- avere una comprovata conoscenza delle Leggi Serenissime

* 3 Giudici
Citazione :
hanno il compito di risolvere la controversia legale nel processo d’appello emettendo una sentenza ben motivata (di conferma o sostituzione della precedente emessa dal Giudice repubblicano) nel rispetto delle leggi repubblicane veneziane. I Giudici, non dovranno partecipare a processi riguardanti direttamente (come imputato o appellante) familiari e/o compagni di partito. La validità della carica dura 6 mesi dalla nomina o decade prima per dimissioni; se ritenuto necessario, ne conseguirà un bando per il posto vacante. In caso di assenza temporanea prolungata (dai 5 giorni in su), dovrà avvisare i membri dell’istituzione nelle apposite sale SCA; può esser sostituito momentaneamente in caso di processi in corso a lui affidati da uno degli altri Giudici. Viene eletto tramite bando pubblico e scelto, tramite votazione, dalla maggioranza composta da membri di 8 membri del Consiglio; la scelta del candidato va motivata a conclusione del bando.
I Giudici SCA dovranno soddisfare tali requisiti:
- aver ricoperto almeno 45 giorni il ruolo di Serenissimo Giudice
- aver emesso almeno 20 sentenze.
- avere una comprovata conoscenza delle Leggi Serenissime

*3 Pubblici Ministeri
I PM SCA dovranno soddisfare tali requisiti:
- aver ricoperto almeno per un mandato di 45 giorni il ruolo di Serenissimo Prefetto, PM o Serenissimo Giudice
- aver aperto da PM almeno 20 processi o aver effettuato almeno 20 requisitorie
- avere una comprovata conoscenza delle Leggi Serenissime


* 1 Rappresentante del Consiglio
*1 Tesoriere

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Camilla_melissa

avatar

Femminile
Numero di messaggi : 1119
Data d'iscrizione : 03.11.15

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Mer 3 Ago - 23:01:33

Grazie mille, comunque il Castellano ha posto buoni quesiti vediamo cosa risponde il richiedente.

Personalmente ho un solo dubbio che mi era sfuggito prima:
Come mai può diventare giudice un ex PM della CAD e non un ex giudice?

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Telfusa
Segretario Personale
Segretario Personale
avatar

Femminile
Numero di messaggi : 1752
Data d'iscrizione : 14.01.13

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Mer 3 Ago - 23:10:22

Vi dico perché l'Imperatore ha tali poteri, si chiama "storia dei Regni" e purtroppo chi è giovane spesso non sa com'è nata questa istituzione, voluta dagli admin. che nella versione inglese che citi dice chiaramente:

Citazione :
Qualsiasi giudice che (i) violano ripetutamente le disposizioni della presente Carta, (ii) ignora le avvertenze della Corte d'Appello o (iii) sfrutta il suo / la sua posizione può essere perseguito per alto tradimento davanti al Parlamento di [Parigi], o, in mancanza di ciò, la Corte d'Appello. La pena massima per detti crimini è l'eliminazione, nei casi più gravi di abuso riconosciuti dalle autorità reali (i admins).

Autorità reali perché loro autorizzavano la massima autorità di un Regno a istituire la Corte in nome loro affinché non ci fossero abusi. Stiamo pertanto parlando del Re come garante di legalità perché così vollero gli Admin. Anche se oggi al Sovrano non gli si vuole dare questo "potere", è in realtà un potere dato dall'alto.
In tutto questo ho letto quanto potevo, la versione spagnola è uguale alla nostra, e la francese molto simile all'inglese, come detto: non è esplicita la richiesta nella Cdg di determinati requisiti, ma parlando di diritto consuetudinario, direi che non era necessaria la specifica visto il tipo di Istituzione, era ovvero duopo che fossero dei Giudici a presiedere i processi.


Il Pubblico Ministero conosce il lavoro, presiede ai processi in primo grado, è un avvocato se così vogliamo chiamarlo.
E i Giudici non devono essere stati solo Pm per la CAD anzi:

Citazione :
Articolo 12 - Requisiti per la nomina a Giudice

I requisiti per la nomina a Giudice sono i seguenti:
- essere cittadini residenti nella Provincia indicata nel bando ovvero non essere residenti nel Regno per quanto concerne i Giudici di nomina regia;
- essere di condotta incensurabile;
- non aver riportato condanne penali definitive;
- avere svolto le funzioni di Giudice IG, Pubblico Ministero IG o Procuratore della Corte in una provincia del Regno per almeno trenta giorni;-
- essere maggiorenni (avere 3 mesi di vita );
non avere svolto le funzioni di Giudice IG, Pubblico Ministero IG negli ultimi trenta giorni;
- non ricoprire al momento della candidatura alcuna carica in un Consiglio Provinciale.


_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Nephti

avatar

Femminile
Numero di messaggi : 2253
Località : Tagliacozzo
Data d'iscrizione : 12.11.15

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Gio 4 Ago - 0:21:31

Telfusa ha scritto:
Vi dico perché l'Imperatore ha tali poteri, si chiama "storia dei Regni" e purtroppo chi è giovane spesso non sa com'è nata questa istituzione, voluta dagli admin. che nella versione inglese che citi dice chiaramente:

Citazione :
Qualsiasi giudice che (i) violano ripetutamente le disposizioni della presente Carta, (ii) ignora le avvertenze della Corte d'Appello o (iii) sfrutta il suo / la sua posizione può essere perseguito per alto tradimento davanti al Parlamento di [Parigi], o, in mancanza di ciò, la Corte d'Appello. La pena massima per detti crimini è l'eliminazione, nei casi più gravi di abuso riconosciuti dalle autorità reali (i admins).

Autorità reali perché loro autorizzavano la massima autorità di un Regno a istituire la Corte in nome loro affinché non ci fossero abusi. Stiamo pertanto parlando del Re come garante di legalità perché così vollero gli Admin. Anche se oggi al Sovrano non gli si vuole dare questo "potere", è in realtà un potere dato dall'alto.

So che la Corte d'Appello è nata per volontà superiori, ma appunto come già detto mi piace che il privilegio di concedere la Grazia l'abbia l'Imperatore/Re, perché è coerente con il suo ruolo, in linea con i poteri che gli vengono concessi dall'Altissimo e dal Popolo.
Non dimentichiamoci che ci sono Re in Francia e Inghilterra che guariscono i malati, perché il nostro non può di diritto concedere la Grazia ribaltando una sentenza della Cad, organo a cui è "a capo" per mezzo della scelta del Presidente?


Ciò detto ho una perplessità


Citazione :
Articolo 12 - Requisiti per la nomina a Giudice

I requisiti per la nomina a Giudice sono i seguenti:
- essere cittadini residenti nella Provincia indicata nel bando ovvero non essere residenti nel Regno per quanto concerne i Giudici di nomina regia;
- essere di condotta incensurabile;
- non aver riportato condanne penali definitive;
- avere svolto le funzioni di Giudice IG, Pubblico Ministero IG o Procuratore della Corte in una provincia del Regno per almeno trenta giorni;-
- essere maggiorenni (avere 3 mesi di vita );
non avere svolto le funzioni di Giudice IG, Pubblico Ministero IG negli ultimi trenta giorni;
- non ricoprire al momento della candidatura alcuna carica in un Consiglio Provinciale.

Se io scrivo "domani, domenica o lunedì" con quella virgola io intendo un altro "o": domani o domenica o lunedì, a meno che non si precisi diversamente. Quindi se io leggo "Giudice IG, Pubblico Ministero Ig O procuratore", mi viene naturale intendere che al bando possono accedere: quelli che sono stati giudici o quelli che sono stati pm o quelli che sono stati procuratori.
Come detto precedentemente, non è scritto sulla CdG che i requisiti che debba aver un Giudice, ma sempre come detto, vien da sé che debba essere stato Giudice IG a sua volta.
Non metto nemmeno in dubbio la conoscenza che possono avere i procuratori sui processi, ma avrei contemplato per loro quanto meno qualche carica IG inerente alla giustizia (non dico Giudice, ma quanto meno Pm o Prefetto), in questo caso annoverare la carica di Procuratore fra i requisiti per il Giudice sarebbe sicuramente migliore

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Telfusa
Segretario Personale
Segretario Personale
avatar

Femminile
Numero di messaggi : 1752
Data d'iscrizione : 14.01.13

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Gio 4 Ago - 0:33:30

Sì, leggi bene, Pubblico Ministero IG o Pubblico Ministero gdr (Procuratore), uno dei tre.
Ciò che dici è corretto, sarebbe stato duopo che fosse solo Giudice IG, ma non posso decidere sola sullo statuto e viste le mille irregolarità che si erano verificate in Cad, una di queste il ruolo di Fabioilbello, era stata suggerita questa modifica che facesse entrare i procuratori gdr in modo che facendo gavetta in Cad potessero aspirare al ruolo di Giudice. Personalmente, quindi io Telfusa Cortéz D'Oria sono concorde con Voi e avrei lasciato che fossero dei Giudici IG a fare i Giudici, ma le polemiche in Senato hanno spinto anche i nuovi Giudici ad aprire a questa carica, cercando di mantenere il minimo dei requisiti possibile.

Sulla grazia benvenga, io sono suddita e che mi sia piaciuta o no la politica dei vari sovrani susseguitisi, ho servito tutti indistintamente per il regno e in nome del regno.

Credo che il Sovrano debba essere garante della legalità e mai lo metterei in dubbio com'è successo.
Quindi a favore della grazia che, risolto il problema con il Senato, sarò ben lieta di portare all'attenzione dei Giudici.


_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Nephti

avatar

Femminile
Numero di messaggi : 2253
Località : Tagliacozzo
Data d'iscrizione : 12.11.15

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Gio 4 Ago - 1:37:59

A questo punto ho un'altra domanda (nun t'arrabbià, lo sai che ho sempre da chiedere I love you )
Perché si è scelto di regolarizzare la posizione di uno solo, prendo Fabioilbello come esempio, invece di metterlo a fare altro, con i requisiti che fattivamente aveva?

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Telfusa
Segretario Personale
Segretario Personale
avatar

Femminile
Numero di messaggi : 1752
Data d'iscrizione : 14.01.13

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Gio 4 Ago - 2:21:56

Non si è deciso di regolarizzarlo, di fatto egli non è più in CAD.
Il vecchio gruppo di Giudici, prima delle tante dimissioni e sospensioni che già conoscete, non si sarebbe proprio posto il problema, visto che a nessuno era mai venuto in mente di controllare queste cose o di vedere se vi fossero irregolarità.
Davanti a questo caso, che non ricordo bene perché fosse venuto fuori, e che successe se non erro quando era Presidente Garrone, tutti pensammo che, essendo già in CAD ed essendovi da sempre, la sua presenza andava regolarizzata.
Questo prima che lasciasse la CAD.
Ora, con i nuovi Giudici l'argomento era lì visibile e si è deciso di lasciarlo in quanto altre persone, come per esempio Vyl, giurista competentissimo, sono valide ma non hanno mai svolto il ruolo ig.
Grazie al nuovo bando Vyl oggi è procuratore e per la CAD un ottimo elemento.

Chiedete pure, sono qui per rispondere in tutto ciò che posso, laddove conosco i fatti o li so per sentito dire. Purtroppo come altre istituzioni del passato la cad non ha creato un archivio ne è stata attenta a conservare, aggiornare, documentare quanto faceva.

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Nephti

avatar

Femminile
Numero di messaggi : 2253
Località : Tagliacozzo
Data d'iscrizione : 12.11.15

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Gio 4 Ago - 11:33:17

Grazie per la spiegazione e comprendo i motivi, sebbene resti convinta dell'idea che un Giudice CAD debba essere stato necessariamente anche giudice IG.
Comunque temo abbiamo divagato dalla richiesta, non essendo lo statuto CAD attualmente in discussione.

Torno sull'argomento, ribadendo l'idea di una modifica al Codice Penale Regio, unito ad un'aggiunta nello Statuto che definisca chi può fare le modifiche.

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Telfusa
Segretario Personale
Segretario Personale
avatar

Femminile
Numero di messaggi : 1752
Data d'iscrizione : 14.01.13

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Ven 5 Ago - 6:23:37

Porterò in Cad le idee che sono qui state portate, anche la grazie se volete.
E sul cpr va aggiornato quell'articolo, se Sua Maestà vuole possiamo portare al Senato una modifica, così come qui se n'è discusso.

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Ciridonio
Sua Maestà il Re
Sua Maestà il Re
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 2191
Località : Castello di Pescosansonesco
Data d'iscrizione : 15.10.11

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Mar 9 Ago - 6:59:48

Camilla_melissa ha scritto:


Infine vi esprimo il mio pensiero, ritengo che ogni organo debba essere libero di decidersi lo statuto con l'avallo del re, perchè chi ci lavora sa bene cosa occorre, ma abbiamo un buco su questa faccenda nella costituzione, non si parla proprio di iter per riconoscere statuti e regolamenti, ma questi vengono annoverati nelle leggi, e su questo che io voglio far chiarezza prima di decidere se è lecito intervenire o meno in senato.

Esattamente.

Per quanto mi riguarda ci sono due strade:

- inserire in costituzione che ogni organo si autoregolamenta (compresa la corte reale e no non esiste proprio che il parlamento leggiferi in merito alla cr)
- lasciare tutto così, dunque per prassi (prima fonte del diritto)

La prima seppure darebbe diciamo un tocco legale "tangente" è comunque un rischio poiché qualche testa gloriosa un giorno potrebbe decidere il contrario, si potrebbe magari fare un comunicato che certifichi la prassi.

Per quanto riguarda l'impero, non ho letto alcun che: l'impero non è per nulla un modello vincente, anzi si dovrebbe fare al contrario.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.iregni.com/FichePersonnage.php?login=ciridonio
Barretto
Governatore degli Abruzzi
Governatore degli Abruzzi


Maschile
Numero di messaggi : 35
Data d'iscrizione : 18.07.16

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Mer 10 Ago - 23:32:25

Se posso permettermi, non dovrebbe esistere niente che non abbia l'obbligo di avallo da parte di re/regina o governatori.

Il mio suggerimento è una norma che in generale dica quello, vi dico che in Abruzzo alcuni sindaci si credono già totalmente indipendenti e che non vogliono che il governatore abbia diritto di avallare i provvedimenti come tasse o ordinanze.

Questa cosa è pericolosa.

Io penserei ad una norma che raccolga tutti gli organi, sia provinciali che regi, sindaci compresi.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Amnion



Maschile
Numero di messaggi : 500
Data d'iscrizione : 04.10.13

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Gio 11 Ago - 7:47:34

mmmm ciò che chiedi é più complesso Barretto. La gestione della Provincia é comunque autonoma e cose come tasse municipali sono prettamente a gestione municipale e provinciale. Mi parrebbe esagerato stabilire che un sindaco per mettere le tasse abbia bisogno della firma del Sovrano. Quella del Governatore si, mi sembra giusto, ma quella del Sovrano ancora eccessiva.

Io vi ho già detto il mio pensiero, preparerei un'aggiunta alla Costituzione che riporti le fonti del diritto del Regno, in cui si scrive quella che giá é la prassi. Datemi il tempo di avere il tempo e vi presento una mia proposta. xD

_________________

Vice Ministro degli Interni
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Camilla_melissa

avatar

Femminile
Numero di messaggi : 1119
Data d'iscrizione : 03.11.15

MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via Ven 23 Set - 4:05:54

Chiudere e spostare

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: del senato, regolamenti statuti e così via

Tornare in alto Andare in basso
 
del senato, regolamenti statuti e così via
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» ...me ne accorgo così............
» Regole di convivenza
» mai altro forum mi ispirò così :-D
» perchè le beta così vicine?
» Chi difende l'intoccabile casta dei farmacisti?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Palazzo Reale di Napoli :: Sale del Governo del Regno :: Archivi di Stato :: Archivio pubblico Concilio Camilla Melissa-
Andare verso: