IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Documentazione processuale Fridal e Ult1926ras von Hannover

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
rimmster
Ambasciatori Stranieri
Ambasciatori Stranieri
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 1026
Località : Tortosa, Principado de Catalunya
Occupazione/Hobby : Ambasciatore e studioso
Data d'iscrizione : 30.08.09

MessaggioTitolo: Documentazione processuale Fridal e Ult1926ras von Hannover Sab 15 Ott - 11:56:27

Ringrazio anzittutto il cancelliere per la pronta disposizione di questa stanza.
In questo spazio verrà depositata la documentazione processuale dei processi a carico degli imputati Fridal von hannover, ex Principe di Tdl e di suo fratello Ult1926ras von Hannover.
Scopo del presente archivio è quello di presentare a tutti i Parlamentari Abruzzesi i particolari di un processo intentato dal Regno delle Due Sicilie, processo al quale, tenendosi in Tdl, essi non potrebbero assistere.

Allo stato c'è solo l'atto d'accusa, che provvedo immediatamente a pubblicare, atto che in esattamente come qui a seguire appare, appare anche al tribunale di Tdl.



Citazione :
Atto d'accusa

Giocatore accusato : Fridal

Informazioni su Virgin. : http://www.iregni.com/FichePersonnage.php?login=fridal

Luogo : Principato di Terra di Lavoro

Accusatore : Regno delle Due Sicilie

Data e ora : 12/10/1459 in merito ai fatti del 24/08/1459

Accusa Ipotizzata : Alto Tradimento per violazione del giuramento prestato da Governatore di TDL durante il suo mandato e Omissione o abuso di atti d’ufficio. (Art.26CPR)

Prove : i documenti atti a dimostrare gli illeciti e soprattutto il dolo delle azioni compiute, poichè provenienti da missive private, Consiglio laburino, Concilio Ristretto, Stato Maggiore del Regno e Camera comune senese, saranno allegati nell'atto di accusa depositato in Tribunale e non sottoposto ai vincoli di segretezza pubblici e simultaneamente inviati al Giudice della Provincia.

Testimoni: l'accusa chiamerà a deporre in merito ai fatti il Ministro degli Esteri Seeligford Dieter Monforte des Friederichs e il Reggente Ettore Marcius Della Groana Conte di Ortona e di Torre del Greco

Commenti : L'accusato con azioni e parole dimostra di non conoscere le leggi e gli obblighi a cui è sottoposto nel ricoprire il suo ruolo e favorisce una condotta lesiva della Sovranità e Dignità del Regno in quanto massimo garante delle leggi della Provincia. Inoltre come dimostrato dalle prove allegate è chiara l'azione di scavallo dell'autorità regia, unica figura deputata alla gestione degli affari esteri non di natura commerciale.
Citazione :
Atto d'accusa

Giocatore accusato : Ult1926ras

Informazioni su Virgin. : http://www.iregni.com/FichePersonnage.php?login=Ult1926ras

Luogo : Principato di Terra di Lavoro

Accusatore : Regno delle Due Sicilie

Data e ora : 12/10/1459 in merito ai fatti del 24/08/1459

Accusa Ipotizzata : Alto Tradimento per violazione del giuramento prestato da Governatore di TDL durante il suo mandato e Omissione o abuso di atti d’ufficio. (Art.26CPR)

Prove : i documenti atti a dimostrare gli illeciti e soprattutto il dolo delle azioni compiute, poichè provenienti da missive private, Consiglio laburino, Concilio Ristretto, Stato Maggiore del Regno e Camera comune senese, saranno allegati nell'atto di accusa depositato in Tribunale e non sottoposto ai vincoli di segretezza pubblici e simultaneamente inviati al Giudice della Provincia.

Testimoni: l'accusa chiamerà a deporre in merito ai fatti il Ministro degli Esteri Seeligford Dieter Monforte des Friederichs e il Reggente Ettore Marcius Della Groana Conte di Ortona e di Torre del Greco

Commenti : L'accusato con azioni e parole dimostra di non conoscere le leggi e gli obblighi a cui è sottoposto nel ricoprire il suo ruolo e favorisce una condotta lesiva della Sovranità e Dignità del Regno in quanto massimo garante delle leggi della Provincia. Inoltre come dimostrato dalle prove allegate è chiara l'azione di scavallo dell'autorità regia, unica figura deputata alla gestione degli affari esteri non di natura commerciale.


Ultima modifica di rimmster il Dom 16 Ott - 21:47:11, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Marcius_da_Valmacca

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 3729
Data d'iscrizione : 29.06.10

MessaggioTitolo: Re: Documentazione processuale Fridal e Ult1926ras von Hannover Sab 15 Ott - 23:37:25

Ecco invece gli atti di accusa pubblicati in tribunale con le prove annesse (attenzione alle date e alle sale di provenienza), prove a cui verrà aggiunto in dibattimento altro proveniente da un GDR chiuso a cui solo ora abbiamo avuto accesso.

Citazione :
Atto d'accusa

Giocatore accusato : Fridal

Informazioni su Fridal : http://www.iregni.com/FichePersonnage.php?login=fridal

Luogo : Principato di Terra di Lavoro

Accusatore : Regno delle Due Sicilie

Data e ora : 12/10/1459 in merito ai fatti del 24/08/1459

Accusa Ipotizzata : Alto Tradimento per violazione del giuramento prestato da Governatore di TDL durante il suo mandato e abuso di atti d�ufficio. (Art.26CPR)

Prove :
Dalla Camera Comune Senese e dal Consiglio di TDL:
http://img27.imageshack.us/img27/2480/44999506.png
http://img51.imageshack.us/img51/7808/74265004.png
http://img217.imageshack.us/img217/7578/40543722.png
http://img839.imageshack.us/img839/5301/74220948.png
http://img263.imageshack.us/img263/3756/con100.png
http://img41.imageshack.us/img41/9002/con102.png
http://img828.imageshack.us/img828/6673/con103.png
http://img829.imageshack.us/img829/1234/con104.png
http://img829.imageshack.us/img829/6869/con105.png
http://img535.imageshack.us/img535/4075/con106.png
http://img683.imageshack.us/img683/8886/con107.png
http://img851.imageshack.us/img851/121/con108.png
http://img819.imageshack.us/img819/5373/con109.png
http://img819.imageshack.us/img819/5373/con109.png
http://img217.imageshack.us/img217/7578/40543722.png
http://img839.imageshack.us/img839/5301/74220948.png
http://img40.imageshack.us/img40/3870/con110.png
http://img192.imageshack.us/img192/3629/con111.png
http://img15.imageshack.us/img15/5207/con112.png
http://img7.imageshack.us/img7/7175/48304518.png

Dal Concilio Ristretto della Corona e dallo SMR:
http://img42.imageshack.us/img42/959/concilior.jpg
http://img855.imageshack.us/img855/1350/smrf.jpg

Testimoni: l'accusa chiamerà a deporre in merito ai fatti il Ministro degli Esteri Seeligford Dieter Monforte des Friederichs e il Reggente Ettore Marcius Della Groana Conte di Ortona e di Torre del Greco

Commenti : L'accusato con azioni e parole dimostra di non conoscere le leggi e gli obblighi a cui è sottoposto nel ricoprire il suo ruolo e favorisce una condotta lesiva della Sovranità e Dignità del Regno in quanto massimo garante delle leggi della Provincia. Inoltre come dimostrato dalle prove allegate è chiara l'azione di scavallo dell'autorità regia, unica figura deputata alla gestione degli affari esteri non di natura commerciale.

Citazione :
Atto d'accusa

Giocatore accusato : Ult1926ras

Informazioni su Ult1926ras : http://www.iregni.com/FichePersonnage.php?login=Ult1926ras

Luogo : Principato di Terra di Lavoro

Accusatore : Regno delle Due Sicilie

Data e ora : 12/10/1459 in merito ai fatti del 24/08/1459

Accusa Ipotizzata : Alto Tradimento per violazione del giuramento a cui era sottoposto in quanto vice-Principe e Consigliere di TDL durante il suo mandato e abuso di atti d�ufficio. (Art.26CPR)

Prove :
Dalla Camera Comune Senese e dal Consiglio di TDL:
http://img27.imageshack.us/img27/2480/44999506.png
http://img51.imageshack.us/img51/7808/74265004.png
http://img217.imageshack.us/img217/7578/40543722.png
http://img839.imageshack.us/img839/5301/74220948.png
http://img263.imageshack.us/img263/3756/con100.png
http://img41.imageshack.us/img41/9002/con102.png
http://img828.imageshack.us/img828/6673/con103.png
http://img829.imageshack.us/img829/1234/con104.png
http://img829.imageshack.us/img829/6869/con105.png
http://img535.imageshack.us/img535/4075/con106.png
http://img683.imageshack.us/img683/8886/con107.png
http://img851.imageshack.us/img851/121/con108.png
http://img819.imageshack.us/img819/5373/con109.png
http://img819.imageshack.us/img819/5373/con109.png
http://img217.imageshack.us/img217/7578/40543722.png
http://img839.imageshack.us/img839/5301/74220948.png
http://img40.imageshack.us/img40/3870/con110.png
http://img192.imageshack.us/img192/3629/con111.png
http://img15.imageshack.us/img15/5207/con112.png
http://img7.imageshack.us/img7/7175/48304518.png

Dal Concilio Ristretto della Corona e dallo SMR:
http://img42.imageshack.us/img42/959/concilior.jpg
http://img855.imageshack.us/img855/1350/smrf.jpg

Testimoni: l'accusa chiamerà a deporre in merito ai fatti il Ministro degli Esteri Seeligford Dieter Monforte des Friederichs e il Reggente Ettore Marcius Della Groana Conte di Ortona e di Torre del Greco

Commenti : L'accusato con azioni e parole dimostra di non conoscere le leggi e gli obblighi a cui è sottoposto nel ricoprire il suo ruolo e favorisce una condotta lesiva della Sovranità e Dignità del Regno in virtù anche del ruolo di vice-Principe di Terra di Lavoro. Inoltre come dimostrato dalle prove allegate è chiara l'azione di scavallo dell'autorità regia, unica figura deputata alla gestione degli affari esteri non di natura commerciale.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
rimmster
Ambasciatori Stranieri
Ambasciatori Stranieri
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 1026
Località : Tortosa, Principado de Catalunya
Occupazione/Hobby : Ambasciatore e studioso
Data d'iscrizione : 30.08.09

MessaggioTitolo: 04.11.1459 - Dal Tribunale di Tdl: Fridal Sab 5 Nov - 8:53:03

Fridal, in data 4 novembre 1459, in Tribunale di Tdl ha scritto:
Prima arringa della difesa

Finalmente, dopo mille inutili perdite di tempo, era giunto il momento di capire, per i due fratelli Hannover, quali fossero questi fatti misteriosi che diverse personalità avevano usato nel tentativo di screditare il loro prestigioso nome.

Restarono abbastanza sconcertati dai documenti presentati dall'accusa.. una pletora di carte che messe così in fila potevano significare tutto o niente. E davvero non capivano da cosa difendersi in quel momento, se non dall'aver compiuto con solerzia e grande capacità un compito arduo e difficile.

In questa situazione fu Fridal a prendere la parola, e non tardò a mostrare il carattere tipico dei due fratelli, uscendo dall'alea che caratterizzava l'atto d'accusa, per scendere alla concretezza dei presunti fatti che erano stati loro imputati.

Vostro Onore,
Signor Pubblico Ministero,
e tutti voi, illustri, degni ed eroici cittadini del Regno delle Due Sicilie,

a voi va il nostro saluto.

La prima cosa che ogni imputato amerebbe dire all'inizio di una difesa è "io sono innocente" e non vi nascondiamo che è stata la prima reazione che abbiamo avuto anche noi nel ricevere la notifica di apertura di un processo a nostro carico.

La tentazione di dire "noi non abbiam fatto nulla" è stata forte, perché la buona fede che ci anima voleva essere difesa in tutti i modi da affermazioni lapidarie.

Eppure nonostante ciò, ci troviamo privati anche della soddisfazione di proclamare la nostra innocenza. Non perché ci sentiamo colpevoli di qualcosa, bensì perché, in tutta franchezza, noi non riusciamo a comprendere quale sia l'accusa che ci viene mossa.

Mi spiego meglio:
ci viene detto "siete sotto accusa per aver violato il giuramento". Ora voi comprenderete che il giuramento a Sua Maestà e al Regno è un giuramento di molto ampio respiro... ci sono diversi modi per violarlo, e so bene che ad esempio il Reggente, che ha presentato la denuncia, ne conosce almeno tre-quattro.

Ci viene detto di non conoscere le leggi e gli obblighi ai quali eravamo sottoposti... scusate ma ci aspetteremmo un minimo di dettaglio in più da parte di chi pretende di incriminarci di Alto Tradimento.

Una pausa diede il tempo ad un lampo di attraversare l'occhio dell'oratore.

A proposito di incriminazione.

Siam stati diverso tempo anche ad interrogarci sul capo di imputazione.
Noi siamo sotto processo per Alto Tradimento.
Per aver
- violato il giuramento alla Corona : reato non contemplato da alcuna norma, in quanto troppo generico;
- violato l'articolo 26 del CPR: reato che rientra nel Capo V del CPR, e pertanto va inquadrato nell'ambito del Tradimento, e non dell'Alto Tradimento.

Con questo noi non vogliamo usare questo piccolo errore a nostro vantaggio, perché non riteniamo giusto trarre profitto dall'ignoranza altrui. E' chiaro che non si può pretendere che chi presenta una denuncia conosca perfettamente il CPR, e ogni tanto ci sta che il PM abbia una svista.

In veste di consiglieri noi teniamo al buon funzionamento della giustizia in TdL e nel Regno, e pertanto chiediamo ufficialmente una correzione del Capo d'accusa, senza denunciare chi l'ha scritto per aver dimostrato di "non conoscere le leggi e gli obblighi" vigenti in questa Terra.

Dopo di che chiediamo che qualcuno ci spieghi cortesemente di cosa siamo accusati. Letti i capi d'accusa e confrontati con le prove non emerge alcuna ipotesi di reato, pertanto chiediamo che il pubblico ministero ci spieghi concretamente in che modo abbiamo violato l'art.26 del CPR e in che modo siamo venuti meno al giuramento che abbiamo onorato con dignità e devozione per lunghi anni

Sembrava aver finito l'oratore quando si ravvide e con il tono di colui che aveva dimenticato qualcosa disse:

Abbiamo inoltre una richiesta per il Giudice: leggendo il Capo d'accusa notiamo la presenza di diverse testimonianze a supporto delle tesi che esporrà il Pubblico Ministero.
Vista la delicatezza della questione - una denuncia per alto tradimento non è un giuoco - vorremmo avere la possibilità di intervenire a confutazione delle testimonianze prodotte dalla Pubblica accusa in maniera puntuale.
Ciò che intendiamo dunque chiedere è il diritto di parola dopo ogni intervento testimoniale presentato contro di noi.

Grazie

Ciò dettò resto in piedi in attesa che il fratello Ultras facesse un cenno, nel caso in cui avesse voluto aggiungere qualcosa, e in attesa poi della risposta del Giudice alle istanze presentate.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
rimmster
Ambasciatori Stranieri
Ambasciatori Stranieri
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 1026
Località : Tortosa, Principado de Catalunya
Occupazione/Hobby : Ambasciatore e studioso
Data d'iscrizione : 30.08.09

MessaggioTitolo: Re: Documentazione processuale Fridal e Ult1926ras von Hannover Mar 8 Nov - 0:20:38

Il 06 Nov 1459, alle 21:48, il PM Elita ha scritto:
Entro. Quanta confusione. Non si direbbe che si stia assistendo ad un regolare processo, ma ad un incontro di Soule. Poso la mia cartella sul mio banco, mi schiarisco la voce. Si fa naturalmente silenzio, solo le teste si alzano e fanno a gara a guardare meglio il nuovo PM. Faccio un respirone e inizio:

Signor Giudice,

appena nominata e preso possesso dei miei uffici, ho provveduto a riguardare tutti gli incartamenti e le prove del caso. I Messeri Fridal e Ultras sono stati accusati di Alto Tradimento per violazione del giuramento a cui era sottoposti in quanto Principe e Vice-Principe e per abuso di atti d'ufficio ex Art.26 del Codice Penale Regio.

L'atto d'accusa del mio precedente collega è chiaramente incompleto perchè omette di riferire l'oggetto del reato. E solo per questo il processo dovrebbe essere sospeso. Tuttavia il caso ha avuta talmente un'eco grande e se ne è parlato così tanto che non solo l'oggetto è ben risaputo, ma mi rendo conto sarebbe cosa impossibile innanzi agli occhi dell'opinione pubblica, chiedere di invalidare il processo per tale vizio di procedura. Per tali motivi, ho reputato giusto sopperire col buon senso e sanare il vizio procedurale qui e ora. Non solo, ho reputato l'atto di accusa precedentemente presentato errato nelle sue premesse per cui mi sono decisa a riscrivere l'Atto d'accusa.

I fatti sono questi: il 21 Agosto del 1459 i qui presenti imputati messer Fridal e messer Ultras, in qualità di Principe e Vice-principe della Provincia di Terra di Lavoro, facente parte del Regno delle Due Sicilie, guidato dalla Graziosa Maestà Aliseo Della Brunetta, contattano la Repubblica di Siena e la Repubblica di Firenze al fine di chiedere di intervenire in affari che riguardano il Regno e precisamente chiedono l'aiuto per affondare la nave "Trinacria" che era stata rubata da un consigliere; tutto ciò senza informare preventivamente il Concilio Ristretto e quindi, nello specifico, il Ministro degli Esteri, a cui competono le trattazioni con gli altri stati.

Le prove sono le stesse presentate dal collega che mi ha preceduto e sono visibili in Tribunale.

Si parla nel vecchio Atto di accusa di un generico Alto Tradimento verso la Corona, ma il nostro codice conosce tre tipologie di Alto Tradimento, ovvero: Spionaggio, Sovversione e Attentato all'Unità dello Stato. Sanciscono gli articoli 30, 31 e 32 del CPR:
Citazione :
Art. 30 - Spionaggio
Commette il reato di spionaggio chiunque fornisca e chiunque riceva notizie o dati coperti da segreto ove la loro conoscenza possa astrattamente minare l’ordine pubblico, anche economico, o la sicurezza.
Commette altresì il reato di spionaggio chiunque, ad eccezione del Monarca e dei Governatori, senza autorizzazione, renda pubblico il contenuto delle discussioni o delle deliberazioni segrete delle camere istituzionali.
Il reato di spionaggio è moderato.

Art. 31 - Sovversione
Commette il reato di sovversione chiunque assalti con successo un castello o cambi un consiglio provinciale con una rivolta militare non autorizzata dalla Corona.
Il reato di sovversione è capitale.

Art. 32 - Attentato all’unità dello Stato
Commette il reato di attentato all’unità dello Stato chiunque tenti, anche senza riuscirvi, di porre in essere atti idonei a causare la perdita da parte del Regno di sovranità su uno o più dei suoi nodi o città.
Il reato di attentato all’unità dello Stato è capitale..
Non siamo in presenza di spionaggio perchè non hanno riportato notizie, non siamo in presenza di sovversione perchè non hanno assaltato il castello e non si tratta nemmeno di reato di Attentato all'unità dello stato dal momento che una nave non è un nodo e non è una città.
L'art. 26 chiamato in causa dal precedente Atto di Accusa recita:
Citazione :
Art. 26 - Omissione o abuso di atti d’ufficio
Commette il reato di omissione o abuso di atti d’ufficio:
D - il titolare di una carica che ometta o ritardi in misura significativa il compimento di un atto imposto dalla legge regia o provinciale ovvero eserciti una sua prerogativa senza ottenere le necessarie autorizzazioni ove esse siano richieste dalla legge regia o provinciale (es. rendiconti dei sindaci, preavviso di dimissioni, imposizione delle tasse ecc.).
L’omissione o l’abuso di atti d’ufficio è un reato moderato.
Nella seconda parte la norma parla di atti commessi senza autorizzazione ma richieste dalla legge regia e provinciale. Il caso di cui ci occupiamo rientra esattamente nella fattispecie richiamata dalla norma. La Costituzione sancisce infatti che:
Citazione :
b) Il ministero degli esteri gestisce la diplomazia del regno.
Ovvero ogni atto che implica il contatto con un paese estero necessita quanto meno l'approvazione del Ministro degli Esteri. Cosa che qui nel nostro caso non è avvenuta. Infatti dalle prove si evince che il primo pm è stato inviato da messer Ultras alla Principessa di Siena il 21 Agosto mentre il Principe Fridal contatta il Concilio già il 20 agosto ma non informa mai di essersi messo in contatto con Siena.
Inoltre stabilisce il CPR:
Citazione :
Art. 12 - Disturbo all’ordine pubblico
Commette il reato di disturbo all’ordine pubblico chiunque commette uno o più atti idonei a turbare l’ordine costituito, la sicurezza, la salute o la tranquillità pubblica, salvo che il fatto non sia espressamente previsto da altra norma di legge come reato.
Il disturbo all’ordine pubblico è un reato lieve.
A mio avviso il nostro caso rientra anche in questa norma. Per la troppa fretta e per la conseguente negligenza si è mal gestita una situazione che forse in altra maniera avrebbe portato risultati diversi. E forse si sarebbe potuta anche salvare una nave che è costata alla Provincia soldi e al Regno prestigio.

Per tutti questi motivi, si accusano i messeri Fridal e Ultras di Abuso di Atti d'Ufficio e Disturbo all'ordine pubblico.
Essendo il primo un reato moderato e il secondo un reato lieve:

Citazione :
Art. 34 - Reati lievi
Per i reati lievi il Giudice può comminare una o più delle pene che seguono:

a) obbrobrio pubblico: il Giudice ordinerà al Prefetto o suo delegato di riportare il testo integrale della sentenza in uno o più forum pubblici entro un tempo ragionevole; ove l’incaricato non provveda, verrà perseguito per oltraggio alla corte; in ogni caso verrà comminata un’ammenda minima di un ducato;
b) ammenda: pena pecuniaria proporzionale alla gravità del reato commesso; il reo deve essere in grado di pagare l’ammenda, eventualmente vendendo i beni in suo possesso.

Art. 35 - Reati moderati
Per i reati moderati il Giudice può comminare una o più delle pene previste per i reati lievi e/o la seguente:
c) reclusione leggera: durata da uno a tre giorni.

l'accusa chiede 3gdi reclusione e 200 ducati da pagare possibilmente alla Provincia.

Per completezza riteniamo che tutto il Consiglio nelle persone di:
Lord.nelson , Gianluca123, Big, Velle, Reaper2, Lord.deimos, Amneris, Ernestus_sicanio e Ciuffo
fossero meritevoli di accusa per gli stessi reati per concorso ex art. 8 CPR, ma putroppo il 21 Ottobre è scaduto il termine per la prescrizione, quindi non si procederà contro di loro.


Signor Giudice, io ho finito. Ringrazio per l'attenzione. Quando vuole può chiamare la difesa. Un'ultima cosa, informo che quando sarà il momento chiamerò i testimoni che il mio predecessore aveva già presentato.

Mi siedo. Respiro. Si saranno accorti che mi tremava un po' la voce dall'emozione? Non importa ora. Devo seguire lo svolgimento.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
rimmster
Ambasciatori Stranieri
Ambasciatori Stranieri
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 1026
Località : Tortosa, Principado de Catalunya
Occupazione/Hobby : Ambasciatore e studioso
Data d'iscrizione : 30.08.09

MessaggioTitolo: Testimonianza in tribunale del 9.11.1459 Mer 9 Nov - 8:51:50

Esimio Giudice,
Spettabile Corte,

sono Seeligford Dieter Monforte des Friederichs, detto Rimmster, attualmente Ministro della Corona Siciliana per il Dicastero degli Esteri.

Il “caso Arlan”, o“caso Trinacria” è stato oggetto di una attenta analisi nonché ricostruzione dei fatti per i quali deve andare la nostra riconoscenza al decisivo aiuto delle Autorità senesi.

Il “caso Arlan”, o“caso Trinacria” è stato oggetto di una attenta analisi nonché ricostruzione dei fatti per i quali deve andare la nostra riconoscenza al decisivo aiuto delle Autorità senesi. Come noto, in data 2 di settembre del 1459 sono stato incaricato di fare luce sugli eventi da S.M. La Regina delle Due Sicilie, con incarico ricevuto materialmente dall’allora Reggente, il Marchese della Valle del Garigliano H.M. Hemmet Jax della Groana, che mi inviò come Legato della Corona a Siena. Una delle tante ragioni che spinsero la nostra Sovrana ad affidarmi quell'incarico va ricercato non solo nella fiducia della quale mi pregio di godere da parte di Sua Maestà, ma anche e, direi, soprattutto, dal fatto che rientravo in quei giorni da un lungo periodo di ritiro spirituale: questo particolare è importante, perché ho ricostruito il tutto in base a prove documentali e a testimonianze di ogni tipo, senza però essere stato coinvolto in quelle vicende, nemmeno come spettatore.

Questa che mi accingo a presentare è quindi una ricostruzione cronologica dei fatti, supportata da documentazione, qualora esistente, e corroborata da testimonianze verbali, che potrò presto trasformare in testimonianze scritte, appena chi ha già avuto la cortesia di espormi i fatti a voce mi userà la stessa cortesia di fissarli con l'inchiostro.

Tutto quello che ho ricostruito, con il passar del tempo si è come illuminato nel tassello che mancava al mosaico:il movente. L'evoluzione di un altro caso, che all'inizio ritenevo solo cronologicamente parallelo, ha fatto luce anche su quel tassello mancante: per capire tutta questa faccenda non bisogna distogliere lo sguardo da un altro fatto eclatante ancora in essere: il caso della pietra venduta ad agosto ai catalani e trasportata a Barcellona da messer Lord Nelson. Questa precisazione è necessaria onde capire l'attinenza della mia ricostruzione cronologica a far data dal luglio 1459, ricostruzione con la quale procedo senza indugio ulteriore.

23.07.1459
- Durante la notte tra il 24 ed il 24 luglio arriva un messaggero in convento, chiede di Rimmster e viene per conto di Neo tallaferro (> ig _neo_ ) il mio amico catalano. Trovo il suo messaggio al risveglio, prima della meditazione e in quello mi chiede se abbiamo 1000 di pietra da vendere loro
- Alle ore 15:07 invio un messaggero a mia volta, all'allora Principe Fridal: ho ancora copia di quel che gli scrissi in maniera confidenziale: " Fridal, abbiamo 1000 di petra da vendere ai catalani? se mi dai un prezzo lo comunico, se a loro sta bene partono subito e nel giro di 15 giorni è venduta "
- Qualche ora più tardi, alle 19:54 bussa al convento un suo messaggero tramite il quale mi manda a dire: Contatta Gianluca123, la pietra c'è, anche più di mille ma nn so quanta da vendere.. Purtroppo ero impegnato in meditazione e nessuno mi consegnò quel messaggio prima del 24 notte, dopo la preghiera.
25.07.1459
- rispondo immediatamente al Principe Fridal. Il mio messaggero ha lasciato il convento in piena notte, alle 02:03, e recava questo messaggio: "Non posso scrivere a Gianluca. Sono in ritiro e ci resto. Se puoi informa tu il consiglio e quando avrete un prezzo dimmelo che in formo io o scrivete a _neo_ (Neo Tallaferro, il catalano)"
- Non ricevendo risposta dopo alle 5:13 gli faccio recapitare un altro messaggio: "Ti è arrivato il mio msg per il discorso pietra / Gianluca123?"
- Passa poco e bussano al convento per recapitarmi la risposta del principe: "ho letto di gianluca, ma non capivo a cosa ti riferissi."
- Mi venne il dubbio di aver capito male io qualcosa quindi gli rispondo immediatamente ricordandogli: "tu mi hai scritto, di scrivere a lui, ma io sono in ritiro. se volete o potete fare quel commercio posso farvi da tramite via messaggero con Neo, altrimenti ci parlate direttamente"
- La sua risposta arriva praticamente subito.... mi dispiacevo infatti per quel povero messaggero che era sempre di corsa. Il messaggio diceva: ah si si, chi è che voleva la pietra?
- Ovviamente subito: "la catalunya, il mio contatto è Neo Tallaferro... il suo nome è _neo_ "
la portineria del convento registra l'uscita del messaggero alle ore 5:15. Seguirono di lì a poco le sue conferme, che aveva capito e la richiesta se parlasse inglese o francese, domanda alla quale risposi che parlava inglese e, ovviamente, spagnolo.
Passano i giorni e n on so più niente. I Catalani mi riempivano di messaggi e alla rine non posso che richiedere informazioni, non sapendo che rispondere a loro.
29.07.1459
- alle 9:46 è registrato il mio messaggero in uscita dal convento che portava questo messaggio: Ciao Principe., Per quella pietra che vorrebbe la catalunya sai se ne hanno parlato? Neo mi chiede sempre a me ma io nn so che dirgli. gli ho dato il tuo nome e quello di gianluca123, dicendogli di scrivervi direttamente
- Poco dopo torna il mesaggero, con la risposta di Fridal: ciao rimm, gli ho detto di scrivere a gianluca123, ora ricordo la cosa a gian
- gli mando la risposta: ok, il nome è _neo_ , vedrai che comunqiue vi scrive pure lui Smile
- alle 9:51 mi recapitano l’ultimo suo messaggio: ok, thanx, si mi ha scritto, ora becco gian ^^

Fu l’ultimo suo messaggio fino al giorno 4 settembre quando mi fece recapitare un messaggio nel quale si riferiva ai fatti correlati al consigliere Arlan e si proponeva a darmi la sua versione sulla vicenda. Evidentemente la notizia della mia partenza per il Castello di Siena s'era sparsa in fretta e qualcuno cominciava ad avere qualche pensiero. Quindi in quell’occasione gli risposi che non volevo sapere di nessuna versione, avremmo fatto le nostre indagini e ci saremmo arrivati da soli. Alla sua ulterirore proposta di fare quattro chiacchiere reppilcai immediatamente: questa è copia della mia risposta, inviata con messaggero registrato alle ore 20:53 del 4 settembre 1459 - ah no.... le facciamo poi un'altra volta. stavolta ci arrivo da solo - e nn volgio che mi si facciano premesse. le cose come stanno le scopro poi chiedendole a chi le ha sentite raccontare .... dammi qualche giorno e vedrai cosa dirò.... se quello che c'è dietro è quello che mi vuoi raccontare tu ebbene il problema nn si mette, io cercop la verità, nn m'interessa scoprire cose nn vere

Appena arrivai a Siena fui accolto dal Ciambellano, Don Niccolò, detto Diego73. Immediatamente cominciammo il nostro colloquio privato e subito mi mostrò tutta la corrispondenza ricevuta da terra di lavoro. farò un riepilogo cronologico, coadiuvando quello che mi ha consegnato Siena copn ciò che appare nelle nostre varie stanze Istituzionali:

- in data 20 agosto il principe Fridal “urla” “Arlan -------------------------------------------------------------------------------- chiunque lo veda lo ammazzi -.- si è fregato la Trinacria , la nave da guerra di tdl, vuole affondare un po' di navi in giro e se la vuole rivendere in francia. Ammazatelo :S
- gli risponde il Ministro Witos, (omissis) Vi invito inoltre a presenziare alla discussione che stiamo tenendo in stato maggiore del regno, lì vanno discusse tutte le proposte e notizie riguardanti le materie di carattere militare riguardanti l'intero regno, e la vostra presenza in qualità di governatore è come non mai gradita. Vi aspetto lì.
- l’Ex principe risponde con un laconico vabbè allora tutto a posto
Si evince dalla risposta del Ministro Witos l’invito ad affrontare la situazione in SMR, essendo quello un problema militare, essendo in corso un presunto furto d’una nave militare provinciale e una serie di minacce di affondare navi in terre altrui. Nonostante il laconico “vabbè, allora tutto a posto” la situazione veniva presa in mano dal vice principe, Ultras, il quale, scavalcando qualsiasi protocollo e la stessa Costituzione (vedasi la definizione di Corpo Diplomatico in essa contenuta). Di domenica, ad agosto, in data
21.8.1459
Il vice principe Ultras scrive direttamente al Siena una prima missiva .. Nella stessa data scrive anche ad Amatojunior, il capitano dell'ammiraglia di Siena, peraltro sdrammatizzando il pericolo rappresentato da Arlan. Poco più tardi, gli invierà un’alto messaggio informandolo di cosa si dica in Tdl sulle intenzioni di Arlan, il tutto condito dalla citazione d'un'invocazione di Iacobuscook, il passeggero a bordo della trinacria. In quest'occasione il capitano dell'ammiraglia di Siena si mette il porblema di chiedere in ambasciata, ma pare che sia passata inossrvata questa sua preoccupazione.

Tutto ciò il viceprincipe Ultras lo fa evidentemente senza informare nessuno ufficialmente visto che solo il giorno dopo, in data
22.08.1459
propone di scrivere a Siena o a Firenze , quando invece l’aveva già fatto oltre 24 ore prima. In quella stessa data il Principe da il suo consenso all’affondamento, sebbene inviti ancora tutti a procedere solo come ultima opzione. Subito dopo suo fratello, il vice principe Ultras, sollecita l’ok per poter interpellare Siena. Il principe gli da il suo benestare per contattare Siena informando che nel frattempo lui informerà il Ministro Wits. Sappiamo però che il Ministro era stato avvisato il 20 sera, un sabato sera d’agosto.. e nelle maniere che ora sono note. Il 22 settembre fu una giornata cruciale per questa faccenda. Il Consiglio era impegnatissimo:Il viceprincipe incalza e qualcun altro si preoccupa, molti tra i consiglieri intervenivano senza farsi attendere mentre il viceprincipe continua per la sua strada. A questo punto qualcuno esprime moderata perplessità, indubbiamente altri sono iper interventisti, con il solito viceprincipe a sofiare sul fuoco, fino a chi attinge da non ho mai capito quali fonti le sue informazioni... e arriviamo così al
23.08.1459
con il solito Viceprincipe Utras che non vede l'ora di bombardare la Trinacria e sollecita un vialibera definitivo: L'unica cosa incomprensibile è che in data 23 settembre costui continui ad aspettare benestari definitivi dal Consiglio, quando in data 22 l'aveva già dato come si evince senza ombra di dubbio da questi scritti che già vi avevo mostrato: alle 15:20 del 23 agosto dice al Consiglio di Terra di Lavoro che la Signora di Siena aspetta una sua risposta per l'affondamento della Trinacria quando lui gliel'ha già confermato in data 22 agosto alle 17 e 59 minuti e 55 secondi, per la precisione... 24 ore prima.
Alciuni consiglieri gli fanno subito coro, nnn so se coscienti della presa in giro, quindi complici di quella furberia, o del tutto ignari che con due o tre applausi si è preso la libertà di decidere per tutti. Infatti improvvisamente tace, fino a 24 ore dopo, quando, in data
24.08.1459
informa del fatto avvenuto come da missiva del capitano dell'Ammiraglia senese. Si preoccupano quindi degli onori e delle riparazioni e delle incolumità dei senesi, e ci mancherebbe altro, meno male almeno questo (fatto salvo che il Capitano parla di Tdl come il Regno di Terra di Lavoro, quindi qualche dubbio comuncue mi resta...). Qualche ora prima il principe Fridal aveva già ringraziato Siena, cosa che qualche ora dopo, già in data
25.08.1459
il Principe Fridal comunicherà anche al Consiglio di terra di Lavoro


Preso atto di questo excursus di incongruenze e di evidente operare su due fronti del Consigliere Ultras, uno volto a apparire in regola nella costante ricerca di una approvazione consigliare delle varie azioni da intraprender, l’altro decisamente disinteressato al parere altrui tant’è che le varie istruzioni a Siena le dava a prescindere dal parere Consigliare, mi venne il dubbio che questi operasse senza neppure informare suo fratello, il principe Fridal. Questo dubbio è svanito quando il Concilio Ristretto ( da ora CR) e lo Stato Maggiore Regio (da ora SMR) fornirono la successione delle discussioni relative alla crisi aperta dal Capitano Arlan. In una taverna di Gaeta ebbi modo di fare due chiacchiere con il Consigliere Ultras: devo dire che a quel tempo era già terminato il suo mandato consiliare. Gli chiesi come mai fecero tutto da soli scavalcando l’istituzione regia e la risposta fu che c’era fretta, che non si poteva perdere tempo e che loro avevano preso contatto con le Istituzioni della Corona ma che non ricevevano risposte. Questa sua posizione mi lasciò nel dubbio che potesse essere almeno parzialmente vero, visto il periodo particolare, sempre critico, in cui si svolsero i fatti. Appena ricevetti la documentazione del CR e dello SMR, subito mi resi conto che anche quella sua versione era una menzogna.
Scopo della ricostruzione a seguire, sempre cronologica, è quella di evidenziare come in realtà Principe e Vice principe stessero agendo da soli e nell’ombra, il primo tenendo buoni ed impegnati i membri del CR e dello SMR, il secondo dando l’impressione al Consiglio laburino che tutto si stava svolgendo rispettando le decisioni del Consiglio stesso: la verità è che i due si presero gioco tanto delle Istituzioni Regie quanto di quelle Provinciali, per non parlare poi delle Istituzioni senesi.

20.08.1459
19:08h- Il principe informa il CR del presunto furto della Trinacria – Nonostante il modo poco Principesco con cui da la notizia, pare voler rimettere la gestione della crisi nelle mani del Concilio: quel “ammazzatelo” è evidentemente una preghiera rivolta al Concilio, come se stesse chiedendo aiuto per risolvere la situazione.
Faccio notare come questa richiesta avvenga alle 19 di un sabato di pieno agosto …
21.08.1459
Già alle 09:14H di quella mattina d’una domenica di pieno agosto il Conte Marcius informa lo SMR delle notizie che gli arrivano da TDL.
Alle 10:01h, quindi pochissimo dopo, l’allora Ministro della Difesa Witos gli fa eco in CR, informando che sapeva della situazione dalla sera prima. Invita poi espressamente ed inequivocabilmente il Principe Fridal ad aggiornarsi in quella sala del CR sull’evolversi della situazione. In quest’occasione suggerisce anche di prendere i primi contatti con le marine alleate.
Precisamente alle 10:13, ossia solo 12 minuti più tardi, il Ministro Witos si fa coro in SMR e propiro nella sua qualità di Ministro competente per la Difesa (la Trinacria era una nave militare) chiede di aggiornare in SMR gli sviluppi della vicenda. Lo SRM era evidentemente in costante aggiornamento, visto che già 6 minuti dopo, alle 10:19h, il Conte Marcius sottoscrive le parole del Ministro Witos, sottolineando il carattere nazionale della questione, quindi palesando l’intenzione di gestire la crisi a livello Regio con il supporto quindi di tutti, come per altro doveva essere fatto, trattandosi di questioni militari.
In quella giornata il Principe Fridal non si confronta mai con lo SMR, e si potrebbe pensare che fosse impossibilitato a farlo. Ciò è assolutamente da escludersi, visto che se in SMR latitava, in CR il Principe discorreva di tutte altre cose. Interviene infatti alle 16:48 di quella stessa domenica, come segnala lo stesso Ministro Witos in SMR. Nel suo intervento in CR il Principe si astiene dall’informare che nel frattempo il vice principe Ultras aveva preso contatti diretti con Siena, esattamente alle 11:32h di quella stessa mattinata.
22.08.1459
In SMR il primo intervento è del Conte Marcius già alle 06:58h a cui fa subito seguito quello del Ministro Witos alle 10:07h, il quale era già intervenuto in CR qualche minuto prima, alle 10:04h. Per tutta la giornata in SRM si continua a parlare della faccenda legata ad una futura nave da guerra da affidare eventualmente ai teutonici, ossia commentando le uniche cose di cui parla il principe Fridal in CR, come continuerà a fare ancora alle 15:17h di quel giorno, senza mai dare altre informazioni su cosa si stava invece discutendo in Consiglio, senza partecipare alla discussione in SMR. Intanto il Ministro Witos continua ad intervenire, rispettivamente in CR alle 22:10h e in SMR alle 22:23h
23.08.1459
Il Conte Marcius interviene invece per primo in SRM alle ore 08:38h ma sarà l’ultimo intervento della giornate. Il principe fridal continua a non presentarsi in SMR e la discussione è infatti tutta spostata il CR.
Il primo intervento della giornata è del Principe Fridal in CR, alle 07:46h a cui risponde immediatamente il Ministro Witos alle 10:33h. Segue alle ore 18:11h l’intervento del Cancelliere Full71 il quale parla ancora di prese di contatto con le marine alleate. Si continua ancora a discutere della situazione come se si stesse ancora cercando una soluzione e come se le marine alleate, e con esse i loro Pesi, fossero ancora una opzione presa in considerazione ed il principe Fridal continua a mantenere la discussione in questi termini.
Peccato che suo fratello Ultras avesse già dato il benestare a Siena per l’affondamento della Trinacria oltre 24 ore prima, ossia il 22 agosto alle 17:59h spacciandolo oltretutto a Siena come una decisione Consiliare ormai presa, quando invece sappiamo bene che in questa stessa data, ossia il 23 agosto, precisamente alle 15:20h lo stesso Vice principe sollecita i Consiglieri Laburini a decidere cosa fare per poter dare quanto prima una risposta a Siena dove, come lui stesso afferma, stanno ancora aspettando il via libera definitivo.
Interessante è anche come già 24 ore prima, il 22 agosto alle 16:12h lo stesso Principe Fridal avesse già dato il suo indubbio benestare a contattare Siena, altra cosa sulla quale tace sia in CR che in SRM, dove semmai parla d’altro. In pratica l’attacco alla Trinacria è questione di ore, Siena è convinta di avere un interlocutore autorizzato a gestire tutta quell’azione militare, ma in realtà né il CR, né ilo SMR né tanto meno lo stesso Consiglio Laburino, ancora sollecitato a dare risposte, sa esattamente cosa stia succedendo, con Principe e Viceprincipe che sviano l’attenzione sulla cosa, il primo facendo credere a CR e SMR che tutto sia ancora in fase di decisione, il secondo facendo credere al Consiglio di Tdl che a Siena tutto è pronto e aspettano impazienti un ordine, ordine che dipende da cosa decideranno i Consiglieri stessi.
24.08.1459
Il 24 agosto è, a mio avviso, la giornata più demenziale di tutta questa vicenda.
Comincia apparentemente alle 12:42h con quello che sarà il primo e l’ultimo intervento del Principe Fridal in SMR, dove finalmente arriva dopo 5 giorni da quando è cominciata questa crisi, oltretutto senza dare notizie di nessun tipo ma solo per rispondere ad una osservazione che il Conte Marcius aveva fatto il giorno prima discorrendo con il suo unico interlocutore sino ad allora, ossia il Ministro Witos. Questa è la prova che il Principe ha sempre letto in SRM, si è solo astenuto, per volontà propria, di dare qualsiasi spiegazione o informazione. L’osservazione fatta dal Conte Marcius era, infatti, sempre legata al discorso Teutonici/futura probabile nave da guerra provinciale. Immagino che l’intervento del Principe Fridal in SMR sia stato stimolato dal discorso del Conte, il quale faceva presente a tutti la supremazia del regno in tutta quella storia, cosa che ovviamente il Principe non sopporta, motivo per il quale il Conte Marcius si vede costretto a riprenderlo mettendogli tutti i puntini sulle i in base alle Leggi del Regno.
Da questo momento in avanti in CR ed in SM tutto tace fino al pomeriggio. Il Principe non da nessun tipo di notizie eppure il Vice principe Ultras continuava a scivere a Siena e questo già in mattinata, precisamente alle 10:54h. È abbastanza probabile che abbia ricevuto risposte intermedie dal Capitano dell’Ammiraglia di Siena, ma certissimo è che alle ore 16:33h sapesse già dell’avvenuto affondamento, visto che a quell’ora pubblica in Consiglio Laburino la missiva di Amatojunior che conferma il termine dell’azione militare. Che dire poi della missiva che lo stesso Utrlas invia a Siena già alle ore 15:42h???

Altrettanto certo è che le prime notizie arrivano anche allo SMR. Alle 14:09h il Conte Marcius informa che alcune voci gli danno la Trinacria come affondata e chiede se qualcuno ne sa qualcosa con certezza… Ancora una volta il Principe nn ha informato né il CR né tantomeno lo SMR.
Ma il principe sapeva da tempo, perché pur concedendo qualche tempo per la pubblicazione dei ringraziamenti personali del principe alla Signora di Siena, fatto sta che quest’ultima alle 18:57h aveva già ricevuto i ringraziamenti ufficiali da parte del Governatore di Tdl.
Ancora una volta il principe non informa nessuno del CR o dello SMR fino a che si raggiunge il culmine del paradosso e dell’insubordinazione al Regno, a qualsiasi regola di buonsenso ed alla più spicciola educazione… In tutto questo silenzio durato 5 giorni, il Principe non si era nemmeno preoccupato di avvisare almeno Sua Maestà dell’avvenuto affondamento, fosse anche in via privata… Sua Maestà interviene in CR in base a quello che fino ad allora era conosciuto in quelle stanze, ossia che si stava trattando una resa nella speranza di salvare ancora capre e cavoli. Sua Maestà, infatti, pone ancora l’accento su questa linea da seguire, proponendosi addirittura di contattare il consigliere Arlan. Le risponderà ufficialmente il Principe solo ore dopo, informandola che la nave è già affindata, senza dare una ben che minima spiegazione di come ciò sia possibile e passando direttamente all'unico argomento che pare interessargli:la nave da costruire e da affidare ai Teutonici. Così, come se fosse la copsa più nornale di questa terra ...

Si deduce che le motivazioni datemi dal vice principe Ultras in taverna a Gaeta, ossia della presunta irreperibilità del CR e/o dello SMR e dell'urgenza di quella missione siano fasulle. L'unico che ha sempre latitato da quelle stanze Istituzionali è stato il principe Fridal. Questa ricostruzione sarebbe già abbastanza offensiva dell’atteggiamento tenuto verso il Regno e verso Siena dai due Consiglieri, il Principe Fridal e suo fratello Ultras, ma non potevano farsi mancare la ciliegina sulla torta. In occasione della mia seconda visita a Siena, quando attraccai giorni fa ad Orbetello, mi furono consegnate queste due missive ricevute dai due:

Citazione :
Citazione :


Ad oltre un mese da quei fatti, senza avere nessun titolo per rivolgersi alla Signora di Siena, si sono invece a lei indirizzati per avere indietro delle missive che ormai tutti conosciamo e che loro stessi ci hanno consegnato settimane fa, o nel maldestro tentativo di spiegare cose inspiegabili, cercandoli di metterli di nuovo in mezzo a tutte quelle loro beghe, quelle beghe che Siena non vuole neanche più sapere, sentendosi in prima persona vittima della spregiudicatezza di quei due fratelli che si sono presi gioco di una Repubblica straniera, del loro Regno e della loro Provincia tutta. . Va da sé che mi sono scusato personalmente per tutto ciò. Non so esattamente cosa abbia risposto loro la Signora di Siena perché ha avuto l’elegante bontà di non mostrarmi nulla… so solo che ha ribadito la fedeltà di Siena all’alleato storico chiamato Regno delle Due Sicilie.

Questo per quanto ci compete in termini istituzionali. É certo che la posizione del consigliere Arlan fosse, sia e a mio parere rimarrà contraddittoria, ma non mi stupisco che così sia: nel vortice di tutto questa confusione io dubito davvero che qualcuno ci capisse qualcosa e tutta questa manovra fatta in fretta e furia, tenendo all'oscuro tutti, mi suona davvero molto strana. Non voglio con ciò dire che abbia mancato meno di quello che in realtà ha fatto, ma l'atteggiamento del Principe e del Vice principe non aiuta a capire chi veramente stesse lottando contro chi e per quale ragione...

Oggi, in considerazione anche delle risposte date dai due fratelli Hannover alle pubbliche richieste di messer Fenicio, emerge la malafede dei due fratelli, che non posso sapere da cosa sia dettata, fatto sta che li spinge a stravolgere la realtà dei fatti ad ogni possibile occasione, continuando a chiedere a me e ad altri in cosa avrebbero sbagliato, in cosa avrebbero infranto le leggi, in cosa avrebbero mancato nei confronti della Corona. Io mi auguro che lo chiedano così tanto per dire qualcosa, diversamente la faccenda si farebbe molto più seria per tutt’altre ragioni che non sta di certo a me valutare.

Con questo ho terminato.

Fece un segno di reverenza col capo rivolto al Giudice poi faticosamente Seeligford si appoggiò sul bastone evidentemente spossato, tanto che fu raggiunto dal suo servitore il quale lo aiutò a scendere dal palco dei testimoni e lo riaccompagnò a sedersi senza che il biondo protestasse … gran brutto segno per chi lo conosceva.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Marcius_da_Valmacca

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 3729
Data d'iscrizione : 29.06.10

MessaggioTitolo: Re: Documentazione processuale Fridal e Ult1926ras von Hannover Ven 11 Nov - 1:00:39

Attese con pazienza il suo turno seduto tra la folla senza mai parlare, aveva sempre ammirato la maestosità delle aule di giustizia e la palpabile sensazione di solennità ivi presente.

Quando venne chiamato si alzò e si diresse al banco dei testimoni portando con se alcuni rotoli di pergamena, porse il suo saluto al Giudice e al Pubblico Ministero e prese la parola.

"Buongiorno a tutti,
vorrei partire dall'esposizione dei fatti incominciando dai capi di accusa.
Gli accusati ed il Pubblico Ministero sostengono non sussista il reato di altro tradimento, ebbene permettetemi di confutare tale tesi."


Ettore estrasse dai rotoli una copia della Costituzione.

"Come potete notare la Costituzione recita nel LIBRO III – Della Giurisdizione e delle Competenze, Capitolo IV. Dei Giuramenti:

Citazione :
I Governatori dovranno prestare giuramento in taverna del Regno con il seguente testo:


Citazione:
Noi XXX in data XXX, in seguito alla nomina a Governatore/trice della Provincia di XXX, giuriamo fedeltà al Regno delle Due Sicilie, alla Provincia di XXX, alle sue istituzioni e a Sua Maestà il/la Re/Regina XXX . Garantiamo di conoscere le leggi, i nostri diritti e doveri nei confronti della patria. Ci impegnamo a ricoprire il ruolo che ci è stato assegnato con orgoglio, imparzialità e dedizione.

In fede
Firma e sigilli


Dichiarando inoltre che:

Citazione :
Nel caso in cui un Governatore o un Ministro non prestino giuramento entro 10 giorni dalla nomina, verrà processato per Alto Tradimento.

Se osserviamo poi i registri pubblici dei Giuramenti potremo vedere come l'imputato Fridal Von Hannor abbia prestato regolare giuramento, ma il quesito è un altro, è più grave palesemente non giurare o pronunciare una formula che poi si disattenderà, ricadendo nello spergiuro?"

...sistemò nuovamente le carte...

"Come è stato detto non esiste un reato per la violazione dei giuramenti nel Codice Penale Regio, ma ciò non toglie che esso sia reato, anzi la nostra Carta dei Giudici sostiene che:

Citazione :
In assenza di precise disposizioni su una materia, il giudice emetterà il suo verdetto agendo come se fosse il legislatore, ferme restando le disposizioni di cui al libro I del presente codice.

e quindi a Voi è richiesto di valutare l'entità dell'infrazione di un giuramento solenne di un Principe al Sovrano e a tutto ciò che esso rappresenta, reato che noi riteniamo equiparabile all'alto tradimento."

...fece una pausa osservando l'aula...

"Permettetemi ora di riferimi all'imputato Ul1926ras Von Hannover, in base al corpus di leggi laburino si afferma che:

Citazione :
8- In aggiunta ai precedenti ruoli, il Principe/Governatore nominerà un Vice Principe/Governatore con l'incarico di sostituirlo in tutto e per tutto in caso di assenza prolungata per più di un'intera giornata, dall'alba al tramonto. Tale Vice Principe/Governatore potrà, sotto questa condizione, prendere ogni decisione di politica interna ed estera ed utilizzare il Sigillo della Provincia.
La nomina del Vice Principe/Governatore deve essere effettuata direttamente dal Principe/Governatore tramite comunicato ufficiale in Aula Legislativa. Il Principe/Governatore può scegliere il Vice Principe/Governatore esclusivamente tra i Consiglieri Eletti.


tale articolo già di per se è lesivo di quanto affermato nella Costituzione e nello statuto del Corpo diplomatico che indicano come unico latore del potere assoluto di decisionalità sulla politica estera non commerciale il Sovrano. Fatta questa precisazione possiamo affermare quindi che tutto quello che viene contestato ai danni dell'imputato e stato fatto, per sua stessa ammissione, visionabile nella lettera dell'ex Principessa Beatrice77, in virtù del ruolo di vice-principe e quindi soggetto agli stessi vincoli formali di giuramento del Principe con relativi oneri di rispetto dei protocolli e prassi Reali. Capisco che per alcuni leggi e protocolli siano di difficile intendimento, ma la legge è chiara, o il vice-principe NON ha diritto ad occuparsi di politica estera, poichè non contemplato nella carta del corpo diplomatico, o se lo fa, in sostituzione del Principe, è soggetto al suo stesso giuramento e da qui si configura il reato di alto tradimento."

...con piacere notava l'attenzione alle sue parole degli uditori...

"Riguardo invece al delitto di abuso di atti d'ufficio credo non vi siano da spendere parole in merito."

"Venendo dunque all'esposizione dei fatti, visionando gli incartamenti depositati presso queste sale risulta chiaro come, già in data 21 agosto 1459 l'imputato Ul1926ras con il placet dell'ex Principe contattava la Principessa Beatrice77 per richiedere un eventuale affondamento della Trinacria, richiesta che viene resa esplicita per volontà del Consiglio di TDL in data 22 agosto con missiva sempre del vice principe, in virtù di discussioni svolte in Consiglio di Terra di lavoro.
Nel mentre si può invece vedere come in Concilio Il Principe non abbia mai riportato le disposizione date dal suo governo, ma anzi abbia atteso silenzioso che l'organo della politica estera si mettesse in moto e attendesse il placet regio per l'azione di forza,placet giunto il 24 agosto, a cui l'ex Principe rispose con un lapidario "già fatto".
Inoltre è possibile visionare sempre dagli atti come il Principe abbia disatteso anche di sottoporre la questione in Stato Maggiore Regio, luogo ove avrebbe dovuto essere discussa la cosa, dimostrando ancora una volta la totale mancanza di conoscenza di prassi e di gestione amministrativa."


...sorseggiò un po' d'acqua...


"Tutte queste gravi contestazione sono ulteriormente aggravate dalle affermazioni pubbliche dello stesso ex Governatore, durante il dibattito con messer Fenicio, in cui a proposito della questione Trinacria e del suo affondamento dice:

Citazione :
Il via a chiedere ufficialmente l'affondamento della Trinacria arrivò solamente dopo la decisione consiliare. Nessuno fu né saltato né sopravanzato.

E posso dirlo con assoluta certezza in quanto - sebbene egli avesse pieni poteri interni - ogni azione di mio fratello Ultras riguardante la vicenda non solo ebbe il mio benestare, ma fu espressione della mia volontà a lui manifestata.

Ad ogni modo ribadisco: si chiese l'abbattimento solo dopo la decisione consiliare

Non è forse questa la prova più lampante di come ex Governatore e suo vice ritengano che qualunque questione sia di totale e arbitraria competenza della Provincia anche dove in realtà non è così? Erano questioni prettamente di politica estera e militari e quindi di totale competenza della Corona, sarebbe stato forse possibile per loro emanare tali provvedimenti solo e soltanto se l'affondamento fosse avvenuto ad opera di un'altra nave da guerra del Principato.
Non è questo un comportamento mortificante e lesivo per quelle amministrazioni che si attengono ai protocolli e alle leggi e vengono irrise da questi atti spergiudicati in cui si ha anche il coraggio di dire che nessuno è stato scavalcato?"


...sorseggiò nuovamente un po' d'acqua...

"Ora sono certo si dirà che il tutto è stato fatto poichè la Regina era assente, fandonie, l'azione si è svolta tra il 21 e il 24 di agosto, giorni in cui i ritardi non sono da imputare agli organi Regi, ma alla totale assenza di rendicontazione dell'ex Principe alla Corona, fatto incontrovertibile e agli atti cartacei, che portava avanti la sua opera personale e privata in Consiglio laburino oscurando il tutto agli occhi del Regno.
Inoltre la stessa costituzione prevede una ferrea catena di comando sulla consecuzio in ordine ad una assenza teorica del Sovrano, che vede in sua sostituzione Reggente e secondariamente Cancelliere, rendendo impossibile una mancanza di pronta risposta del Regno."


...rassettò le carte giunto ormai al termine...

"Vostro onore ho terminato la mia esposizione, ma poichè sono già in quest'aula vorrei chiedere a Voi di considerare l'affermazione di Fridal von Hannover:

Citazione :
Mi spiego meglio:
ci viene detto "siete sotto accusa per aver violato il giuramento". Ora voi comprenderete che il giuramento a Sua Maestà e al Regno è un giuramento di molto ampio respiro... ci sono diversi modi per violarlo, e so bene che ad esempio il Reggente, che ha presentato la denuncia, ne conosce almeno tre-quattro.

e la sua lesività ai sensi del Codice Penale del Regno poichè calunnia priva di alcuna prova documentale, non per una mia eventuale denuncia, ma come ulteriore prova a dimostrazione della bassa caratura morale, etica e personale dell'imputato che è solito lanciare accuse prive di alcuna prova senza rendersi conto dei doveri a cui deve sottostare quando riveste un ruolo pubblico o si trova in un ufficiocome questo."

...si alzò e tornò al suo posto in attesa delle arringhe finali della difesa.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
rimmster
Ambasciatori Stranieri
Ambasciatori Stranieri
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 1026
Località : Tortosa, Principado de Catalunya
Occupazione/Hobby : Ambasciatore e studioso
Data d'iscrizione : 30.08.09

MessaggioTitolo: Re: Documentazione processuale Fridal e Ult1926ras von Hannover Ven 18 Nov - 1:56:03

Damagaladriel ha scritto:
Bea era veramente stanca... quel processo si presentava articolato e molto molto interessante, ma doveva rivedersi bene le prove presentate dall'accusa.
I testimoni avevano presentato una quantità di carte da analizzare ed i suoi appunti non erano da meno.

Si passò una mano sul viso, prima di ascoltare la difesa desiderava analizzare al meglio.

Si decise...

La Corte si ritira ...
Campanella del commesso




Si alzò... ed ignorando i presenti uscì dall'aula.
Damagaladriel ha scritto:
Era arrivato il freddo.

Nel cielo galleggiavano placide bianche nuvole
ed il sole a tratti si nascondeva, a tratti scaldava tutto di colori brillanti.
Tante piccole goccioline d'acqua brillavano impreziosendo il paesaggio.
La gente camminava veloce sguazzando tra le rade pozzanghere.
Una bianca colomba scese planando da un cornicione verso la piccola fontana al centro della piazza.

Una colomba...
Una colomba aveva sognato...
.... si non si sbagliava...
pian piano il sogno le risaliva alla superficie...
Quella notte aveva sognato una bianca colomba posarsi leggera sull'asta centrale di una bilancia.
Il senso recondito di quel sogno l'assalì...

"Queeello è un seeegno....!!!!!!!!!"
avrebbe esclamato Gud a voce stentorea alzando al cielo le braccia.
Le scappò un sorriso ...
e con quel sorriso si recò in tribunale ad indossare la sua Toga.

E con quello spirito riaprì il processo...



SILENZIO IN AULA

ENTRA LA CORTE



Prego Pubblico Ministero aggiornatemi.
Elita ha scritto:
Mi alzo.
Il silenzio è spettrale.
E pensare che appena entrata in tribunale avevo dubitato persino che fosse un'aula giudiziaria.
Mi rivolgo al giudice.

"Signor giudice,
l'accusa non ha altri testimoni da far ascoltare alla Corte, nè ha altro da aggiungere. Possono procedere i due imputati, Fridal von Hannover e Ultras von Hannover per deporre la loro difesa finale."

Mi risiedo.
Ult1926ras ha scritto:
Ultras si alzò in piedi e rivolgendosi al Giudice chiese:

Signor Giudice vorrei sapere se, prima dell'arringa finale della difesa, fosse possibile rispondere alle accuse mosse nei nostri confronti dalla pubblica accusa.
Vorrei solo per puntualizzare alcune cose.

Ops... Ho detto pubblica accusa? Volevo dire "testimoni"
.
Damagaladriel ha scritto:
La Corte, valutata l'importanza del processo, e considerato che gli imputati a loro difesa possono presentare testimoni

autorizza
gli imputati a presentare oltre all'arringa finale
una dichiarazione di chiarimento sulla testimonianza presentata dall'accusa.

Rammento a tutti i comparenti di mantenere un comportamento responsabile
ed invito gli imputati a far convergere i chiarimenti verso la Persona di questa Corte, unica preposta al giudizio della veridicità dei fatti.



Controllò che gli appunti fossero in ordine ed alzò lo sguardo su Messer Ult1926ras.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
rimmster
Ambasciatori Stranieri
Ambasciatori Stranieri
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 1026
Località : Tortosa, Principado de Catalunya
Occupazione/Hobby : Ambasciatore e studioso
Data d'iscrizione : 30.08.09

MessaggioTitolo: Re: Documentazione processuale Fridal e Ult1926ras von Hannover Sab 19 Nov - 4:02:19

Ult1926ras ha scritto:
Vostro Onore sono sicuro che il Conte Marcius conosca la differenza tra "testimone" e "accusa". Pensavo avesse intenzione di riferire a quest'aula avvenimenti di sua conoscenza riguardo l'affondamento della Trinacria. Ma invece ho visto che ha tirato fuori leggi, codici... Addirittura il testimone ha confutato le parole del Pubblico Ministero riguardo l'applicazione del Codice Penale. Non mi pare il massimo della correttezza durante un processo.
Forse il Conte da piccolo sognava di fare l'avvocato? E allora forse dovrebbe sapere che un testimone raccota i fatti, non fa accuse.

Immagino che per lui sarebbe una grande soddisfazione se ci venisse comminata il massimo della pana, ma devo ricordargli che quello che hanno definito come reato di "scavallo" nel nostro Codice Penale non esiste.
E quando un reato non esiste cco come il nostro Codice Penale dice ci si debba comportare:

Citazione :
Art. 2 - Efficacia della legge penale nel tempo e principio di tassatività
Nessuno può essere punito per un fatto che non sia espressamente previsto come reato dalla legge del Regno o della Provincia in cui il fatto è commesso, né con pene che non siano da essa stabilite; è fatto divieto di ricorrere all’analogia.




Devo dire che anche il Ministro Rimmster è sembrato molto più un accusatore che un semplice testimone, ma almeno lui degli accadimenti ha parlato. Anche se l'ha fatto aggiungendo delle fantasiose interpretazioni che secondo me poteva anche risparmiarsi, visto che un testimone dovrebbe dire la verità per evitare di incorrere nel reato di "Intralcio alla giustizia". Ma poi mi chiedo, se il Ministro fosse cosi convinto della nostra colpevolezza, cioè di aver volutamente scavalcato il Regno riguardo una questione di esclusiva competenza della Corona, allora per quale motivo ha spudoratamente mentito nonostante le prove dicessero cose molto differenti dalle sue affermazioni?


Ecco cosa ritengo sia palesemente falso e facilmente verificabile tramite le prove depositate dall'accusa.



Rimmster ha scritto:
- in data 20 agosto il principe Fridal urla in CR: - Arlan ---- chiunque lo veda lo ammazzi -.- si è fregato la Trinacria , la nave da guerra di tdl, vuole affondare un po' di navi in giro e se la vuole rivendere in francia. Ammazatelo :S
- gli risponde il Ministro Witos: - Vi invito inoltre a presenziare alla discussione che stiamo tenendo in stato maggiore del regno, lì vanno discusse tutte le proposte e notizie riguardanti le materie di carattere militare riguardanti l'intero regno, e la vostra presenza in qualità di governatore è come non mai gradita. Vi aspetto lì.
- l’Ex principe risponde con un laconico: - vabbè allora tutto a posto.
Si evince dalla risposta del Ministro Witos l’invito ad affrontare la situazione in SMR, essendo quello un problema militare, essendo in corso un presunto furto d’una nave militare provinciale e una serie di minacce di affondare navi in terre altrui. Nonostante il laconico: - vabbè, allora tutto a posto - la situazione veniva presa in mano dal vice principe, Ultras, il quale, scavalcando qualsiasi protocollo e la stessa Costituzione [...]


Assolutamente falso! Il Ministro Witos prende atto della situazione e dice che purtroppo non potrà essere molto presente in quei gorni. Termina il suo intervento dicendo a Fridal di aggiornarsi li, cioè in Concilio Ristretto, non dice assolutamente nulla sullo Stato Maggiore e nessun laconico "Vabbè tutto a posto" fu pronunciato da Fridal. Queste sono pure invenzioni del testimone.

Soltanto il giorno 23 Witos chiede a Fridal di andare allo SMR

Ultras scrive il giorno 21, due giorni prima di quell'invito di Witos, e senza che Fridal dicesse mai alcun "vabbè...".

Il tutto è ben documentato e non capisco come il "testimone", prove alla mano, possa dire delle simili bugie.






Rimmster ha scritto:

21.8.1459
Il vice principe Ultras scrive direttamente al Siena una prima missiva (vedasi a riprova il documento depositato in Tribunale IG o presso il Palazzo Reale di Napoli) .. Nella stessa data scrive anche ad Amatojunior, il capitano dell'ammiraglia di Siena, peraltro sdrammatizzando il pericolo rappresentato da Arlan (vedasi a riprova il documento depositato in Tribunale IG o presso il Palazzo Reale di Napoli). Poco più tardi, gli invierà un altro messaggio informandolo di cosa si dica in Tdl sulle intenzioni di Arlan (vedasi a riprova il documento depositato in Tribunale IG o presso il Palazzo Reale di Napoli), il tutto condito dalla citazione d'un'invocazione di Iacobuscook, il passeggero a bordo della trinacria (vedasi a riprova il documento depositato in Tribunale IG). In quest'occasione il capitano dell'ammiraglia di Siena si mette il problema di chiedere in ambasciata ma pare che sia passata inosservata questa sua preoccupazione.

Il 21 Ultras scrive a Siena, non sdrammatizza proprio nulla, anzi, sottolinea l'urgenza; informa Siena di quello che sa: nave da guerra danneggiata, capitano senza conoscenze navali
e di quello che suppone : CREDO che non possa effettuare combattimento navale.







Rimmster ha scritto:
Tutto ciò il vice principe Ultras lo fa evidentemente senza informare nessuno ufficialmente, visto che solo il giorno dopo, in data

22.08.1459
(vedasi a riprova il documento depositato in Tribunale IG o presso il Palazzo Reale di Napoli) propone di scrivere a Siena o a Firenze, quando invece l’aveva già fatto oltre 24 ore prima. In quella stessa data (vedasi a riprova il documento depositato in Tribunale IG o presso il Palazzo Reale di Napoli) il Principe da il suo consenso all’affondamento, sebbene inviti ancora tutti a procedere solo come ultima opzione. Subito dopo suo fratello, il vice principe Ultras, sollecita l’ok per poter interpellare Siena.


Il 22 Ultras non propone di scrivere a Firenze e Siena, visto che aveva già scritto a Siena per sapere se eventualmente avessero avuto la possibilità di affondare una nave da guerra.
Ultras chiede al Consiglio di esprimersi riguardo la possibilità di affondare la Trinacria da parte di Siena o Firenze. Mi pare la cosa sia differente.
Ult1926ras ha scritto:
Io propongo di chiedere aiuto alle Repubbliche di Siena o Firenze per l'affondamento immediato della Trinacria.
La maggior parte dei Consiglieri è d'accordo, compreso il Principe, che però chiede di fare il possibile per cercare di far ragionare il ladro.






Rimmster ha scritto:
Il principe gli da il suo benestare per contattare Siena informando che nel frattempo lui informerà il Ministro Witos. Sappiamo però che il Ministro era stato avvisato il 20 sera, un sabato sera d’agosto


Altra falsità. Il Principe Fridal dice di aver informato già il Ministro Witos, non dice affatto che lo informerà.
Fridal ha scritto:

te contatta contatta!
Ho avvertito anche il Miniistro Witos






Rimmster ha scritto:
Il Consiglio era impegnatissimo:Il vice principe incalza e qualcun altro si preoccupa (vedasi a riprova il documento depositato in Tribunale IG o presso il Palazzo Reale di Napoli), molti tra i consiglieri intervenivano (vedasi a riprova il documento depositato in Tribunale IG o presso il Palazzo Reale di Napoli) senza farsi attendere mentre il vice principe continua per la sua strada (vedasi a riprova il documento depositato in Tribunale IG). A questo punto qualcuno esprime moderata perplessità (vedasi a riprova il documento depositato in Tribunale IG o presso il Palazzo Reale di Napoli), indubbiamente altri sono iper interventisti, con il solito vice principe a soffiare sul fuoco (vedasi a riprova il documento depositato in Tribunale IG o presso il Palazzo Reale di Napoli), fino a chi attinge da non ho mai capito quali fonti le sue informazioni


Il VicePrincipe non incalza proprio nessuno, semplicemente risponde ad una richiesta di Lord.nelson che dice di non essere completamente aggiornato sulla situazione, e poi informa il Consiglio che Siena ha dato la propria disponibilità ad affondare la nave, chiedendo a TdL la copertura di eventuali danni alla loro nave.

Quella che il Ministro chiama "moderatà perplessità" è l'opinione di Lord.nelson, colui il quale aveva in pratica consegnato la Trinacria nelle mani di chi l'avrebbe rubata, dicendo di essere l'unico responsabile della nave e di assumersene le responsabilità, la cui perplessità si basa sl fatto che... si, è vero, la Trinacria potrebbe anche affondare qualche altra nave, ma i costi di una nave affondata sarebbero comunque minori al costo della Trinacria... Ecco la moderata perplessità. Meglio che fare affondare un'altra nave piuttosto che perdere la Trinacria.

Lord.nelson ha scritto:
per quanto riguarda la Trinacria, faccio un po l'avvocato del diavolo:
Nella malaugurata ipotesi, remota ma sempre possibile, considerando che parte del combattimento è Random, che La Trinacria rispondendo al fuoco possa affondare l'altra nave, i danni sarebbero a carico di TDL ovviamente e a questo punto, oltre a perdere i 4000 ducati della Trinacria, dovremo rimborsare anche 4000 ducati dell'altra nave.
Ne abbiamo parlato con chi ci sta venendo in soccorso e che dicono?

Io sarei più propenso ad un piano d'attesa considerando che se anche Arlan bombardasse qualche altra nave e l'affondasse, i danni da rifondere sarebbero in ogni caso inferiori al costo della Trinacria, a quel punto sarà costretto o a fermarsi, per non rischiare di affondare perchè credo che di punti danno ne abbia ancora pochini e far riparare i danni in un qualsiasi porto, con la salvezza automatica di Iaco.
Che dite ?

A proposito dei rapporti tra Arlan e Nelson, ecco quello che mi disse Arlan un pò di tempo fa in taverna:

http://i41.tinypic.com/xayija.jpg

ed ecco cosa mi ha detto qualche giorno fa:

http://i41.tinypic.com/v60zet.jpg

In pratica, a detta sua, se Nelson gli avesse dato retta sarebbero rimasti in Spagna insieme ai 16.000 ducati di TdL (purtroppo non con la Trinacria, nonostante l'impegno di Nelson per evitarne l'affondamento).

Ma non credo che i nostri "inquirenti" siano interessati seriamente ad indagare, tranne che contro determinate persone.






Rimmster ha scritto:
23.08.1459
con il solito Vice principe Utras che non vede l'ora di bombardare la Trinacria e sollecita un via libera definitivo: L'unica cosa incomprensibile è che in data 23 settembre costui continui ad aspettare benestari definitivi dal Consiglio (vedasi a riprova il documento depositato in Tribunale IG o presso il Palazzo Reale di Napoli), quando in data 22 l'aveva già dato (vedasi a riprova il documento depositato in Tribunale IG o presso il Palazzo Reale di Napoli) come si evince senza ombra di dubbio da questi scritti (vedasi a riprova il documento depositato in Tribunale IG o presso il Palazzo Reale di Napoli) che già vi avevo mostrato: alle 15:20 del 23 agosto dice al Consiglio di Terra di Lavoro che la Signora di Siena aspetta una sua risposta per l'affondamento della Trinacria quando lui gliel'ha già confermato in data 22 agosto alle 17 e 59 minuti e 55 secondi, per la precisione... 24 ore prima.
Alcuni consiglieri gli fanno subito coro (vedasi a riprova il documento depositato in Tribunale IG o presso il Palazzo Reale di Napoli), non so se coscienti della presa in giro, quindi complici di quella furberia, o del tutto ignari che con due o tre applausi si è preso la libertà di decidere per tutti.


Il Ministro probabilmente è distratto o non ci ha capito granchè, eppure mi sembrava piuttosto facile da comprendere.

Il giorno 22 il Consiglio di TdL si era espresso per l'affondamento della Trinarcia ed il VicePrincipe aveva girato la richiesta a Siena.

http://forum2.iregni.com/viewtopic.php?t=543528&postdays=0&postorder=asc&start=0

Ancora il giorno 22 il VicePrincipe informa il Consiglio che Siena si espressa favorevolmente per affondare la nave, e chiede a TdL una eventuale copertura dei danni alla loro nave, richiesta che il VicePrincipe riporta al Consiglio chiedendo di esprimersi.


Ult1926ras ha scritto:
Lo stesso vale per quanto riguarda la Governatrice di Siena. Mi ha scritto dicendo che ha dato via libera alloro Stato Maggiore per affondare la Trinacria.
Aspetta un mio messaggio di conferma anche per quanto riguarda la copertura di eventuali spese in caso di danni.



Per me va bene. Datemi il vostro parere.

Il giorno 23 il VicePrincipe aspetta solo il benestare del Consiglio riguardo la copertura dei danni a Siena. Alcuni Consiglieri si esprimono favorevolmente ed il VicePrincipe da il vialibera a Siena.




Vostro Onore ripeto che tutto quello che ho appena riportato è facilmente verificabile proprio tramite le prove portate dalla stessa accusa.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Documentazione processuale Fridal e Ult1926ras von Hannover

Tornare in alto Andare in basso
 
Documentazione processuale Fridal e Ult1926ras von Hannover
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» ovodonazione Istituto Marques di Barcellona
» Documentazione dei fatti di Genova e Portogallo

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Palazzo Reale di Napoli :: Ingresso del Palazzo :: Biblioteca :: Storia del Regno-
Andare verso: