IndiceIndice  Lista UtentiLista Utenti  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividi | 
 

 Notizie da Milano

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente
AutoreMessaggio
Elisabetta Maria

avatar

Femmina
Numero di messaggi : 1517
Data d'iscrizione : 04.03.09

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Sab 6 Feb - 12:29:17

Grazie Ser. Smile

_________________
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://palazzoreale.forumattivo.com
Ser.Bartolomeo

avatar

Maschio
Numero di messaggi : 55
Data d'iscrizione : 20.01.10

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Dom 7 Feb - 2:44:59

Nulla Eccellenza e volevo avvisarla che mi sono presentato e ho avuto il mio ufficio m metto a lavoro. Very Happy
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Elisabetta Maria

avatar

Femmina
Numero di messaggi : 1517
Data d'iscrizione : 04.03.09

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Dom 7 Feb - 14:55:53

Grazie Ser, posta da loro le info sul regno. Smile

_________________
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://palazzoreale.forumattivo.com
Ser.Bartolomeo

avatar

Maschio
Numero di messaggi : 55
Data d'iscrizione : 20.01.10

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Lun 8 Feb - 2:28:44

Fatto! Cool
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Ser.Bartolomeo

avatar

Maschio
Numero di messaggi : 55
Data d'iscrizione : 20.01.10

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Mar 9 Feb - 3:15:00

Citazione :

Ducato di Milano







Geografia :








Consiglio :





Duca: Sir_Biss


Diplomazia:

Gran Ciambellano: Mariaiolanda

Giustizia:

Giudice: Marshall
Pubblico Ministero: Brandon
Prefetto: Flydarker

Economia

Sceriffo: Skioppo
Ministro del commercio: Nessuno
Ministro delle miniere: Cosy

Esercito

Capitano: Catullo
Sergente: Burrfoot

Comunicazione

Portavoce: Moreno81bo

Riserve :
Rever




Città, risorse e porti:


Capitale: Milano

Arrow Alessandria - Foresta
Arrow Como - Lago - Porto
Arrow Fornovo - Frutteto
Arrow Lodi - Foresta - Porto
Arrow Milano - Frutteto - Capitale
Arrow Novara - Frutteto
Arrow Parma - Frutteto
Arrow Pavia - Lago - Porto
Arrow Piacenza - Lago - Porto



Economia, Difesa e Diplomazia :



Economia :



Citazione :

L'economia milanese è basata sulle miniere di oro, ferro e pietra equamente distibuite su tutto il territorio.
La presenza di tutte le risorse sul territorio milanese permettono al ducato autonomia in ambito commerciale e "floridi" scambi con i paesi limitrofi.



Difesa :



L'esercito si trova nel Castello di Milano.



Diplomazia :



Castello Sforzesco di Milano




Università di Milano


Rettore: Dott_khan





Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Elisabetta Maria

avatar

Femmina
Numero di messaggi : 1517
Data d'iscrizione : 04.03.09

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Mar 9 Feb - 8:36:13

Grazie Ser Smile

_________________
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://palazzoreale.forumattivo.com
FortunatoJack



Maschio
Numero di messaggi : 164
Data d'iscrizione : 07.01.10

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Sab 13 Feb - 22:46:29

Buongiorno Ambasciatore, dovreste procedere col richiedere il Corpo Legislativo nell'ambasciata della provincia a voi assegnata e farlo pervenire in queste sale.

Vi ringrazio.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Ser.Bartolomeo

avatar

Maschio
Numero di messaggi : 55
Data d'iscrizione : 20.01.10

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Dom 14 Feb - 3:53:22

Ecco qui tutto di seguito:

Codice Civile
Citazione :
I) CODICE CIVILE 01-01-1457

(Libro primo) DIRITTI DELLE PERSONE

(I,1,1) II,2,1 Dell'attentato all'unicità dell'anima e della stregoneria
Costituisce un atto di stregoneria la presa di possesso di due corpi da parte di una stessa anima [utilizzo di due account da parte di uno stesso giocatore].
I più alti rappresentanti dell’Inquisizione possono sostituirsi al procuratore per le accuse di Stregoneria.
La stregoneria è un crimine infame. I corpi [account] secondari privi della propria anima saranno sistematicamente consegnati alle fiamme del rogo.
Il corpo principale subisce le pene definite dall’Art. II.1.4, comma III, e può essere sottoposto all’ammenda, all’obbrobrio pubblico e alla gogna. Ogni guadagno ottenuto grazie alla creazione dei corpi secondari deve essere annullato.
Di ogni crimine o reato commesso dai corpi secondari sarà imputato il corpo principale, che sarà anche l’oggetto della persecuzione e delle specifiche condanne, ed in questo caso le pene saranno aggravate in ragione del contesto infamante della stregoneria.

Capi d’imputazione: Stregoneria

(I,1,2) II,2,2 Della violazione di domicilio [Account piratato]
Costituisce un atto di violazione di domicilio l’utilizzo non autorizzato di un account da parte di un terzo.
Costituisce un atto di violazione di domicilio con scasso l’utilizzo non autorizzato di un account da parte di un terzo tramite l’uso di metodi di pirataggio attivo ed in grado di compromettere l’integrità dei Regni.
La violazione di domicilio senza scasso costituisce crimine grave.
La violazione di domicilio con scasso costituisce crimine infame.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dall’Art. II.1.4.

Capi d’imputazione: Disturbo dell’ordine pubblico, Violazione di domicilio

(I,1,3) Dell'Insulto
Costituisce un atto di insulto pubblico ogni proposito pubblico atto ad infangare l’onore personale di un abitante del Principato o della sua ascendenza e che scandalizza l’opinione pubblica.
Costituisce un atto di insulto privato ogni scritto atto ad infangare l’onore personale di un abitante del Principato o della sua ascendenza ed il cui contenuto si oppone alla morale.
Gli atti di ingiuria sono dei reati leggeri e sono puniti mediate l’obbligo di sottoporsi a pubbliche scuse, mediante l’obbrobrio pubblico o mediante ammenda di un ammontare simbolico pari a 100 ducati, a seconda dell’entità del pregiudizio morale e finanziario subito.
In caso di diffamazione di un nobile o di un ufficiale civile o militare del Ducato, l’ammenda viene aumentata di un terzo ed il reato diventa serio.
La recidiva è considerata come un reato serio ed è punito con la prigione.

Capi d’imputazione: Diffamazione e insulti, Disturbo dell’ordine pubblico

(I,1,4) II,2,5 Della diffamazione
Costituisce un atto di diffamazione ogni proposito pubblico atto a mettere falsamente in causa l’onore personale o professionale di un abitante del Principato.
L’atto di diffamazione è un reato leggero ed è punito mediate l’obbligo di sottoporsi a pubbliche scuse, mediante l’obbrobrio pubblico o mediante ammenda di un ammontare simbolico pari a 200 ducati, a seconda dell’entità del pregiudizio morale e finanziario subito. In caso di diffamazione di un nobile o di un ufficiale civile o militare del Principato, l’ammenda viene sostituita dalle percosse ed il reato diventa serio.
La recidiva è considerata come un reato serio ed è punita con la prigione.

Capi d’imputazione: Diffamazione e insulti, Disturbo dell’ordine pubblico

(I,1,5) II,2,3 Dell'abuso di titoli o cariche
Costituisce un atto di abuso di titoli o di cariche ogni dichiarazione scritta o verbale atta ad associare il proprio nome ad un titolo o una carica esistente nei Regni ed attualmente legata ad un'altra persona.
Viene considerata come falsario ogni persona che si faccia passare per un terzo mediante contraffazione della sua firma [imitazione dello pseudonimo] al fine di ottenere informazioni private o di agire pubblicamente al suo posto.
Tali reati sono reati seri.
Se i titoli o le cariche acquisite sono quelle di un nobile o di un ufficiale civile o militare del Principato, l’atto viene riqualificato come reato grave.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dall’Art. II.1.3.
Se i titoli o le cariche acquisite appartengono all’Alta Nobiltà o all’Amministrazione Reale, gli atti sono considerati rispettivamente come crimini semplici o gravi, associati alle pene definite dall’Art. II.1.4.
Nell’assenza di volontà di nuocere alle persone spogliate dei loro titoli o cariche o all’ordine voluto dalla divina provvidenza o dalle leggi del Principato, la categoria di questi atti viene ridotta e le pene domandate diminuite.

Capi d’imputazione: Disturbo dell’ordine pubblico, Falsificazione

(I,1,7) Dell'eresia

Costituisce un atto di eresia ogni violazione della dottrina di nostra Santa Madre Chiesa.Per violazione alla dottrina si intende chi fa affermazioni di verità contrarie ai dogmi oppure atti contrari al Dogma Aristotelico senza riconoscere l'errore fatto e quindi la veridicità del dogma stesso.
Solo il più alto rappresentate ufficiale della Chiesa nel Ducato (i.e. il vescovo o chi ne fa le veci) ad adire la Giustizia laica per questo motivo.
Solo dopo che la Giustizia del Principato abbia esaminato le conclusioni della giurisdizione ecclesiastica competente avente presentato il suo verdetto sugli atti eretici, il giudice deciderà se convalidare o no le sentenze raccomandate dalla Corte ecclesiastica. Gli atti di eresia sono dei crimini semplici, seri o infami.

Capi d’imputazione: Eresia, Disturbo dell’ordine pubblico.

Capi d’imputazione: Eresia, Disturbo dell’ordine pubblico

(I,1,6) I,1,6 Del conflitto di Interessi
Per evitare di avere un conflitto d'interessi un giocatore non potrà occupare contemporaneamente due posizioni che sono tra loro collegate in campi specifici :

Nella giustizia Giustizia non si potrà avere contemporaneamente due delle seguenti cariche

-Principe/Giudice/P.M./Prefetto/Viceprefetto/Sceriffo e Sindaco

Nel campo dell'Economia non si potrà avere contemporaneamente due delle seguenti cariche

- Principe /Ministro Del Commercio/ Sceriffo/Prefetto/ Viceprefetto/Sindaco

Se all'entrata in vigore di questa legge, dovesse essere in atto tale conflitto, il soggetto ha tempo 1 settimana per scegliere a quale compito rinunciare, per il bene del ducato e della sua città.

In caso di rifiuto o mancata scelta, entro il periodo previsto, verrà cacciato senza indugio da qualsiasi ufficio consigliare al quale aveva accesso.

In caso di rivolta un membro del consiglio, prima di guidare un azione militare al fine della ripresa della città dovrà ricevere l'autorizzazione, con maggioranza semplice, del consiglio.

Rettifica.
Milano 19 agosto 1456
Polimnia di Borbone

---------------------------------------------------------------------------------------------

(Libro Secondo) DIRITTI DELLA PROPRIETÀ

(I,2,1) II, 2, 10 Del mancato pagamento del prestito
Costituisce un atto di mancato pagamento del prestito l’assenza di pagamento dello stesso all'intermediario addetto alla concessione dei prestiti e relativa esazione, nei termini pattuiti al momento della concessione dello stesso.
Al di là di questo termine un’ammenda giornaliera, pari al 10% della somma inizialmente dovuta, incrementerà l’imposta fiscale dell’imputato.
Dopo un termine di sette giorni l'intermediario può adire la Giustizia del Principato ed ottenere la condanna della persona morosa.
Il mancato pagamento del prestito è un reato serio ed l'ammenda del 200% della cifra ricevuta in prestito dovrà trovare applicazione, oltre agli interessi per il ritardo.
Organizzare la propria morosità è un reato grave.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3.

Capi d’imputazione: Morosità, Disturbo dell’ordine pubblico

(I,2,2) II,2,10 Dell'abuso di fiducia
Costituisce un atto di abuso di fiducia ogni manipolazione cosciente di un individuo atta ad ottenere una merce, un servizio commerciale o non commerciale, di un terzo attraverso un accordo privato basato su una relazione di fiducia.
L’abuso di fiducia si manifesta se l’accordo viene rotto unilateralmente dopo che una delle due parti abbia adempiuto alla sua parte o se l’accordo approfitta espressamente delle incomprensioni di una delle due parti.
L’atto di abuso di fiducia è un reato leggero.

Capi d’imputazione: Abuso di fiducia, Disturbo dell’ordine pubblico

(I,2,3) II,2,4 Dell'uso di falsi documenti e dell'inganno
Costituisce un atto di inganno riprovevole ogni tentativo di farsi passare per un terzo utilizzando il suo nome [utilizzo dell’account sui Regni o sul Forum] al fine di ottenere delle informazioni private o di agire pubblicamente al suo posto.
Viene considerata come falsario ogni persona atta a farsi passare per un terzo mediante contraffazione della sua firma [imitazione dello pseudonimo] al fine di ottenere informazioni private o di agire pubblicamente al suo posto.
Tali reati sono reati seri.
Se l’identità imitata o sfruttata è quella di un nobile o di un ufficiale civile o militare del Ducato, l’atto viene riqualificato come reato grave. Le pene associate a queste categorie sono descritte dall’Art. II.1.3.

Capi d’imputazione: Disturbo dell’ordine pubblico, Falsificazione

(I,2,4) II,4,11 Dell'Appropriazione Indebita
Dell'appropriazine indebita

Costrituisce appropriazione indebita ogni azione atta al minamento dell'andata a buon fine dei mandati comunali / ducali per la produzione e / o consegna di manufatti / beni all'Ente.
Il cittadino che si dovesse render protagonista di tale atto, ha tempo un giorno dall'accertamento della notifica del reato per provvedere a restituire al diretto interessato o tramite un autorità compentente (Sindaco, Prefetto, Vice-Prefetto) il manufatto / bene preso senza autorizzazione.

Capo D'Accusa: Appropriazione Indebita; Frode;
Aggravanti: Diffamazione; Disturbo dell'ordine pubblico; in caso di insulti e/o in base al livello.
Pene: pari al doppio del valore del manufatto / bene.

Pene Accessorie: I crimini gravi sono passibili delle pene di livello II (v. Art. II.1.4)

(I,2,5) II,4,6 Della frode fiscale
Costituisce un atto di frode fiscale ogni comportamento di un contribuente atto a sottrarre il suo patrimonio finanziario dall’imposta del suo luogo di residenza traslocando meno di tre giorni prima del prelievo di una nuova imposta.
Due sole situazioni autorizzano un contribuente a contravvenire a questa regola senza timore di subire persecuzioni: il risultato di una nuova elezione municipale in tale città avvenuta nella ultime 24 ore o l’apertura di una colonia nelle ultime 48 ore.
La frode fiscale è un reato serio.
La prima condanna è costituita da un’ammenda o pignoramento al fine di permettere il rimborso dell’imposta fiscale più un ammontare necessario a coprire i costi amministrativi della Giustizia e della riscossione.
La recidiva comporta la prigione.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3.

Capi d’imputazione: Evasione fiscale, Disturbo dell’ordine pubblico

(I,2,6) II,4,7 Del mancato pagamento delle imposte municipali
Costituisce un atto di mancato pagamento delle imposte municipali l’assenza di pagamento delle stesse al municipio del proprio luogo di residenza nei termini definiti con decreto municipale.
Al di là di questo termine un’ammenda giornaliera, pari al 10% della somma inizialmente dovuta, incrementerà l’imposta fiscale dell’imputato.
Dopo un termine di sette giorni il Sindaco può adire la Giustizia del Principato ed ottenere la condanna del contribuente.
Il mancato pagamento delle imposte è un reato serio ed il pignoramento dei beni o i lavori forzati dovrebbero permettere di recuperare l’imposta, includendo gli interessi per il ritardo ed un’ammenda per coprire i costi amministrativi della Giustizia.
Organizzare la propria insolvibilità fiscale è un reato grave.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3.

Capi d’imputazione: Evasione fiscale, Disturbo dell’ordine pubblico

(I,2,7) II,4,9 Dello sfruttamento dei beni pubblici
Costituisce un atto di sfruttamento dei beni pubblici ogni uso delle proprie funzioni ufficiali al fine di arricchire la propria persona e/o i propri accoliti.
Costituisce un atto di danno alle finanze pubbliche ogni comportamento speculativo destinato ad arricchirsi volontariamente a discapito delle finanze pubbliche.
Lo sfruttamento dei beni pubblici è un reato grave.
Il danno alle finanze pubbliche è un reato serio.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3.

Capi d’imputazione: Sfruttamento dei beni pubblici, Tradimento

I,2,8 Manipolazione dell'economia
Chiunque dovesse manipolare l’economia(o tentasse di farlo) di qualunque città del Ducato di Milano, inclusa l’economia del Ducato stesso, sarà condannato al pagamento di un’ammenda pari al valore del danno causato aumentato del 10%.

Con il termine “Manipolazione Economica” si intendono tutte quelle azioni che portano o mirano a:

• Speculare facendo incetta di beni per crearne carenza e farne aumentare il prezzo
• Speculare comprando tutta una tipologia di un bene sul mercato per poi rimetterlo sul mercato della stessa città al prezzo più alto

Il sindaco nella sua funzione di controllo della amministrazione della città può agire liberamente, indipendentemente da questa legge sul mercato.
Chiunque può comprare quello che vuole salvo norme contrarie.
Inoltre il sindaco per regolare il mercato cittadino può emettere le seguenti ordinanze:

Emettere norme parzialmente restrittive alla piena libertà di acquistare qualunque tipo di merce.

-Calmierare i prezzi
-Limitare l’acquisto di un bene agli stranieri, o ai non cittadini
-Limitare le quantità di acquisto dei beni per i cittadini, può anche decidere di organizzare la diffusione di un determinato bene solo tramite il municipio
-Stabilire un salario minimo
-Limitare l'accesso alla risorsa cittadina

Le ordinanze municipali entreranno in vigore solo dopo che saranno passate 24 ore dalla loro pubblicazione, che dovrà avvenire sia nel Municipio della città che nella camera dei sindaci
Tutte le ordinanze emesse da un sindaco cessano di validità al termine del suo mandato.
Il sindaco sarà responsabile delle ordinanze da lui emesse, e dovrà quindi interessarsi coi mezzi del municipio del controllo e rilevamento del reato e della relativa apertura del processo.
Il consiglio ducale va solo informato, ma lo stesso consiglio può dichiararne nulla qualunque ordinanza, in questo caso tutti coloro che l'avranno trasgredita non saranno punibili.

28 settembre
Polimnia di Borbone.

I,2,9 Sul Bilancio Comunale
Norma che regola la pubblicazione del bilancio e la comunicazione dei dati di bilancio al ducato.

E' facoltà di ogni sindaco di pubblicare liberamente il bilancio comunale in qualsiasi momento e con qualsiasi mezzo senza che questa azione costituisca reato.
E’ obbligatorio, per ogni sindaco mandare il Bilancio,al ducato qualora il principe lo richieda,
Detto bilancio dovrà essere inviato, al Ministro del Commercio, entro i termini di tempo decisi dal principe e dovrà essere composto da Inventario, cassa, merci presenti in taverna, merci in vendita, mandati aperti ed eventuale situazione asce.

Il rifiuto a inviare il Bilancio al ducato è considerato tradimento.

Milano 21 Ottobre 1456
Polimnia di Borbone

Citazione :
(Libro Secondo) DIRITTI DELLA PROPRIETÀ

(I,2,1) II, 2, 10 Del mancato pagamento del prestito
Costituisce un atto di mancato pagamento del prestito l’assenza di pagamento dello stesso all'intermediario addetto alla concessione dei prestiti e relativa esazione, nei termini pattuiti al momento della concessione dello stesso.
Al di là di questo termine un’ammenda giornaliera, pari al 10% della somma inizialmente dovuta, incrementerà l’imposta fiscale dell’imputato.
Dopo un termine di sette giorni l'intermediario può adire la Giustizia del Principato ed ottenere la condanna della persona morosa.
Il mancato pagamento del prestito è un reato serio ed l'ammenda del 200% della cifra ricevuta in prestito dovrà trovare applicazione, oltre agli interessi per il ritardo.
Organizzare la propria morosità è un reato grave.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3.

Capi d’imputazione: Morosità, Disturbo dell’ordine pubblico

(I,2,2) II,2,10 Dell'abuso di fiducia
Costituisce un atto di abuso di fiducia ogni manipolazione cosciente di un individuo atta ad ottenere una merce, un servizio commerciale o non commerciale, di un terzo attraverso un accordo privato basato su una relazione di fiducia.
L’abuso di fiducia si manifesta se l’accordo viene rotto unilateralmente dopo che una delle due parti abbia adempiuto alla sua parte o se l’accordo approfitta espressamente delle incomprensioni di una delle due parti.
L’atto di abuso di fiducia è un reato leggero.

Capi d’imputazione: Abuso di fiducia, Disturbo dell’ordine pubblico

(I,2,3) II,2,4 Dell'uso di falsi documenti e dell'inganno
Costituisce un atto di inganno riprovevole ogni tentativo di farsi passare per un terzo utilizzando il suo nome [utilizzo dell’account sui Regni o sul Forum] al fine di ottenere delle informazioni private o di agire pubblicamente al suo posto.
Viene considerata come falsario ogni persona atta a farsi passare per un terzo mediante contraffazione della sua firma [imitazione dello pseudonimo] al fine di ottenere informazioni private o di agire pubblicamente al suo posto.
Tali reati sono reati seri.
Se l’identità imitata o sfruttata è quella di un nobile o di un ufficiale civile o militare del Ducato, l’atto viene riqualificato come reato grave. Le pene associate a queste categorie sono descritte dall’Art. II.1.3.

Capi d’imputazione: Disturbo dell’ordine pubblico, Falsificazione

(I,2,4) II,4,11 Dell'Appropriazione Indebita
Costituisce appropriazione indebita ogni azione atta al minamento dell'andata a buon fine dei mandati comunali / ducali per la produzione e / o consegna di manufatti / beni all'Ente.
Il cittadino che si dovesse render protagonista di tale atto, ha tempo un giorno dall'accertamento della notifica del reato per provvedere a restituire al diretto interessato o tramite un autorità competente (Sindaco, Prefetto, Vice-Prefetto) il manufatto / bene preso senza autorizzazione.

Capo D'Accusa: Appropriazione Indebita; Frode;
Aggravanti: Diffamazione; Disturbo dell'ordine pubblico; in caso di insulti e/o in base al livello.
Pene: pari al doppio del valore del manufatto / bene.

Pene Accessorie: I crimini gravi sono passibili delle pene di livello II (v. Art. II.1.4)

(I,2,5) II,4,6 Della frode fiscale
Costituisce un atto di frode fiscale ogni comportamento di un contribuente atto a sottrarre il suo patrimonio finanziario dall’imposta del suo luogo di residenza traslocando meno di tre giorni prima del prelievo di una nuova imposta.
Due sole situazioni autorizzano un contribuente a contravvenire a questa regola senza timore di subire persecuzioni: il risultato di una nuova elezione municipale in tale città avvenuta nella ultime 24 ore o l’apertura di una colonia nelle ultime 48 ore.
La frode fiscale è un reato serio.
La prima condanna è costituita da un’ammenda o pignoramento al fine di permettere il rimborso dell’imposta fiscale più un ammontare necessario a coprire i costi amministrativi della Giustizia e della riscossione.
La recidiva comporta la prigione.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3.

Capi d’imputazione: Evasione fiscale, Disturbo dell’ordine pubblico

(I,2,6) II,4,7 Del mancato pagamento delle imposte municipali
Costituisce un atto di mancato pagamento delle imposte municipali l’assenza di pagamento delle stesse al municipio del proprio luogo di residenza nei termini definiti con decreto municipale.
Al di là di questo termine un’ammenda giornaliera, pari al 10% della somma inizialmente dovuta, incrementerà l’imposta fiscale dell’imputato.
Dopo un termine di sette giorni il Sindaco può adire la Giustizia del Principato ed ottenere la condanna del contribuente.
Il mancato pagamento delle imposte è un reato serio ed il pignoramento dei beni o i lavori forzati dovrebbero permettere di recuperare l’imposta, includendo gli interessi per il ritardo ed un’ammenda per coprire i costi amministrativi della Giustizia.
Organizzare la propria insolvibilità fiscale è un reato grave.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3.

Capi d’imputazione: Evasione fiscale, Disturbo dell’ordine pubblico

(I,2,7) II,4,9 Dello sfruttamento dei beni pubblici
Costituisce un atto di sfruttamento dei beni pubblici ogni uso delle proprie funzioni ufficiali al fine di arricchire la propria persona e/o i propri accoliti.
Costituisce un atto di danno alle finanze pubbliche ogni comportamento speculativo destinato ad arricchirsi volontariamente a discapito delle finanze pubbliche.
Lo sfruttamento dei beni pubblici è un reato grave.
Il danno alle finanze pubbliche è un reato serio.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3.

Capi d’imputazione: Sfruttamento dei beni pubblici, Tradimento

Citazione :
I) CODICE CIVILE

(Libro primo) DIRITTI DELLE PERSONE

I,1,0 PRINCIPI GENERALI SULLA GIUSTIZIA
Norme che stabiliscono i principi di base e generali del ducato di Milano

1) Ogni cittadino ha diritto a crescere e svilupparsi nel Ducato di Milano. e le pene e le leggi ducali non possono limitarne la vita in maniera tale da impedirgli una qualsivoglia crescita.

2) Nessuno può essere punito per un fatto che non sia espressamente previsto come reato penale. Nel caso di assenza di legge che lo preveda, la sentenza dovrà essere emessa, oltre che sulla base del buon senso giuridico del Giudice, anche con l’avvallo del consulto della Corte d’appello.

3) Nessuno può essere punito per un fatto che, secondo la legge del tempo in cui fu commesso, non costituiva reato o illecito; la legge non ha carattere retroattivo.

4) Il presente Corpus Legislativo obbliga all’osservanza delle norme tutti i cittadini presenti sul territorio del Ducato, compresi quindi i cittadini nativi e provenienti dagli Stati esteri.

5) Nessuno può invocare a propria scusante la non conoscenza delle norme contenute nei Codici.

6) Tutte le leggi e i decreti diventano, esecutive dopo 24 dalla loro pubblicazione. Gli organismi istituzionali del Ducato (Principe, Consiglio, Sindaci, Prefetto e Vice Prefetti) danno opportuna pubblicità delle Leggi qui stabilite, in taverna ducale e al castello, fanno eccezione decreti eccezionali per casi d'emergenza (guerre , carestie, brigantaggi ecc...), in quel caso nel decreto deve esser specificata l'emergenza e il fatto che è immediatamente esecutivo.

7) Nessuno può essere processato due volte per il medesimo atto illecito commesso

Cool Nessuno può essere punito con pene che eccedano quanto scritto nella carta del Giudice dell'imperatore, o che violino la legge delle pene ducale.

Milano
27 Gennaio 1457

Polimnia di Borbone


(I,1,1) II,2,1 DELL'ATTENTATO ALL'UNICITA' DELL'ANIMA E DELLA STREGONERIA

Costituisce un atto di stregoneria la presa di possesso di due corpi da parte di una stessa anima [utilizzo di due account da parte di uno stesso giocatore].
I più alti rappresentanti dell’Inquisizione possono sostituirsi al procuratore per le accuse di Stregoneria.
La stregoneria è un crimine infame. I corpi [account] secondari privi della propria anima saranno sistematicamente consegnati alle fiamme del rogo.
Il corpo principale subisce le pene definite dall’Art. II.1.4, comma III, e può essere sottoposto all’ammenda, all’obbrobrio pubblico e alla gogna. Ogni guadagno ottenuto grazie alla creazione dei corpi secondari deve essere annullato.
Di ogni crimine o reato commesso dai corpi secondari sarà imputato il corpo principale, che sarà anche l’oggetto della persecuzione e delle specifiche condanne, ed in questo caso le pene saranno aggravate in ragione del contesto infamante della stregoneria.

Capi d’imputazione: Stregoneria
---------------------------------------------------------

(I,1,2) II,2,2 DELLA VIOLAZIONE DI DOMICILIO [Account piratato]
Costituisce un atto di violazione di domicilio l’utilizzo non autorizzato di un account da parte di un terzo.
Costituisce un atto di violazione di domicilio con scasso l’utilizzo non autorizzato di un account da parte di un terzo tramite l’uso di metodi di pirataggio attivo ed in grado di compromettere l’integrità dei Regni.
La violazione di domicilio senza scasso costituisce crimine grave.
La violazione di domicilio con scasso costituisce crimine infame.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dall’Art. II.1.4.

Capi d’imputazione: Disturbo dell’ordine pubblico, Violazione di domicilio

-------------------------------------------------

(I,1,3) DELL'INSULTO

Costituisce un atto di insulto pubblico ogni proposito pubblico atto ad infangare l’onore personale di un abitante del Principato o della sua ascendenza e che scandalizza l’opinione pubblica.
Costituisce un atto di insulto privato ogni scritto atto ad infangare l’onore personale di un abitante del Principato o della sua ascendenza ed il cui contenuto si oppone alla morale.
Gli atti di ingiuria sono dei reati leggeri e sono puniti mediate l’obbligo di sottoporsi a pubbliche scuse, mediante l’obbrobrio pubblico o mediante ammenda di un ammontare simbolico pari a 100 ducati, a seconda dell’entità del pregiudizio morale e finanziario subito.
In caso di diffamazione di un nobile o di un ufficiale civile o militare del Ducato, l’ammenda viene aumentata di un terzo ed il reato diventa serio.
La recidiva è considerata come un reato serio ed è punito con la prigione.

Capi d’imputazione: Diffamazione e insulti, Disturbo dell’ordine pubblico

------------------------------------------------------

(I,1,4) II,2,5 DELLA DIFFAMAZIONE

Costituisce un atto di diffamazione ogni proposito pubblico atto a mettere falsamente in causa l’onore personale o professionale di un abitante del Principato.
L’atto di diffamazione è un reato leggero ed è punito mediate l’obbligo di sottoporsi a pubbliche scuse, mediante l’obbrobrio pubblico o mediante ammenda di un ammontare simbolico pari a 200 ducati, a seconda dell’entità del pregiudizio morale e finanziario subito. In caso di diffamazione di un nobile o di un ufficiale civile o militare del Principato, l’ammenda viene sostituita dalle percosse ed il reato diventa serio.
La recidiva è considerata come un reato serio ed è punita con la prigione.

Capi d’imputazione: Diffamazione e insulti, Disturbo dell’ordine pubblico

----------------------------------------

(I,1,5) II,2,3 DELL' ABUSO DI TITOLI O CARICHE

Costituisce un atto di abuso di titoli o di cariche ogni dichiarazione scritta o verbale atta ad associare il proprio nome ad un titolo o una carica esistente nei Regni ed attualmente legata ad un'altra persona.
Viene considerata come falsario ogni persona che si faccia passare per un terzo mediante contraffazione della sua firma [imitazione dello pseudonimo] al fine di ottenere informazioni private o di agire pubblicamente al suo posto.
Tali reati sono reati seri.
Se i titoli o le cariche acquisite sono quelle di un nobile o di un ufficiale civile o militare del Principato, l’atto viene riqualificato come reato grave.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dall’Art. II.1.3.
Se i titoli o le cariche acquisite appartengono all’Alta Nobiltà o all’Amministrazione Reale, gli atti sono considerati rispettivamente come crimini semplici o gravi, associati alle pene definite dall’Art. II.1.4.
Nell’assenza di volontà di nuocere alle persone spogliate dei loro titoli o cariche o all’ordine voluto dalla divina provvidenza o dalle leggi del Principato, la categoria di questi atti viene ridotta e le pene domandate diminuite.

Capi d’imputazione: Disturbo dell’ordine pubblico, Falsificazione

------------------------------------------------------

(I,1,7) DELL' ERESIA

Costituisce un atto di eresia ogni violazione della dottrina di nostra Santa Madre Chiesa.Per violazione alla dottrina si intende chi fa affermazioni di verità contrarie ai dogmi oppure atti contrari al Dogma Aristotelico senza riconoscere l'errore fatto e quindi la veridicità del dogma stesso.
Solo il più alto rappresentate ufficiale della Chiesa nel Ducato (i.e. il vescovo o chi ne fa le veci) ad adire la Giustizia laica per questo motivo.
Solo dopo che la Giustizia del Principato abbia esaminato le conclusioni della giurisdizione ecclesiastica competente avente presentato il suo verdetto sugli atti eretici, il giudice deciderà se convalidare o no le sentenze raccomandate dalla Corte ecclesiastica. Gli atti di eresia sono dei crimini semplici, seri o infami.

Capi d’imputazione: Eresia, Disturbo dell’ordine pubblico.

---------------------------------------------------------

I,1,6 DEL CONFLITTO DI INTERESSI

Per evitare di avere un conflitto d'interessi un giocatore non potrà occupare contemporaneamente due posizioni che sono tra loro collegate in campi specifici :

Nella giustizia non si potrà avere contemporaneamente due delle seguenti cariche

-Principe/Giudice/P.M./Prefetto/Viceprefetto/Sceriffo e Sindaco

Nel campo dell'Economia non si potrà avere contemporaneamente due delle seguenti cariche

- Principe /Ministro Del Commercio/ Sceriffo/Prefetto/ Viceprefetto/Sindaco

Inoltre sulla base della "Importanza dell'incarico" un Consigliere non può occupare un altro ruolo istituzionale quindi non potrà ricoprire cariche di Sindaco/tribuno/viceprefetto.
Porterà a termine il suo ruolo fino a scadenza del mandato (Sindaco) o si dimetterà tenendo presente i termini di preavviso per la carica che ricopre (tribuno/viceprefetto).

il capitano in casi eccezionali su ordine del duca può prendere il controllo del potere in una città e svolgere le mansioni del sindaco fino a quando la situazione eccezionale non è stata sistemata

Se all'entrata in vigore di questa legge, dovesse essere in atto tale conflitto, il soggetto ha tempo 1 settimana per scegliere a quale compito rinunciare, per il bene del ducato e della sua città.

In caso di rifiuto o mancata scelta, entro il periodo previsto, verrà cacciato senza indugio da qualsiasi ufficio consigliare al quale aveva accesso.

In caso di rivolta un membro del consiglio, prima di guidare un azione militare al fine della ripresa della città dovrà ricevere l'autorizzazione, con maggioranza semplice, del consiglio.

Dama Propezia
Milano 19 Aprile 1457.

-------------------------------------------------------------------

I,1,8 - DELLA MORTE APPARENTE

Legge che regola le situazioni in cui un imputato appare come morto, ma non si ha la certezza che la sua sia una morte definitiva.

Art.1
a. Viene definita come "morte apparente" la condizione del cittadino non più in vita nel periodo iniziale di 15 giorni.
b. Trascorso tale periodo, a partire dal sedicesimo giorno, il cittadino che non mutasse tale condizione viene definitivamente considerato "morto".

Art.2
a. La condizione di morte apparente, non interrompe l'azione penale: il cittadino eventualmente imputato in un Processo è considerato ugualmente punibile e il procedimento a suo carico prosegue normalmente.

Art.3
a. La condizione di morte definitiva interrompe l'azione giudiziaria.
b. Nessun cittadino eventualmente imputato può essere condannato in caso di morte definitiva.
c. Il Giudice preso atto dela morte definitiva dell'imputato procede all'annullamento della procedura, mediante sentenza di assoluzione.

----------------------------------------------------------------

I,1,9 SULLA REGOLAMENTAZIONE DEI CONSIGLIERI ESTERNI

Art. 1 – Definizione di Consigliere Esterno
1. Un Consigliere Esterno è un cittadino del Ducato a cui viene concesso l’accesso straordinario alle sale del Consiglio Ducale.
2. Il compito del Consigliere Esterno è mettere le sue capacità al servizio del Consiglio Ducale.
3. Un Consigliere Esterno è soggetto all’autorità del Duca e può intervenire solo se interpellato.
4. Un Consigliere Esterno non ha diritto di voto nelle sale del Consiglio Ducale.

Art. 2 - Nomina e revoca dell’incarico
1. La nomina di un Consigliere Esterno è di pertinenza del Duca, sentito il parere, non vincolante, del Consiglio Ducale.
2. La proposta di nomina deve essere motivata.
3. Il numero massimo di Consiglieri Esterni in carica è pari a quattro, incluso il rappresentante della Santa Chiesa Aristotelica, ad eccezione del Periodo formativo di cui all'articolo 3.
5. Il Gran Ciambellano è Consigliere Esterno di diritto e la sua abilitazione all'accesso al Consiglio è contestuale alla nomina.
6. La Santa Chiesa Aristotelica potrà indicare un proprio rappresentante da includere di diritto fra i Consiglieri Esterni.
7. Il Duca può rimuovere in qualsiasi momento uno o più Consiglieri Esterni, motivando la sua decisione.
8. Il mandato dei Consiglieri Esterni si conclude con le elezioni per il rinnovo del Consiglio.

Art. 3 – Periodo formativo
1. Il Periodo formativo ha inizio con il rinnovo del Consiglio e si conclude il quinto giorno successivo all'elezione del Duca.
2. Durante il periodo di cui al comma precedente sono ammessi in Consiglio i consiglieri della precedente legislatura, al fine di istruire i nuovi ministri sui compiti da svolgere.
3. Limitatamente al caso di dimissioni di un consigliere, quest'ultimo può rimanere in Consiglio per cinque giorni per lo scopo di cui al comma precedente.
4. Durante il Periodo formativo, i vecchi consiglieri o i dimissionari non avranno diritto di voto.

Art. 4 – Segretezza dei lavori del Consiglio
1. I Consiglieri Esterni sono tenuti alla segretezza circa le informazioni di cui entreranno in possesso.
2. In caso di violazione del segreto di cui al comma precedente, ai fini penali i Consiglieri Esterni saranno equiparati ai Consiglieri elettivi. Il capo d'imputazione è Alto Tradimento.
------------------------------------------------------------------

I,1,10 SUI DECRETI E SULLA LORO VALENZA

1) I Decreti hanno validità sino al termine del mandato del Duca che li ha emanati e sono caratterizzati dall'apposizione di un sigillo di colore giallo.

2) I Decreti per mantenere valore oltre questo termine debbono essere pubblicamente validati, con specifico Comunicato da inserire in Taverna Ducale, dal Duca subentrante.

3) Fanno eccezione i Decreti tesi al riconoscimento di un Collegio, di un Ordine, quelli attribuenti una Onoreficenza o comunque altro riconoscimento pubblico.
Questi Decreti sono caratterizzati dall' apposizione di un sigillo di colore verde.
Questi Decreti mantengono la loro validità sino ad eventuale pubblico disconoscimento, da specificare con apposito Comunicato in Taverna Ducale, da parte del Duca in carica.
------------------------------------------------------------------------------

I, 1, 11 SULLA FEDELTA' E SULLA DIVULGAZIONE DI INFORMAZIONI

1. Ragioni e scopi
Da tempo è stato espresso da più parti il desiderio e la necessità di una legge che regoli l'esposizione pubblica di informazioni diffuse nelle sale private di amministrazione del Ducato.
In esse, infatti, molti temi spesso sensibili vengono trattati, ed è sentito il bisogno che il Ducato venga protetto da fuoriuscite inopportune di informazioni, che potrebbero arrivare a minacciare la sicurezza stessa del Ducato di Milano e delle sue città.
Questa legge si prefigge di regolamentare in modo chiaro e senza ambiguità i diritti e i doveri di coloro che possono accedere a tali sale.


2. Definizione: sale private di amministrazione ducale, o "sale amministrative"
Questa legge interessa le seguenti sale [forum]:
- Consiglio del Ducato di Milano
- Camera dei Sindaci del Ducato di Milano
- Camera Prefettizia del Ducato di Milano


3. Persone interessate dalla presente legge
Chiunque abbia accesso alle suddette sale.


4. Modalità
4.1 Coloro che hanno l'accesso alle suddette sale non possono pubblicare alcun intervento [post], né totale né parziale, presente nelle sale amministrative, in altri locali [forum] dei Regni Rinascimentali.
Questo vale anche per i propri interventi.
È altresì vietato riportare le discussioni presenti nelle sale amministrative, sia in forma letterale (citazione di interventi propri o altrui) che in forma parafrasata.
Tale divieto persiste anche dopo che la persona non avrà più accesso alla sala.
Questo vale in particolare in materia di sicurezza interna o di esercito, per i quali il divieto è assoluto.

4.2 È consentito esporre a grandi linee gli argomenti trattati nelle sale amministrative, ma solo in termini generici e in sale private [forum secondari privati, quali ad esempio casati o consigli comunali].

4.3 Se si vuole riportare all'esterno delle sale un proprio intervento, occorre una richiesta ufficiale da presentare al custode [moderatore] della sala in questione e l'autorizzazione scritta da parte del Duca.
4.3.1 Se si vuole riportare un intervento di terzi, occorre anche l'autorizzazione dell'autore dell'intervento.

4.4 - Eccezione: secondo la legge I,2,9 Sul Bilancio Comunale, un sindaco ha la facoltà di pubblicare il bilancio comunale in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo, senza che questo costituisca reato.


5. Giuramento e sue modalità
Per confermare in modo attivo il proprio assenso, una persona che acquisisce il diritto di accesso ad una delle suddette sale dovrà prestare un giuramento di fedeltà al Ducato e alle norme di riservatezza indicate nella presente legge.

Il giuramento dovrà essere anzitutto inviato via missiva privata al custode della sala interessata. Questo passo è necessario per ottenere l'accesso alla sala.
Una volta ottenuto l'accesso, la persona dovrà ripetere il giuramento di fronte agli altri utenti della sala. È presente un registro in ciascuna sala amministrativa, in cui va compiuto l'atto del giuramento. È compito del custode della sala controllare che il giuramento sia avvenuto.

Per quanto riguarda il Consiglio Ducale, il giuramento dovrà essere rinnovato da tutti i consiglieri ad ogni elezione, anche da coloro che già facevano parte del precedente Consiglio.

Il testo del giuramento per le diverse sale amministrative è esposto in calce alla presente legge. Una copia del giuramento è inoltre custodita in ciascuna sala amministrativa.


6. Violazioni della legge e punizioni
6.1 Colui che non giura entro tre giorni dal permesso di accesso alla sala rispettiva vedrà il suo diritto di accesso revocato con effetto immediato. Tale diritto verrà ripristinato solo dopo scuse pubbliche verso il Duca ed il Consiglio e giuramento reso in Taverna Ducale
6.1.1 se la persona pensa di avere degli impedimenti oggettivi che gli impediscano di rispettare la scadenza dei tre giorni (in particolar modo un periodo di ritiro spirituale), dovrà avvertire preventivamente il Duca comunicando la durata del periodo di assenza, in modo che gli venga dato l'accesso alla sala solo in seguito al suo ritorno. Altrimenti rientrerà nel caso 6.1.

6.2 Colui che, dopo aver giurato, andrà contro le normative di questa legge, sarà passibile di denuncia per tradimento.

6.3 Colui che si rifiuta di prestare giuramento sarà denunciato per non aver ottemperato ad una disposizione ducale (Disturbo dell'Ordine Pubblico).
Lasciar passare i tre giorni richiesti al punto 6.1 sarà considerato un rifiuto di giurare e cadrà sotto questo punto.

6.4 Nel caso un sindaco rientri in uno di questi casi, oltre a non ottenere o perdere l'accesso in Camera dei Sindaci, il Consiglio Ducale valuterà se procedere con ulteriori sanzioni riguardo agli aiuti ducali alla città, con termini che verranno analizzati caso per caso.

---------
TESTI DEI GIURAMENTI

Per il Duca
Io,....., eletto nel Consiglio del Ducato di Milano e poi nominato Duca, giuro di servire il mio Ducato al massimo delle mie facoltà in buona fede e giuro di mantenere il Segreto di Stato e Militare su tutto quanto appreso in Consiglio ed in ogni altra Sala riservata per tutto il tempo a venire, anche successivamente al termine del mio mandato.

Per Consiglieri eletti e Consiglieri esterni
Io,...... eletto nel Consiglio del Ducato di Milano ed assegnato al ruolo di ....., giuro di servire il Duca eletto .........., e il mio Ducato al massimo delle mie facoltà in buona fede e giuro di mantenere il Segreto di Stato e Militare su tutto quanto appreso in Consiglio ed in ogni altra sala riservata per tutto il tempo a venire, senza previa autorizzazione del Duca di Milano, anche successivamente al termine del mio mandato.

Per Sindaci
Io, .... eletto Sindaco di .... in data ...., mi impegno ad amministrare al meglio delle mie facoltà le risorse municipali per il bene della città, senza anteporre i miei bisogni a quelli dei cittadini. Giuro di adempiere ai miei compiti in buona fede e collaborando con il Ducato, essendo parte attiva di esso, per il bene comune. Giuro che mai divulgherò informazioni riservate qui apprese, senza previa autorizzazione del Duca di Milano, per tutto il tempo a venire, anche successivamente al termine del mio mandato.

Per Viceprefetti
Io, .... , nominato VicePrefetto di .... dal Prefetto.... , giuro di adempiere ai compiti a me assegnati al meglio delle mie capacità per servire la Prefettura del Ducato di Milano in buona fede. Giuro che mai divulgherò informazioni riservate qui apprese senza previa autorizzazione del Duca di
Milano, per tutto il tempo a venire, anche successivamente al termine del mio mandato.

Per eventuali altri ammessi
Io, ...., ottenuto il permesso di accedere a .... da .... per i seguenti motivi: ...., giuro che mai divulgherò informazioni riservate qui apprese, senza previa autorizzazione del Duca di Milano, per tutto il tempo a venire, anche successivamente al termine del mio permesso di accesso.

Citazione :
(Libro Secondo) DIRITTI DELLA PROPRIETÀ

(I,2,1) II, 2, 10 DEL MANCATO PAGAMENTO DEL PRESTITO

Costituisce un atto di mancato pagamento del prestito l’assenza di pagamento dello stesso all'intermediario addetto alla concessione dei prestiti e relativa esazione, nei termini pattuiti al momento della concessione dello stesso.
Al di là di questo termine un’ammenda giornaliera, pari al 10% della somma inizialmente dovuta, incrementerà l’imposta fiscale dell’imputato.
Dopo un termine di sette giorni l'intermediario può adire la Giustizia del Principato ed ottenere la condanna della persona morosa.
Il mancato pagamento del prestito è un reato serio ed l'ammenda del 200% della cifra ricevuta in prestito dovrà trovare applicazione, oltre agli interessi per il ritardo.
Organizzare la propria morosità è un reato grave.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3.

Capi d’imputazione: Morosità, Disturbo dell’ordine pubblico

----------------------------------------------------

(I,2,2) II,2,10 DELL' ABUSO DI FIDUCIA

Costituisce un atto di abuso di fiducia ogni manipolazione cosciente di un individuo atta ad ottenere una merce, un servizio commerciale o non commerciale, di un terzo attraverso un accordo privato basato su una relazione di fiducia.
L’abuso di fiducia si manifesta se l’accordo viene rotto unilateralmente dopo che una delle due parti abbia adempiuto alla sua parte o se l’accordo approfitta espressamente delle incomprensioni di una delle due parti.
L’atto di abuso di fiducia è un reato leggero.

Capi d’imputazione: Abuso di fiducia, Disturbo dell’ordine pubblico

--------------------------------------------------

(I,2,3) II,2,4 DELL' USO DI FALSI DOCUMENTI E DELL' INGANNO

Costituisce un atto di inganno riprovevole ogni tentativo di farsi passare per un terzo utilizzando il suo nome [utilizzo dell’account sui Regni o sul Forum] al fine di ottenere delle informazioni private o di agire pubblicamente al suo posto.
Viene considerata come falsario ogni persona atta a farsi passare per un terzo mediante contraffazione della sua firma [imitazione dello pseudonimo] al fine di ottenere informazioni private o di agire pubblicamente al suo posto.
Tali reati sono reati seri.
Se l’identità imitata o sfruttata è quella di un nobile o di un ufficiale civile o militare del Ducato, l’atto viene riqualificato come reato grave. Le pene associate a queste categorie sono descritte dall’Art. II.1.3.

Capi d’imputazione: Disturbo dell’ordine pubblico, Falsificazione

--------------------------------------------------------------

(I,2,4) II,4,11 DELLA APPROPRIAZIONE INDEBITA

Costrituisce appropriazione indebita ogni azione atta al minamento dell'andata a buon fine dei mandati comunali / ducali per la produzione e / o consegna di manufatti / beni all'Ente.
Il cittadino che si dovesse render protagonista di tale atto, ha tempo un giorno dall'accertamento della notifica del reato per provvedere a restituire al diretto interessato o tramite un autorità compentente (Sindaco, Prefetto, Vice-Prefetto) il manufatto / bene preso senza autorizzazione.

Capo D'Accusa: Appropriazione Indebita; Frode;
Aggravanti: Diffamazione; Disturbo dell'ordine pubblico; in caso di insulti e/o in base al livello.
Pene: pari al doppio del valore del manufatto / bene.

Pene Accessorie: I crimini gravi sono passibili delle pene di livello II (v. Art. II.1.4)

------------------------------------------------

(I,2,7) II,4,9 DELLO SFRUTTAMENTO DEI BENI PUBBLICI

Costituisce un atto di sfruttamento dei beni pubblici ogni uso delle proprie funzioni ufficiali al fine di arricchire la propria persona e/o i propri accoliti.
Costituisce un atto di danno alle finanze pubbliche ogni comportamento speculativo destinato ad arricchirsi volontariamente a discapito delle finanze pubbliche.
Lo sfruttamento dei beni pubblici è un reato grave.
Il danno alle finanze pubbliche è un reato serio.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3.

Capi d’imputazione: Sfruttamento dei beni pubblici, Tradimento

-------------------------------------

I,2,8 MANIPOLAZIONE DELL' ECONOMIA

Chiunque dovesse manipolare l’economia(o tentasse di farlo) di qualunque città del Ducato di Milano, inclusa l’economia del Ducato stesso, sarà condannato al pagamento di un’ammenda pari al valore del danno causato aumentato del 10%.

Con il termine “Manipolazione Economica” si intendono tutte quelle azioni che portano o mirano a:

• Speculare facendo incetta di beni per crearne carenza e farne aumentare il prezzo
• Speculare comprando tutta una tipologia di un bene sul mercato per poi rimetterlo sul mercato della stessa città al prezzo più alto

Il sindaco nella sua funzione di controllo della amministrazione della città può agire liberamente, indipendentemente da questa legge sul mercato.
Chiunque può comprare quello che vuole salvo norme contrarie.
Inoltre il sindaco per regolare il mercato cittadino può emettere le seguenti ordinanze:

Emettere norme parzialmente restrittive alla piena libertà di acquistare qualunque tipo di merce.

-Calmierare i prezzi
-Limitare l’acquisto di un bene agli stranieri, o ai non cittadini
-Limitare le quantità di acquisto dei beni per i cittadini, può anche decidere di organizzare la diffusione di un determinato bene solo tramite il municipio
-Stabilire un salario minimo
-Limitare l'accesso alla risorsa cittadina

Le ordinanze municipali entreranno in vigore solo dopo che saranno passate 24 ore dalla loro pubblicazione, che dovrà avvenire sia nel Municipio della città che nella camera dei sindaci
Tutte le ordinanze emesse da un sindaco cessano di validità al termine del suo mandato.
Il sindaco sarà responsabile delle ordinanze da lui emesse, e dovrà quindi interessarsi coi mezzi del municipio del controllo e rilevamento del reato e della relativa apertura del processo.
Il consiglio ducale va solo informato, ma lo stesso consiglio può dichiararne nulla qualunque ordinanza, in questo caso tutti coloro che l'avranno trasgredita non saranno punibili.

28 settembre
Polimnia di Borbone.

-----------------------------------------

I,2,9 SUL BILANCIO COMUNALE

Norma che regola la pubblicazione del bilancio e la comunicazione dei dati di bilancio al ducato.

E' facoltà di ogni sindaco di pubblicare liberamente il bilancio comunale in qualsiasi momento e con qualsiasi mezzo senza che questa azione costituisca reato.
E’ obbligatorio, per ogni sindaco mandare il Bilancio,al ducato qualora il principe lo richieda,
Detto bilancio dovrà essere inviato, al Ministro del Commercio, entro i termini di tempo decisi dal principe e dovrà essere composto da Inventario, cassa, merci presenti in taverna, merci in vendita, mandati aperti ed eventuale situazione asce.

Il rifiuto a inviare il Bilancio al ducato è considerato tradimento.

Milano 21 Ottobre 1456
Polimnia di Borbone

---------------------------------------------------------

I,2,10 - DEI MANDATI

1) I mandati sono contratti vincolanti, in quanto tali devono sempre avere la data di apertura e devono essere chiusi in un tempo massimo di 1 mese, prima se il mandato specifica una durata più breve, per estendere la loro chiusura oltre il mese ci deve essere l'approvazione del Duca.
L’uso degli stessi equivale all’accettazione dei termini scritti nel mandato, un mandato si può non accettare chiudendolo immediatamente senza utilizzarlo e facendo lo screen dei propri avvenimenti che indichi il non utilizzo del mandato stesso.
2) Utilizzare un mandato fuori dai termini che riporta è considerato un reato.
3) Fanno eccezione, in relazione ai termini di chiusura qui sopra indicati i cd. "mandati militari", cioè i mandati che il Ducato effettua a favore di Comandanti Militari.

Capo d’imputazione: Frode

Codice Aggiornato alla data del 24 novembre 1457
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Ser.Bartolomeo

avatar

Maschio
Numero di messaggi : 55
Data d'iscrizione : 20.01.10

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Dom 14 Feb - 3:55:51

Codice Penale

Citazione :
II) CODICE PENALE 01-01-1457

(Libro primo) DELLE PENE


(II,1,1) II,1,1 Della condanna di crimini e reati
Ogni atto delittuoso o criminale riconosciuto dal giudice è sanzionabile con una pena.
Tale pena è proporzionale all’atto che l’ha occasionata

II,1,2 Delle pene e dei reati
Con questa legge si intende definire le pene e reati sulla base del danno fatto. Dando quindi ai colpevoli pene consone e in linea con la carta del giudice dell'imperatore Longjhonsilver


Con la presente legge Vengono definiti e classificati i reati nel seguente modo

I REATI

A) Reato con fini di arricchimento Pecuniario
In questi reati si ha un "furto" economico evidente (rientrano in questa categoria anche tutte le ordinanze emesse dai sindaci, in quanto fatte per salvaguardare il mercato e impedire frodi di tipo economico)

B) Reato verso la Persona
Sono offese alla persona, e non c'è un "furto" economico.

C) Reato verso lo Stato
Sono reati verso lo stato , l'ammenda è valutabile sulla base di un danno solo nel caso della ribellione o tradimenti a fine di lucro accertati, negli altri casi non c'è un "furto" economico economico

D) Reati speciali
Sono le leggi che non rientrano negli altri casi e la pena è specificata nella legge stessa.

E) Reati da santa inquisizione
Sono i reati che coinvolgono la santa inquisizione e c'è solo un unica pena possibile fatta dall'imperatore ed è l'eradicazione

Le leggi sono classificate in un apposito decreto, che verrà sempre aggiornato.
"DECRETO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLE LEGGI SULLA BASE DEL REATO E DEL GRADO DI EFFERATEZZA"

--------------------------------------------------

LE PENE E IL GRADO DI EFFERATEZZA


Sulla base della classificazione dei reati, e del loro grado di efferatezza vengono definite le pene per i reti di tipo A,B,C con delle tabelle, in cui vengono descritte le pene.
In dette tabelle le pene andranno dal grado di efferatezza minore al massimo

Ogni legge farà riferimento ad uno specifico reato, e ad un grado di efferatezza, farà riferimento l'apposito decreto che classificherà le leggi sulla base di reato e grado di efferatezza.
"DECRETO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLE LEGGI SULLA BASE DEL REATO E DEL GRADO DI EFFERATEZZA"


GRADO DI EFFERATEZZA
Il grado di efferatezza è modificabile dalle seguenti leggi e situazioni

II,1,2,1 Del Patteggiamento (nessuna pena o forte decremento del grado di efferatezza)
II,1,5 Della recidività (incremento + 1 del grado di efferatezza del reato sulla tabella a ogni atto recidivo)
II,1,6 Dell'ammissione della colpa (attenuante da verificare in base al reato , può calare di un livello il grado di efferatezza del reato sulla tabella o calare la multa sull'ammenda)
II,1,7 Della complicità (una pena leggermente inferiore a chi ha commesso l'atto, può calare di un livello il grado di efferatezza del reato sulla tabella o calare la multa sull'ammenda)
Aggravanti e Attenuanti generiche non è una legge specifica ma una valutazione del giudice in base all'entità del reato , può calare o aumentare di un livello il grado di efferatezza del reato sulla tabella o calare la multa sull'ammenda)
Livelli 0 I livelli 0 hanno un "-1" al grado di efferatezza per i reati di tipo A, sulla base della loro inesperienza

Carta del giudice dell'imperatore Tutte le pene devono rispettare la carta del giudice del' imperatore e quindi indipendentemente dal grado di efferatezza del reato i giorni di prigione applicabili (considerando anche se sta scontando giorni di prigione per verdetti precedenti) a un imputato sono i seguenti
- livello dell'imputato 0/1: 3 giorni al max
- livello dell'imputato 2: 6 giorni al max
- livello dell'imputato 3 e +: 10 giorni al max
----------------------------------------------------

TABELLE DELLE PENE PER I REATI DI TIPO A, B, C


Tabella Pene per i reati di tipo A

0 ) Multa pari al danno

1 ) Multa = danno+ ammenda
-danno - 0-25 ducati Multa = danno+ 1/5 ducati
-danno - 26-50 ducati Multa = danno+ 5/10 ducati
-danno - 50- 100 ducati Multa= danno+ 19/30 ducati
-danno - 100-500 ducati Multa= danno+ 30/50 ducati
-danno da 500 ducati in su Multa = danno+ 50/100 ducati

2 ) Multa pari al danno + 3 giorni di prigione
3 ) Multa (come voce1) + 1 gg di prigione
4 ) Multa (come voce1)+2 gg di prigione
5 ) multa (come voce1)+ 3 gg di prigione
6 ) multa (come voce1)+ 20 ducati +3gg di prigione
7 ) Multa (come voce1)+ 50 Ducati + 3 gg di prigione
8 ) Multa (come voce1)+ 50 ducati+4 gg di prigione (valida solo per i livelli 2 in su)
9 ) Multa(come voce1) + 50 ducati +5 giorni di prigione(valida solo per i livelli 2 in su)
---------------------------------------
Tabella Pene per i reati di tipo B
1) Scuse pubbliche
2) Gogna Pubblica (viene pubblicato l'atto del criminale "sul forum" e viene lasciato libero il popolo di insultarlo per quanto ha fatto)
3) 1 gg Prigione
4) 2 gg Prigione
5) 3 gg Prigione
6) Eradicazione (in caso di insulti gravi)
---------------------------------------
Tabella Pene per i reati di tipo C

1) Gogna Pubblica (viene pubblicato l'atto del criminale "sul forum" e viene lasciato libero il popolo di insultarlo per quanto ha fatto)
2) 1 gg Prigione + eventuale ammenda pari al danno+80 ducati
3) 2 gg Prigione + eventuale ammenda pari al danno+80 ducati
4) 3 gg Prigione + eventuale ammenda pari al danno+80 ducati
5) 4 gg Prigione + eventuale ammenda pari al danno+80 ducati (valida solo per i livelli 2 in su)
6) 5 gg Prigione + eventuale ammenda pari al danno+80 ducati (valida solo per i livelli 2 in su)

Milano
17 novembre 1456
Polimnia di Borbone

II,1,3 Dei reati

I reati sono divisi in tre categorie: reati leggeri, reati seri, reati speciali.

I. I reati leggeri sono passibili delle pene dal livello I al livello III.(v. Art. II.1.2)
II. I reati seri sono passibili delle pene dal livello IV al livello V.(v. Art. II.1.2)
III. I reati speciali sono passibili delle pene di livello VI al livello VII.(v. Art. II.1.2)

Rettifica
8 Settembre 1456
Polimnia di Borbone.


II,1,5 Della recidiva
Ogni recidiva, a seconda della gravità e della categoria della pena per i reati od i crimini che l'imputato ha commesso, accrescerà detto reato o crimine di una categoria.

II,1,6 Dell'ammissione della colpa
L’ammissione e la confessione dei reati e dei crimini da parte dell’imputato si traducono in un alleggerimento delle pene applicate.

II,1,7 Della complicità
La partecipazione attiva o passiva, diretta o indiretta, di una persona ad un crimine o un reato espone tale persona alla persecuzione per complicità in tale crimine o reato.
Non essere l’istigatore o il realizzatore di un crimine o di un reato comporta un alleggerimento delle pene applicate.


(II,1,9)Del Patteggiamento
Costituisce patteggiamento, la possibilità da parte di un imputato di risolvere la sua controversia con la giustizia tramite la restituzione dell'importo o del bene di cui si è appropriato indebitamente al legittimo proprietario, a favore di una forte riduzione della pena.
Il patteggiamento viene concesso sulla base di una valutazione di pentimento del reo e della sua volontà di riparare al danno arrecato e se il danneggiato è d'accordo.
La comunicazione della richiesta dovrà essere fatta dal danneggiato o da un suo rappresentante, se l'imputato accetta deve effettuare il rimborso (la cui entità è lasciata alla libera contrattazione fra le parti) entro massimo 3 giorni dalla comunicazione, in questo periodo la denuncia è considerata sospesa.
Appena l'imputato effettuerà il rimborso il contenzioso sarà considerato chiuso non ci sarà nessuna denuncia e nessun processo.
In caso contrario, appena il processo viene aperto, nessuna contrattazione è possibile se non autorizzata direttamente dal giudice.
Spetta al danneggiato o ad una persona di sua fiducia da lui nominata effettuare l'operazione del rimborso con l'accusato.

---------------------------------------------------------------------------------------------

(Libro Secondo) I reati

(II, 2, 1) Del disturbo dell'ordine pubblico
Costituisce un atto di disturbo dell'ordine pubblico ogni perturbazione all'ordine costituito, alla sicurezza, alla salute ed alla tranquillità pubblica.
Ogni violazione di un'ordinanza municipale o ducale può determinare un'incriminazione per disturbo dell'ordine pubblico.
Il disturbo dell'ordine pubblico è un delitto leggero o serio. Le pene associate a questa categoria sono descritte nell'articolo II,1,3.


Capo d'imputazione: Disturbo dell'ordine pubblico.

(II, 2, 2) II,2,8 Del furto e del brigantaggio
Costituisce un atto di furto ogni azione atta a sottrarre con la frode i beni altrui.
Costituisce un atto di furto aggravato ogni azione di furto condotta mediante l’uso della violenza.
Costituisce un atto di brigantaggio ogni azione di furto aggravato atta a compromettere la libera circolazione degli uomini e dei beni sul territorio del Principato.
Il furto è un reato serio.
Il furto aggravato è un reato serio.
Il brigantaggio è un crimine.
Il brigantaggio in bande organizzate è un crimine grave.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3 e Art. II.1.4.

Capi d’imputazione: Disturbo dell’ordine pubblico, Furto e brigantaggio
(è applicabile alle taverne ma non è specificato…)

(II, 2, 3) II,3,1 Della frode
Costituisce un atto di frode la vendita di una merce spacciandola per quella che non è o la pratica di prezzi destinati specificatamente ad abusare della fiducia di un acquirente inesperto.
Tale atto è un reato leggero.
La pratica di tale atto in seno ad una banda organizzata è un reato serio.
Le pene previste sono descritte dall’Art. II.1.3.

Capi d’imputazione: Frode, Disturbo dell’ordine pubblico

(II, 2, 4) II,4,2 Della ribellione e del suo incitamento
Costituisce un atto di incitazione alla ribellione ogni appello pubblico o privato atto ad organizzare un movimento destinato a rovesciare con la forza il potere comunale o del Principato.
Costituisce un atto di ribellione ogni utilizzo illegittimo della forza per rovesciare il potere comunale o del Pricipato.
Il carattere illegittimo della rivolta viene valutato dal Giudice, dato che un insorto non può essere perseguito per tale crimine finché ricopre una funzione pubblica.
L’incitamento alla ribellione contro un sindaco è un reato serio, l’incitazione alla rivolta contro il Principato è un reato grave.
La ribellione contro un sindaco è un crimine semplice.
La rivolta contro un Principato è un crimine grave.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3 e Art. II.1.4.

Capo d’imputazione: Disturbo dell’ordine pubblico

(II, 2, 5) II,4,3 Del tradimento e dell'Alto Tradimento
Costituisce un atto di tradimento ogni attentato da parte di un abitante del Ducato di Milano contro le istituzioni dello stesso, o ogni divulgazione di informazioni politiche, militari o economiche aventi come scopo l’indebolimento del Ducato di Milano e delle sue componenti locali, in particolare attraverso la perdita di territori, di popolazione, di stabilità sociale, di sovranità politica o di autonomia economica.
A causa del loro rango, i 12 membri del Consiglio del Principato si espongono a persecuzioni per Alto Tradimento.
Il tradimento è un crimine serio.
L’Alto Tradimento è un crimine infame. Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3.

Capo d’imputazione: Tradimento, Alto Tradimento

II, 2, 5 Del rifiuto di collaborare con la giustizia
Costituisce un atto di insubordinazione il rifiuto di collaborare e seguire le indicazioni degli organi della giustizia (Prefettura e Giudice )

-Costituisce un atto di mancata testimonianza la mancata presentazione ad un processo dopo la convocazione da parte del Pubblico Ministero o del Giudice.

-Costituisce un atto di rifiuto di testimonianza il rifiutarsi di rispondere alle domande del Pubblico Ministero.

-Costituisce reato se l'imputato non rispetta il volere espresso dal giudice nel suo verdetto.

L’insubordinazione e la mancata testimonianza sono reati leggeri.
Il rifiuto di testimonianza o non rispettare il verdetto del giudice sono reati seri.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3.

Capo d’imputazione: Intralcio alla giustizia, Disturbo dell’ordine pubblico

Rettìfica
Milano 20 Settembre
Polimnia di Borbone

(II, 2, 6) II,4,5 Della falsificazione di informazioni giudiziarie
Costituisce un atto di falsificazione di indizi la realizzazione o la modifica di indizi materiali, destinati ad essere usati in un processo, al fine di influenzare il risultato.
Costituisce un atto di falsa testimonianza la tenuta di discorsi volontariamente erronei o l’omissione volontaria di informazioni nel corso di un processo nel momento della comparizione in vesti di testimone.
La falsificazione di prove e la falsa testimonianza sono reati gravi.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3.
Se tali atti sono commessi al fine di favorire l’accusato al momento del processo, il loro autore si espone ad essere sottoposto alle stesse pene dell’imputato di tale processo.

Capi d’imputazione: Intralcio alla giustizia, Disturbo dell’ordine pubblico


Citazione :
(Libro Secondo) I reati

(II, 2, 1) Del disturbo dell'ordine pubblico
Costituisce un atto di disturbo dell'ordine pubblico ogni perturbazione all'ordine costituito, alla sicurezza, alla salute ed alla tranquillità pubblica.
Ogni violazione di un'ordinanza municipale o ducale può determinare un'incriminazione per disturbo dell'ordine pubblico.
Il disturbo dell'ordine pubblico è un delitto leggero o serio. Le pene associate a questa categoria sono descritte nell'articolo II,1,3.


Capo d'imputazione: Disturbo dell'ordine pubblico.

(II, 2, 2) II,2,8 Del furto e del brigantaggio
Costituisce un atto di furto ogni azione atta a sottrarre con la frode i beni altrui.
Costituisce un atto di furto aggravato ogni azione di furto condotta mediante l’uso della violenza.
Costituisce un atto di brigantaggio ogni azione di furto aggravato atta a compromettere la libera circolazione degli uomini e dei beni sul territorio del Principato.
Il furto è un reato serio.
Il furto aggravato è un reato serio.
Il brigantaggio è un crimine.
Il brigantaggio in bande organizzate è un crimine grave.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3 e Art. II.1.4.

Capi d’imputazione: Disturbo dell’ordine pubblico, Furto e brigantaggio
(è applicabile alle taverne ma non è specificato…)

(II, 2, 3) II,3,1 Della frode
Costituisce un atto di frode la vendita di una merce spacciandola per quella che non è o la pratica di prezzi destinati specificatamente ad abusare della fiducia di un acquirente inesperto.
Tale atto è un reato leggero.
La pratica di tale atto in seno ad una banda organizzata è un reato serio.
Le pene previste sono descritte dall’Art. II.1.3.

Capi d’imputazione: Frode, Disturbo dell’ordine pubblico

(II, 2, 4) II,4,2 Della ribellione e del suo incitamento
Costituisce un atto di incitazione alla ribellione ogni appello pubblico o privato atto ad organizzare un movimento destinato a rovesciare con la forza il potere comunale o del Principato.
Costituisce un atto di ribellione ogni utilizzo illegittimo della forza per rovesciare il potere comunale o del Pricipato.
Il carattere illegittimo della rivolta viene valutato dal Giudice, dato che un insorto non può essere perseguito per tale crimine finché ricopre una funzione pubblica.
L’incitamento alla ribellione contro un sindaco è un reato serio, l’incitazione alla rivolta contro il Principato è un reato grave.
La ribellione contro un sindaco è un crimine semplice.
La rivolta contro un Principato è un crimine grave.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3 e Art. II.1.4.

Capo d’imputazione: Disturbo dell’ordine pubblico

(II, 2, 5) II,4,3 Del tradimento e dell'Alto Tradimento
Costituisce un atto di tradimento ogni attentato da parte di un abitante del Ducato di Milano contro le istituzioni dello stesso, o ogni divulgazione di informazioni politiche, militari o economiche aventi come scopo l’indebolimento del Ducato di Milano e delle sue componenti locali, in particolare attraverso la perdita di territori, di popolazione, di stabilità sociale, di sovranità politica o di autonomia economica.
A causa del loro rango, i 12 membri del Consiglio del Principato si espongono a persecuzioni per Alto Tradimento.
Il tradimento è un crimine serio.
L’Alto Tradimento è un crimine infame. Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3.

Capo d’imputazione: Tradimento, Alto Tradimento

(II, 2, 5) II,4,4 Del rifiuto di collaborare con la giustizia
Costituisce un atto di insubordinazione il rifiuto di sottoporsi alle operazioni di verifica della Prefettura.
Costituisce un atto di mancata testimonianza la mancata presentazione ad un processo dopo la convocazione da parte del Pubblico Ministero o del Giudice.
Costituisce un atto di rifiuto di testimonianza il rifiutarsi di rispondere alle domande del Pubblico Ministero o del Giudice.
L’insubordinazione e la mancata testimonianza sono reati leggeri.
Il rifiuto di testimonianza è un reato serio.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3.

Capo d’imputazione: Intralcio alla giustizia, Disturbo dell’ordine pubblico

(II, 2, 6) II,4,5 Della falsificazione di informazioni giudiziarie
Costituisce un atto di falsificazione di indizi la realizzazione o la modifica di indizi materiali, destinati ad essere usati in un processo, al fine di influenzare il risultato.
Costituisce un atto di falsa testimonianza la tenuta di discorsi volontariamente erronei o l’omissione volontaria di informazioni nel corso di un processo nel momento della comparizione in vesti di testimone.
La falsificazione di prove e la falsa testimonianza sono reati gravi.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3.
Se tali atti sono commessi al fine di favorire l’accusato al momento del processo, il loro autore si espone ad essere sottoposto alle stesse pene dell’imputato di tale processo.

Capi d’imputazione: Intralcio alla giustizia, Disturbo dell’ordine pubblico

Citazione :
II) CODICE PENALE

(Libro primo) DELLE PENE


II,1,4 Di Illeciti, Reati e Pene

Ad ogni fattispecie di illecito o reato consegue una pena specifica, irrogata da un minimo ad un massimo secondo valutazione propria del Giudice.
In tale valutazione, oltre il suo libero convincimento, troveranno spazio eventuali circostanze aggravanti o attenuanti (come recidiva, complicità, ammissione di colpa, riabilitazione, patteggiamento), di cui agli specifici articoli presenti in questo Codice.
E' fatta salva comunque la possibilità per il Giudice di prevedere come pena accessoria, alle pene sotto indicate, una o più azioni Gdr

Nell’irrogazione della pena vengono seguiti i parametri dettati dalla superiore Carta del Giudice.

Tale Carta stabilisce che solo in presenza di illeciti o reati definiti come Delitti Speciali è possibile superare il limite di 3 gg di prigione.

Sono definiti come Delitti Speciali:
l’Appropriazione indebita (se vi è depredazione delle finanze pubbliche ), lo Sfruttamento dei beni pubblici, la Manipolazione dell’Economia, il Furto e il Brigantaggio, la Ribellione (se vi è depredazione delle finanze pubbliche), il Tradimento e l’Alto Tradimento (se vi è depredazione delle finanze pubbliche).

La Carta del Giudice, al tempo stesso, stabilisce anche che tutti i reati possono essere considerati speciali se vi è recidività manifesta o se vi è crimine di sangue.

Tabella di corrispondenza tra illecito o reato e pena relativa:

1) INSULTO
livello 0/1, pena minima: ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 1 gg di prigione ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 2 pena minima: ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 1 gg di prigione ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato),

livello 3 / 4 pena minima: ammenda non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 2 gg di prigione ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato),


2) DIFFAMAZIONE
livello 0/ 1, pena minima: ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 2 gg di prigione ammenda (non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 2 pena minima: 1 gg di prigione , pena massima 3 gg di prigione ammenda (non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 3 / 4 pena minima: 1 gg di prigione ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda (non eccedente la cassa dell'imputato)


3) ABUSO DI TITOLO O CARICHE
livello 0/1, pena minima: ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 1 gg di prigione ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 2 pena minima: 1 gg di prigione, pena massima 2 gg di prigione ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato),

livello 3 / 4 pena minima: 1 gg di prigione ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato)


4) ABUSO DI FIDUCIA
livello 0/1, pena minima: ammenda (danno eventuale multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 2 gg di prigione ammenda (danno eventuale multa, non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 2 pena minima: 1 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 2 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato),

livello 3 / 4 pena minima: 1 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato),


5) FALSI DOCUMENTI ED INGANNO
livello 0/1, pena minima: ammenda (danno eventuale multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 2 gg di prigione ammenda (danno eventuale multa, non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 2 pena minima: 1 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato),

livello 3 / 4 pena minima: 2 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato),


6) APPROPRIAZIONE INDEBITA (delitto speciale se vi è depredazione delle finanze pubbliche)
Livello 0 pena minima: ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 1 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato)
livello 1, pena minima: 1 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 2 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 2 pena minima: 1 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 3 / 4 pena minima: 2 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato) – sino a 5 gg di prigione se vi è depredazione delle finanze pubbliche.


7) SFRUTTAMENTO DEI BENI PUBBLICI (delitto speciale)
livello 1, pena minima: ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 2 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 2 pena minima: 1 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 3/4 pena minima: 2 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 4 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato)


8 ) MANIPOLAZIONE DELL’ECONOMIA (delitto speciale)
livello 0/1, pena minima: ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 2 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 2 pena minima: 1 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 3/4 pena minima: 2 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 4 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato)


9) DISTURBO DELL’ORDINE PUBBLICO
livello 0/1, pena minima: ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 1 gg di prigione ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 2 pena minima: ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 1 gg di prigione ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato),

livello 3 / 4 pena minima: 1 gg di prigione , pena massima 2 gg di prigione ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato


10) FURTO E BRIGANTAGGIO (delitto speciale)

livello 0/1, pena minima: 1 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda

livello 2 pena minima: 2 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 6 gg di prigione ammenda

livello 3/4 pena minima: 2 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 8 gg di prigione ammenda


11) FRODE
livello 0/1, pena minima: ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 2 pena minima: 1 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 3 / 4 pena minima: 2 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda ((danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato)


12) INCITAMENTO ALLA RIBELLIONE
Livello 0, pena minima : ammenda (non eccedente la cassa dell'imputato ), pena massima 1 gg di prigione ammenda (non eccedente la cassa dell'imputato)
livello 1, pena minima: ammenda (non eccedente la cassa dell'imputato ), pena massima 2 gg di prigione ammenda (non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 2 pena minima: 1 gg di prigione , pena massima 3 gg di prigione ammenda ((non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 3 /4 pena minima: 2 gg di prigione ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda


13) RIBELLIONE (delitto speciale se vi è depredazione delle finanze pubbliche)
Livello 0/ 1, pena minima: 1 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 2 pena minima: 2 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 3/4 pena minima: 3 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato) – sino a 8 gg in caso di depredazione delle finanze pubbliche)


14) SCHIAVISMO,
Livello 1, pena minima: ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 2 gg di prigione ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato),

livello 2 pena minima: ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 2 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 3 / 4 pena minima: ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato)


15) TRADIMENTO, (delitto speciale se vi è depredazione delle finanze pubbliche)
livello 0/1, pena minima: 1 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato),

livello 2 pena minima: 2 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato) – sino a 6 gg di prigione se vi è depredazione delle finanze pubbliche)

livello 3 / 4 pena minima: 2 gg di prigione ammenda (danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda ( eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato)- sino a 8 gg di prigione se vi è depredazione delle finanze pubbliche


16) ALTO TRADIMENTO, (delitto speciale se vi è depredazione delle finanze pubbliche)
livello 1, pena minima: 2 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato)

livello 2 pena minima: 2 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato),- sino a 8 gg di prigione se vi è depredazione delle finanze pubbliche)

livello 3 / 4 pena minima: 2 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 3 gg di prigione ammenda (eventuale danno multa, non eccedente la cassa dell'imputato, - sino a 10 gg di prigione se vi è depredazione delle finanze pubbliche
Nei casi eccezionali previsti dalla Carta del Giudice la pena massima in questo caso può arrivare anche alla Pena di Morte.


17) RIFIUTO A COLLABORARE CON LA GIUSTIZIA
livello 0/1, pena minima: ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 1 gg di prigione ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato),

livello 2 pena minima: ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 1 gg di prigione ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato),

livello 3 / 4 pena minima: ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 2 gg di prigione ammenda( non eccedente la cassa dell'imputato),


18) FALSIFICAZIONE INFORMAZIONI GIUDIZIARIE
livello 0/1, pena minima: ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato), pena massima 2 gg di prigione ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato),

livello 2 pena minima: 1 gg di prigione, pena massima 2 gg di prigione ammenda ( non eccedente la cassa dell'imputato),

livello 3 / 4 pena minima: 2 gg di prigione , pena massima 3 gg di prigione ammenda( non eccedente la cassa dell'imputato),


----------------------------------------------------------

II,1,5 DELLA RECIDIVA

Ogni recidiva, a seconda della gravità e della categoria della pena per i reati od i crimini che l'imputato ha commesso, accrescerà detto reato o crimine di una categoria.

----------------------------------------

II,1,6 DELL' AMMISSIONE DELLA COLPA

L’ammissione e la confessione dei reati e dei crimini da parte dell’imputato si traducono in un alleggerimento delle pene applicate.

-----------------------------------------------

II,1,7 DELLA COMPLICITA'

La partecipazione attiva o passiva, diretta o indiretta, di una persona ad un crimine o un reato espone tale persona alla persecuzione per complicità in tale crimine o reato.
Non essere l’istigatore o il realizzatore di un crimine o di un reato comporta un alleggerimento delle pene applicate.

------------------------------------------

(II,1,2,1) DEL PATTEGGIAMENTO

Costituisce patteggiamento, la possibilità da parte di un imputato di risolvere la sua controversia con la giustizia tramite la restituzione dell'importo o del bene di cui si è appropriato indebitamente al legittimo proprietario, a favore di una forte riduzione della pena.
Il patteggiamento viene concesso sulla base di una valutazione di pentimento del reo e della sua volontà di riparare al danno arrecato e se il danneggiato è d'accordo.
La comunicazione della richiesta dovrà essere fatta dal danneggiato o da un suo rappresentante, se l'imputato accetta deve effettuare il rimborso (la cui entità è lasciata alla libera contrattazione fra le parti) entro massimo 3 giorni dalla comunicazione, in questo periodo la denuncia è considerata sospesa.
Appena l'imputato effettuerà il rimborso il contenzioso sarà considerato chiuso non ci sarà nessuna denuncia e nessun processo.
In caso contrario, appena il processo viene aperto, nessuna contrattazione è possibile se non autorizzata direttamente dal giudice.
Spetta al danneggiato o ad una persona di sua fiducia da lui nominata effettuare l'operazione del rimborso con l'accusato.

--------------------------------------------

II,1,9 SULLA RECIDIVA DOCUMENTATA E SULLA RIABILITAZIONE

1) Al fine di monitorare e sanzionare in modo adeguato i cittadini che compiono più di un reato, viene creato un Registro dei Processi terminati con una condanna.
2) Tale Registro viene consevato presso gli Uffici della Prefettura (Camera Prefettizia)
3) Le annotazioni su tale Registro verranno aggiornate dal Giudice in carica.
4) Trascorsi 6 mesi da una Sentenza di condanna, senza che in tale lasso di tempo si sia commeso un ulteriore Reato con condanna, il Prefetto in collaborazione col Giudice, provvede alla cancellazione del nominativo del cittadino dal Registro.
5) a Riabilitazione avvenuta il cittadino a tutti gli effetti civili e penali è mondato da qualsiasi responsabilità precedente.

Citazione :
(Libro Secondo) I reati

(II, 2, 1) DEL DISTURBO DELL' ORDINE PUBBLICO

Costituisce un atto di disturbo dell'ordine pubblico ogni perturbazione all'ordine costituito, alla sicurezza, alla salute ed alla tranquillità pubblica.
Ogni violazione di un'ordinanza municipale o ducale può determinare un'incriminazione per disturbo dell'ordine pubblico.
Il disturbo dell'ordine pubblico è un delitto leggero o serio. Le pene associate a questa categoria sono descritte nell'articolo II,1,3.

Capo d'imputazione: Disturbo dell'ordine pubblico.


(II, 2, 2) II,2,8 DEL FURTO E DEL BRIGANTAGGIO

Costituisce un atto di furto ogni azione atta a sottrarre con la frode i beni altrui.
Costituisce un atto di furto aggravato ogni azione di furto condotta mediante l’uso della violenza.
Costituisce un atto di brigantaggio ogni azione di furto aggravato atta a compromettere la libera circolazione degli uomini e dei beni sul territorio del Principato.
Il furto è un reato serio.
Il furto aggravato è un reato serio.
Il brigantaggio è un crimine.
Il brigantaggio in bande organizzate è un crimine grave.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3 e Art. II.1.4.

Capi d’imputazione: Disturbo dell’ordine pubblico, Furto e brigantaggio
(è applicabile alle taverne ma non è specificato…)


(II, 2, 3) II,3,1 DELLA FRODE

Costituisce un atto di frode la vendita di una merce spacciandola per quella che non è o la pratica di prezzi destinati specificatamente ad abusare della fiducia di un acquirente inesperto.
Tale atto è un reato leggero.
La pratica di tale atto in seno ad una banda organizzata è un reato serio.
Le pene previste sono descritte dall’Art. II.1.3.

Capi d’imputazione: Frode, Disturbo dell’ordine pubblico

--------------------------------------------

(II, 2, 4) II,4,2 DELLA RIBELLIONE E DEL SUO INCITAMENTO

Costituisce un atto di incitazione alla ribellione ogni appello pubblico o privato atto ad organizzare un movimento destinato a rovesciare con la forza il potere comunale o del Principato.
Costituisce un atto di ribellione ogni utilizzo illegittimo della forza per rovesciare il potere comunale o del Pricipato.
Il carattere illegittimo della rivolta viene valutato dal Giudice, dato che un insorto non può essere perseguito per tale crimine finché ricopre una funzione pubblica.
L’incitamento alla ribellione contro un sindaco è un reato serio, l’incitazione alla rivolta contro il Principato è un reato grave.
La ribellione contro un sindaco è un crimine semplice.
La rivolta contro un Principato è un crimine grave.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3 e Art. II.1.4.

Capo d’imputazione: Disturbo dell’ordine pubblico

----------------------------------------------------

(II, 2, 5) II,4,3 DEL TRADIMENTO E DELL' ALTO TRADIMENTO

Costituisce un atto di tradimento ogni attentato da parte di un abitante del Ducato di Milano contro le istituzioni dello stesso, o ogni divulgazione di informazioni politiche, militari o economiche aventi come scopo l’indebolimento del Ducato di Milano e delle sue componenti locali, in particolare attraverso la perdita di territori, di popolazione, di stabilità sociale, di sovranità politica o di autonomia economica.
A causa del loro rango, i 12 membri del Consiglio del Principato si espongono a persecuzioni per Alto Tradimento.
Il tradimento è un crimine serio.
L’Alto Tradimento è un crimine infame. Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3.

Capo d’imputazione: Tradimento, Alto Tradimento

--------------------------------------------------

II, 2, 5 DEL RIFIUTO DI COLLABORARE CON LA GIUSTIZIA

Costituisce un atto di insubordinazione il rifiuto di collaborare e seguire le indicazioni degli organi della giustizia (Prefettura e Giudice )

-Costituisce un atto di mancata testimonianza la mancata presentazione ad un processo dopo la convocazione da parte del Pubblico Ministero o del Giudice.

-Costituisce un atto di rifiuto di testimonianza il rifiutarsi di rispondere alle domande del Pubblico Ministero.

-Costituisce reato se l'imputato non rispetta il volere espresso dal giudice nel suo verdetto.

L’insubordinazione e la mancata testimonianza sono reati leggeri.
Il rifiuto di testimonianza o non rispettare il verdetto del giudice sono reati seri.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3.

Capo d’imputazione: Intralcio alla giustizia, Disturbo dell’ordine pubblico

Rettìfica
Milano 20 Settembre
Polimnia di Borbone

------------------------------------------------------

(II, 2, 6) II,4,5 DELLA FALSIFICAZIONE DI INFORMAZIONI GIUDIZIARIE

Costituisce un atto di falsificazione di indizi la realizzazione o la modifica di indizi materiali, destinati ad essere usati in un processo, al fine di influenzare il risultato.
Costituisce un atto di falsa testimonianza la tenuta di discorsi volontariamente erronei o l’omissione volontaria di informazioni nel corso di un processo nel momento della comparizione in vesti di testimone.
La falsificazione di prove e la falsa testimonianza sono reati gravi.
Le pene associate a queste categorie sono descritte dagli Art. II.1.3.
Se tali atti sono commessi al fine di favorire l’accusato al momento del processo, il loro autore si espone ad essere sottoposto alle stesse pene dell’imputato di tale processo.

Capi d’imputazione: Intralcio alla giustizia, Disturbo dell’ordine pubblico
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Ser.Bartolomeo

avatar

Maschio
Numero di messaggi : 55
Data d'iscrizione : 20.01.10

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Dom 14 Feb - 3:57:53

Codice Militare

Citazione :
I) CODICE MILITARE 01-01-1457

(Libro primo) REGOLE GENERALI

II,I,1 Stato di guerra - Stato di emergenza e relativa LEGGE MARZIALE

La legge Marziale nel ducato di Milano è prevista in caso di guerra o per eventi straordinari che provocano un emergenza la materia è regolata secondo le seguenti norme.

Art.1 - ATTUAZIONE - L’attuazione della Legge Marziale è una misura eccezionale che viene utilizzata esclusivamente qualora vi siano condizioni in grado di destabilizzare la corretta amministrazione del Ducato di Milano, in particolare in caso di Dichiarazione di Guerra, Stato di Guerra o Stato di Emergenza.

Art.2 - DICHIARAZIONE GUERRA - Il Ducato di Milano potrà dichiarare guerra a un altro stato con voto di maggioranza del Consiglio e con l’assenso del Duca.

Art.3 - STATO DI GUERRA - Il Ducato di Milano potrà dichiarare lo Stato di guerra in tutto il ducato o solo in alcune città, nel caso di attacchi di potenze straniere nemiche o armate fuori dal controllo del Ducato. Per entrare in stato di guerra basterà il solo assenso del Duca, trattandosi di situazione critica.

Art.4 - STATO DI EMERGENZA - Il Ducato di Milano potrà dichiarare una città in Stato di emergenza, nel caso di epidemie, assalti di briganti organizzati o in tutti gli altri casi in cui riterrà che un municipio sia in una situazione di grave pericolo. Lo stato di emergenza si dichiara con voto di maggioranza del Consiglio e con l’assenso del Duca.

Art.5 - LEGGE MARZIALE - Con l’entrata in vigore della Legge Marziale, lo Stato Maggiore dell’Esercito può emettere tutte le ordinanze che crede necessarie al fine di risolvere la situazione e potranno essere estese a tutto il territorio del Ducato o solo ad una parte di esso a seconda dei casi. Le ordinanze potranno essere emesse immediatamente previa comunicazione al Duca che può ritirarle in qualsiasi momento.

Art.6 - I VIAGGI - La legge Marziale permette allo Stato Maggiore di bloccare tutta o parte della viabilità del ducato.
Potranno essere bloccati parzialmente o totalmente i nodi stradali.
In caso di blocco Totale, l’Esercito ucciderà chiunque provi a passare per una strada presidiata.
In caso di blocco Parziale, l’Esercito controllerà i nodi e solo chi ha il lasciapassare potrà transitare.
Il lasciapassare potrà essere dato dal Duca, o dallo Stato Maggiore e potrà essere richiesto dai cittadini comunicando motivo del viaggio e tragitto da intraprendere al Maresciallo di zona, il quale, a sua volta, inoltrerà la richiesta allo Stato Maggiore oppure potrà recarsi al Cortile del Castello del Ducato e presentare personalmente la richiesta, il tutto con un certo anticipo. La comunicazione ai cittadini per il blocco sarà fatta nei municipi e nella taverna del ducato, inoltre il blocco sarà comunicato agli stati confinanti.
Qualsiasi viaggiatore o mercante straniero che entri nel territorio del Ducato interessato al blocco, deve segnalarne l’intenzione con motivo del viaggio e tragitto da intraprendere, tramite ambasciata per richiedere il lasciapassare. In mancanza di tale autorizzazione, i viandanti che verranno sorpresi a viaggiare verranno processati per Disturbo dell’Ordine pubblico.

Art. 7 - LE REGOLE PER LA CITTADINANZA - Tutti i cittadini dovranno obbedire alle Autorità ducali, agli ufficiali e sottoufficiali dell’Esercito. Ogni tipo di rifiuto o inadempienza dei doveri verrà considerata come Tradimento o Alto Tradimento verso il Ducato. Eventuali soprusi da parte dei militari potranno essere comunicati ai viceprefetti che comunicheranno l’avvenimento in Camera prefettizia, il Prefetto informerà il Duca e lo Stato Maggiore.

Art. 8 - I CRIMINI - Le condanne per i reati commessi durante il periodo di vigore della Legge Marziale, avranno come aggravante la condanna per Tradimento o Alto Tradimento.

17 Settembre 1456
Polimnia di Borbone

III,I,2 Costituzione e presenza eserciti sul territorio del ducato
Non è ammessa la presenza di eserciti su suolo del Ducato di Milano senza l'autorizzazione del Duca, la materia viene trattata nel seguente modo:

- Chi vorrà costituire un esercito sul territorio del ducato di Milano dovrà prima chiedere l'autorizzazione Ducale, mandando un messaggio al capitano con le motivazioni per cui intende costituire l'esercito, Il capitano porrà la questione in consiglio.

- Eserciti stranieri che vorranno entrare nel ducato, dovranno prima chiedere l'autorizzazione ducale tramite le ambasciate, specificando il loro percorso e le ragioni per cui vogliono entrare nel territorio del ducato, inoltre l'autorizzazione al passaggio nel Ducato di Milano non permette di fare nessun tipo di azione difensiva o offensiva per le quali occorre richiedere un ulteriore del Duca contattando l'ambasciata o il capitano se ci si trova già sul suolo Milanese.

- Le note nei trattati, con paesi stranieri o con ordini cavallereschi, che permettono il passaggio dei loro eserciti o la costituzione di eserciti nel Ducato di Milano restano validi.

- I permessi verranno chiesti in consiglio il duca dopo aver ascoltato e discusso con i consiglieri deciderà autonomamente se dare le autorizzazioni

- i viceprefetti avvertiranno lo stato maggiore dell'esercito nel caso vedano la costituzione di un esercito nel municipio che controllano, se lo stato maggiore avviserà che manca l'autorizzazione, il viceprefetto farà immediata denuncia chiedendo l'immediata apertura del processo prima che la fase di costituzione sia completata.
Il reato imputabile considerata la sua gravità sarà Alto tradimento

- Eventuali eserciti stranieri che entreranno nel territorio ducale senza permesso, saranno considerati nemici e gestiti dallo stato maggiore dell'esercito ducale

Polimnia di Borbone
24 settembre 1456

III,1,3 Sui gruppi armati
Nel ducato si possono liberamente formare gruppi armati e reggimenti e solo in casi speciali il Prefetto può eventualmente chiedere lo scioglimento degli stessi.

Il Prefetto può, a suo insindacabile giudizio, ordinare lo scioglimento di qualsiasi gruppo armato se ritiene che esso rappresenti un pericolo per la sicurezza.
Il gruppo DEVE eseguire quest'ordine non appena ne abbia la possibilità (farà fede l'ora di ultima connessione del capogruppo).
Il Prefetto può anche, sempre a suo insindacabile giudizio, ordinare di non creare nessun gruppo armato per un tempo di 72 ore attorno ad una città, se non autorizzato direttamente da lui.
I componenti dei gruppi saranno di fatto considerati nemici del ducato se non rispetteranno l'ordine.

Milano 11 ottobre 1456
Polimnia di Borbone
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Ser.Bartolomeo

avatar

Maschio
Numero di messaggi : 55
Data d'iscrizione : 20.01.10

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Dom 14 Feb - 3:58:12

Ed ecco tutto Very Happy
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
FortunatoJack



Maschio
Numero di messaggi : 164
Data d'iscrizione : 07.01.10

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Dom 14 Feb - 6:51:32

La ringrazio, ho provveduto alla copiatura. Very Happy
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Elisabetta Maria

avatar

Femmina
Numero di messaggi : 1517
Data d'iscrizione : 04.03.09

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Dom 14 Feb - 7:17:10

Ser, credo che tu abbia fatto confusione...al Castello Sforzesco nella stessa pagina, c'è sia il vecchio che il nuovo codice, ed hai copiato entrambi Razz

_________________
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://palazzoreale.forumattivo.com
Ser.Bartolomeo

avatar

Maschio
Numero di messaggi : 55
Data d'iscrizione : 20.01.10

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Dom 14 Feb - 12:12:26

Non mi sembra eccellenza c'è il codice civile quello pena e militare, e non ne ho trovati altri. Forse mi sbaglio non so :S
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Elisabetta Maria

avatar

Femmina
Numero di messaggi : 1517
Data d'iscrizione : 04.03.09

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Dom 14 Feb - 12:34:16

Si, ma sono doppi Razz

C'è sia la versione in vigore dal 01-01-1457 sia quella aggiornata Smile

A noi interessa solo la versione aggiornata Razz

_________________
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://palazzoreale.forumattivo.com
Ser.Bartolomeo

avatar

Maschio
Numero di messaggi : 55
Data d'iscrizione : 20.01.10

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Mar 16 Feb - 4:32:04

S.E. mi scuso ma continuo a non seguirla Embarassed
Se mi potreste dare il link di riferimento.
Mi scuso,
Ser Bartolomeo
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Mer 17 Feb - 1:35:14

da postare in ambasciata grazie


H_o_d ha scritto:
[rp]In nome e per conto del Diego Hurtado de Mendoza II detto Eltanque, di seguito Vi esponiamo i nomitivi e le cariche assegnate dallo stesso ai Consiglieri, in virtù del potere a Lui conferitegli:

Eltanque (Principe)
F.A.

Ubertino_da_casale (Capitano)
F.A.

W.w (Prefetto)
F.A.

Jaracas (Giudice)
UB

Drakkan (Sceriffo)
UB

El.pipe.deoro (Ministro del Commercio)
UB

Luca_ross (Ministro delle Miniere e delle Grandi Opere)
A.A.P.

Charliegolf91 (PM)
A.A.P.

Freddy94 (Sergente)
P.L

Riccardoix (Ciambellano)
Esterno

H_O_D (Portavoce)
Esterno


Ringraziamo tutti per la presa in visione di detta comunicazione , ci auguriamo di svolgere al meglio i compiti a Noi assegnati".

Diego Hurtado de Mendoza II
Principe d'Abruzzo


[/rp]
Torna in alto Andare in basso
Ser.Bartolomeo

avatar

Maschio
Numero di messaggi : 55
Data d'iscrizione : 20.01.10

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Mer 17 Feb - 1:52:30

Fatto Very Happy
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Mer 17 Feb - 2:15:44

Grazie ambasciatore!
Torna in alto Andare in basso
Ser.Bartolomeo

avatar

Maschio
Numero di messaggi : 55
Data d'iscrizione : 20.01.10

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Gio 18 Feb - 3:16:29

Eccellenze e Sua Maestà ecco un invito dal parte del ciambellano reale
Mariaiolanda ha scritto:
Citazione :
Milano, 17 febbraio 1458



Alle Loro Eccellenze i Principi del Regno delle Due Sicilie

Al Corpo Diplomatico del Regno delle Due Sicilie

Eccellenze, sono lieta di informarvi che dal 17 febbraio 1458 si terrà presso l'Aula Magna del Castello Sforzesco di Milano un ciclo di incontri per il Corpo Diplomatico Milanese.

Le lezioni avranno cadenza settimanale a partire dal 17/02/1458 e gli argomenti trattati saranno i seguenti:

Prima Lezione: Gli Stati Italici e le loro relazioni con il Ducato di Milano
Seconda Lezione: Lo "Status" di Ambasciatore
Terza Lezione: Come si perviene alla firma di un Trattato

Scusandomi per la tardiva comunicazione, Vi informo che se lo desiderate il Vostro Corpo Diplomatico potrà partecipare

Maria Jolanda Stibbert
Gran Ciambellano del Ducato di Milano



Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Ser.Bartolomeo

avatar

Maschio
Numero di messaggi : 55
Data d'iscrizione : 20.01.10

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Mar 23 Feb - 3:16:26

Mariaiolanda ha scritto:
Citazione :
Alle genti italiche
Saluti!

Noi, Don Stefan Sforza, "Sir_biss", Duca di Milano, e Maria Jolanda Stibbert, "Mariaiolanda", Gran Ciambellano del Ducato di Milano, vogliamo rendere noto a tutte le popolazioni italiche che:

condanniamo, anche se tolleriamo, la presenza di un esercito Templare, su richiesta della Cancelleria Imperiale, a Massa;

auspichiamo che la Repubblica di Genova comprenda che il posizionamento di tale esercito non è voluto dai cittadini modenesi;

auspichiamo che poichè lo stesso non porta i colori identificativi degli eserciti nazionali modenesi, non venga prefigurata una violazione del trattato firmato tra il Ducato di Modena e la Repubblica di Genova;

inoltre

confidiamo nella saggezza del Doge di Genova Don Giovan Luca "J4ckz" D'Altavilla affinchè non intraprenda azioni verso il Ducato di Modena;

annunciamo che difenderemo i territori degli amici modenesi qualora se ne ravvisi la necessità, come richiestoci dal Cancelliere Imperiale;

annunciamo, altersì, che il Ducato di Milano ha stralciato, in data 21 febbraio 1458, il Trattato in essere con l'Ordine dei Cavalieri del Tempio Aristotelico;

ci proponiamo come mediatori diplomatici tra la Repubblica di Genova, il Regno di Francia e l'Imperatore.

Si prega la massima diffusione ed affissione, in tutti gli Stati Italici ed Esteri.

Milano, 22 febbraio 1458


Don Stefan Sforza, "Sir_Biss"
Duca di Milano



Maria Jolanda Stibbert
Gran Ciambellano del Ducato di Milano

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
FortunatoJack



Maschio
Numero di messaggi : 164
Data d'iscrizione : 07.01.10

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Gio 4 Mar - 9:18:20

Da comunicare a Firenze:

Citazione :


Regno delle Due Sicilie


Il regno delle Due Sicilie, comunica che le proprie frontiere sono ancora chiuse.

1. E' fatto divieto a chiunque di introdursi nel territorio del Regno delle Due Sicilie provenendo dal territorio toscano, senza autorizzazione scritta del prefetto abruzzese. E' altresì fatto divieto a chiunque di approdare nel territorio del Regno senza autorizzazione scritta, che andrà chiesta al prefetto abruzzese per la costa adriatica e al prefetto di Terra di Lavoro per la costa tirrenica.
In caso di mancata risposta da parte del prefetto competente, l'autorizzazione si intende negata. Il divieto si applica anche ai cittadini del Regno temporaneamente all'estero, che desiderino far ritorno in patria.
Le forze armate del Regno sono autorizzate a reagire con la forza e senza preavviso a qualsiasi tentativo di sconfinamento o sbarco non autorizzato.
Chiunque contravvenga al presente articolo verrà invitato dal prefetto competente o suo delegato, con avviso inviato tramite messaggio, a lasciare il territorio del Regno. Qualora non ottemperi alla prima occasione possibile (ovvero il giorno seguente, tranne che nel caso in cui sia in ritiro o sia stato ucciso in battaglia),il trasgressore sarà accusato di disturbo dell'ordine pubblico e punito con la reclusione sino ad un massimo di tre giorni e la multa sino ad un massimo di cento ducati.

2. Chiunque intenda recarsi nella città di L'Aquila provenendo da qualsiasi area della provincia o del Regno deve chiedere preventiva autorizzazione scritta al prefetto abruzzese. In caso di mancata risposta da parte di quest'ultimo, l'autorizzazione si intende negata. Il divieto si applica anche ai cittadini residenti a L'Aquila, ma temporaneamente fuori città, che desiderino farvi ritorno.
Fermo restando quanto previsto all'art. 1, le armate abruzzesi sono autorizzate ad attaccare senza preavviso chiunque tenti di recarsi nella città di L'Aquila senza autorizzazione ed appaia, ad insindacabile giudizio del Principe, o suo delegato (capitano, prefetto), una minaccia per la sicurezza.

3.Si rammenta a tutti gli interessati che chiunque si accompagni in gruppo a soggetti ritenuti pericolosi potrà rimanere a sua volta coinvolto in scontri armati. Si invitano i viaggiatori autorizzati a formare gruppi chiusi. Le forze armate del Regno non saranno responsabili di eventuali lesioni accidentali a danno di chi non rispetti questa norma di prudenza.
Le forze armate del Regno non saranno risponsabili.

4. Il presente decreto avrà effetto per tutte le mosse che verranno effettuate successivamente al primo reset successivo alla pubblicazione.


Napoli li, 3 Marzo 1458

Heria Velle d'Altavilla
Contessa di Vairano
Regina delle Due Sicilie




Grazie.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Ser.Bartolomeo

avatar

Maschio
Numero di messaggi : 55
Data d'iscrizione : 20.01.10

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Lun 8 Mar - 3:21:31

Mariaiolanda ha scritto:
A S.E. Heria Velle d'Altavilla
Contessa di Vairano
Regina delle Due Sicilie

Noi, Stefan Sforza "Sir_biss" Duca di Milano e Maria Jolanda Stibbert Gran Ciambellano del Ducato, invitiamo la Vostra Eccellenza o un Vostro rappresentante al tavolo con i Principi di Firenze e Siena che si sta svolgendo in Milano in nome dell'amicizia che lega i nostri paesi.

Certi di una Vostra partecipazione e del nulla osta da parte degli interessati cogliamo l'occasione per rinnovarVi la nostra stima e amicizia.

Fatto in Milano, il 5 Marzo 1458

Don Stefan Sforza, Sir Biss
Duca di Milano



Maria Jolanda Stibbert
Gran Ciambellano di Milano
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
ilamar



Femmina
Numero di messaggi : 84
Data d'iscrizione : 08.03.10

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Mar 9 Mar - 1:38:30

Buongiorno Ambasciatore,in qualità di Gran Ciambellano, le comunico la nuova composizione del consiglio di Tdl.




Citazione :




Principe: Giovanni89


Economia:

Ministro del Commercio Philipdikingsbridge
Sceriffo: Khira
Ministro delle Miniere: Scilli

Giustizia:

Giudice: Maiyra
PM: Conteberengario
Prefetto: Busdeez


Esercito:

Capitano: Elisabeththeiii
Sergente: Tinturadiodio


Comunicazione e Diplomazia:

Ciambellano:
Ilamar
Portavoce: F.Petrus


Consiglieri senza incarichi:
Ketodol

[/quote]
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Ser.Bartolomeo

avatar

Maschio
Numero di messaggi : 55
Data d'iscrizione : 20.01.10

MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano Mer 10 Mar - 2:37:46

Postato!
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Notizie da Milano

Torna in alto Andare in basso
 
Notizie da Milano
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto 
Pagina 2 di 7Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente
 Argomenti simili
-
» Domani sfratto esecutivo :-)
» Milano s.Rita
» mi consigliate un posto carino e romantico vicino a Milano?
» MILANO - SAN RAFFAELE
» MILANO - Mangiagalli-Regina Elena

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Palazzo Reale di Napoli :: Milano-
Andare verso: